La Gran Bretagna si prepara alla guerra con la Russia


L’esercito britannico invia truppe e carri armati in Germania in una grande inversione a U mentre la Russia teme la guerra
L’ESERCITO BRITANNICO sta riportando le truppe in Germania in una grande inversione a U mentre i timori per la guerra con la Russia divampano.
Carri armati e droni devono essere dispiegati in Germania nell’ambito dei piani del governo per costruire una delle tre basi strategiche chiave nel paese. Si ritiene che la base della NATO a Sennelager, nello stato del Nord Reno-Westfalia, diventerà una nuova base per uno degli hub regionali dell’esercito.
Altre due basi sono previste in Kenya e Oman.

Il governo aveva annunciato nella revisione strategica della difesa e della sicurezza nel 2010 che avrebbe ritirato l’esercito britannico dalla Germania al Regno Unito entro il 2020.
Ora l’esercito britannico vuole stazionare una forza di veicoli nel continente in caso di guerra con la Russia, che sta ammassando truppe al confine con l’Ucraina.
Il tenente generale Ralph Wooddisse, comandante dell’esercito da campo, ha dichiarato al Times che i siti consentirebbero all’esercito di “diffondersi più rapidamente” ed “essere pronto a schierarsi da quelli se necessario”.

Ha detto: “Sottolineo in particolare la Germania, dove stiamo mettendo avanti un numero considerevole dei nostri veicoli blindati per essere in grado di muoversi più rapidamente nel caso in cui fossero richiesti ovunque sulla massa continentale”.

Fonti dell’esercito hanno affermato che invece di basare tutto nel Regno Unito e dover attraversare la Manica, saranno più schierati in avanti in modo da non dover mettere gli armamenti sulle navi.

La forza, che secondo quanto riferito è delle dimensioni di una brigata, includerà centinaia di veicoli tra cui carri armati Challenger 3 aggiornati, veicoli corazzati da combattimento Boxer e il veicolo Ajax, che è soggetto a revisione.

Portaerei Britannica Queen Elisabet nel Mediterraneo

Rapporto: la Russia tallona la flotta britannica nel Mediterraneo orientale

Le navi da guerra e i caccia russi esercitano pressioni sulle navi britanniche nel Mediterraneo orientale, mostrando a Londra il loro dominio nella regione.

Il segretario alla Difesa del Regno Unito, Ben Wallace, ha riferito questo venerdì di un nuovo attacco (simulato) delle forze aeronavali russe contro un gruppo di portaerei britanniche nel Mediterraneo orientale. Questo evento è visto come un segno di potere, con l’obiettivo di dimostrare a Londra il suo dominio nella regione.

Secondo Wallace, all’ingresso delle navi da guerra britanniche, inclusa la portaerei HMS Queen Elizabeth, nel Mediterraneo, gli aerei russi l’hanno immediatamente rintracciata e poi hanno iniziato ad intercettare le navi nemiche.

Allo stesso modo, i successivi sottomarini e navi russe si sono riunite sulla scena per contrastare il gruppo d’attacco delle portaerei del Regno Unito. Finora, non ci sono ulteriori informazioni sullo svolgimento di tali esercitazioni militari.
Le relazioni tra Russia e Occidente stanno attraversando un periodo di grande tensione, basato su una serie di questioni, tra cui la situazione in Ucraina e l’annessione della penisola strategica di Crimea alla Federazione Russa nel 2014.
In effetti, gli Stati Uniti e i loro alleati nell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) svolgono attivamente e costantemente attività destabilizzanti vicino ai confini russi, così come nel Mar Mediterraneo, dove la Russia ha basi militari sulle coste della Siria.
Lo scorso giugno, il Regno Unito ha inviato portaerei vicino alle basi russe in Siria . Infatti, la portaerei britannica Queen Elizabeth, alla testa di altre tre navi, è avanzata attraverso il Mediterraneo orientale verso le basi russe in Siria.

In risposta, la Russia ha inviato due velivoli MiG-31K dotati di missili ipersonici “Kinzhal” per rispondere alle provocazioni del Regno Unito nel Mediterraneo.
La tensione fra le forze
russe e quelle della NATO è molto alta e tende a crescere.

Fonti: Express.co.ukHispanTv

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

7 Commenti
  • Antonio Iacona
    Inserito alle 23:48h, 26 Novembre Rispondi

    Nessuno che ricordi che tutto questo è conseguenza del colpo di stato in Ucraina finanziato dagli USA con cinque miliardi di dollari, parole della Nuland. Colpo di stato che ha ridotto l’Ucraina a uno stato fallimentare. Colpo di stato che è avvenuto ai confini della Russia e al quale la Russia non poteva non reagire. Nessuno che chieda agli americani cosa fanno a migliaia di chilometri da casa loro, altro che occuparsi dei movimenti delle truppe russe che si muovono sul loro territorio. Nessuno che chieda conto al governo USA del rischio di conflitto al quale stanno esponendo i loro “amici” europei. Nessuno che chieda conto al governo USA della distruzione della Libia che tanto ha danneggiato l’Italia anche se bisogna ammettere che sono stati stupidamente aiutati financo da noi italiani. Il governo USA ha bisogno di creare disordini in giro per il mondo per imporre il suo potere e difendere i suoi interessi, non capisco invece perchè l’Europa li assecondi in questi loro giochi dove abbiamo tutto da perdere.

    • atlas
      Inserito alle 01:03h, 27 Novembre Rispondi

      tutto questo si chiama: democrazia. Però gli anglosassoni non hanno capito che, se minacciata veramente, la Russia reagisce con tutte le armi nucleari che ha a disposizione, anche perchè è una coalizione, non uno stato solo, di vigliacchi che ha di fronte, come al solito. A questo punto non li lascerei preparare sul campo, attaccherei per primo vendicando le città giapponesi che già furono colpite da quei criminali, lo dico da anni che la guerra è inevitabile. Il soldato e l’aviere bergamasco, non più di leva, penserà ‘ma come, ci mandano ad attaccare la Russia ? Quella che era da noi l’anno scorso ad aiutarci ? Quella che col gas non fa crepare i nostri vecchi di freddo ?’ Siamo professionisti sarà la risposta, è stato tutto un graduale aumento della forza democratica in questi ultimi 20anni, covid compreso. Inutile che ci sia quì chi nega che la guerra con la bomba H ci sarà mai. Monk, sentitelo bene, ATTAAAAK https://www.youtube.com/watch?v=1G9GE01TcBE

  • antonio
    Inserito alle 00:00h, 27 Novembre Rispondi

    non riconosco più i crucchi – ora sono servi

    • Pippo
      Inserito alle 02:54h, 27 Novembre Rispondi

      I tedeschi hanno subito un genocidio, durante l’ultima guerra, non dimentichiamolo. Praticamente adesso, con le continue ondate immigratorie che fanno entrare, si estingueranno definitivamente. C’è uno Stato, ma la Nazione Tedesca è il popolo tedesco sono ormai scomparsi per sempre.
      Sembra un paradosso, ma i prodromi della loro disfatta hanno origine dalla politica Prussiana del 1800-1815 con le sue demenziali “guerre di liberazione” contro la Francia di Napoleone. Il culmine dell’idiozia l’ebbe il maresciallo prussiano Blücher, che, alleato degli inglesi fu il vero vincitore di Waterloo e dette la spallata finale all’impero Napoleonico, ponendo fine per sempre ad ogni speranza di una federazione europea,Come ringraziamento gli inglesi 130 anni dopo, spianarono la Germania a colpi di bombe che, fra gli effetti collaterali, determinarono anche la scomparsa della Prussia dalle cartine geografiche. Bravo Blücher…fidati degli inglesi…Asino!

    • Pippo
      Inserito alle 03:06h, 27 Novembre Rispondi

      Anzi, volevo dire una confederazione di stati europei, come l’attuale Svizzera, Ci saremmo risparmiati le 2 guerre mondiali e tutto il caos politico e rivoluzionario europeo del XIX …

  • Pippo
    Inserito alle 03:07h, 27 Novembre Rispondi

    XIX secolo…

  • antonio
    Inserito alle 12:16h, 28 Novembre Rispondi

    giusta analisi storica – la storia si ripete ignorata da più – concordo sig. P.