La Gran Bretagna si appresta ad inviare le sue unità navali nel Mar Nero

Nel mezzo alle crescenti tensioni tra Russia e Ucraina, il Regno Unito intende inviare le sue navi da guerra nel Mar Nero.

Il quotidiano britannico Sunday Times , citando alti funzionari della Marina del Regno Unito, ha sottolineato questa domenica che l’imminente dispiegamento militare di unità della flotta britannica nel Mar Nero è effettuato per “mostrare solidarietà” con l’Ucraina e gli alleati nell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO).).

Un cacciatorpediniere di classe Tipo 45 Daring equipaggiato con missili antiaerei, insieme a una fregata antisommergibile Tipo 23, lascerà il British Royal Navy Carrier Strike Group nel Mediterraneo diretto al Mar Nero, attraversando lo stretto del Bosforo, vicino alla città di Istanbul, nel nord-ovest della Turchia, secondo la pubblicazione.

Il rapporto aggiunge che i caccia stealth F-35B e gli elicotteri antisommergibile Merlin rimarranno vigili sulla portaerei ‘HMS Queen Elizabeth’, considerata l’ammiraglia della Marina britannica, per supportare, se necessario, le navi da guerra che verranno schierate nel Mar Nero.

Un portavoce del ministero della Difesa britannico ha detto al Sunday Times che Londra sta lavorando a stretto contatto e di concerto con l’Ucraina per “monitorare” la situazione.

“Il Regno Unito e i nostri alleati internazionali sono fermi nel sostenere la sovranità ucraina e la sua integrità territoriale” , ha detto il portavoce, citato in forma anonima dal quotidiano.
Secondo gli esperti britannici, Londra vuole giocare un ruolo chiave nella direzione ucraina. In particolare, si suggerisce che “questo ruolo potrebbe essere anche maggiore di quello degli Stati Uniti”.

All’inizio di aprile, una fonte non identificata citata dalla rete televisiva statunitense CNN ha indicato che Washington invierà navi nelle prossime settimane per mostrare il suo sostegno a Kiev contro Mosca.

Caccia-torpedineire britannico

Di fronte a una situazione del genere, la Russia, che considera una provocazione il dispiegamento militare vicino ai suoi confini, ha lanciato una serie di esercitazioni navali nell’area sotto l’occhio vigile della NATO. Con una misura decretata di recente, la Russia ha bloccato l’ingresso di navi miltari straniere nel Mar di Azov e nelle vicinanze delle acque territoriali della Crimea.

La tensione tra Russia e Ucraina è aumentata nel 2014, quando la regione del Donbas nell’Ucraina orientale è stata teatro di scontri tra i combattenti per l’indipendenza filo-russi e l’esercito ucraino. Nella seconda metà del 2020 la guerra nell’Ucraina orientale ha raggiunto la sua tregua più lunga. Ma, dal gennaio 2021, si sono moltiplicati gli scontri tra le truppe indipendentiste e quelle ucraine. Nel frattempo, Mosca e Kiev si accusano a vicenda di bloccare il processo di negoziazione.

Fonte: Hispan tv

Traduzione: Luciano Lago

16 Commenti
  • Anonimo
    Inserito alle 16:27h, 18 Aprile Rispondi

    decisamente negativa la cosa …

  • La soluzione
    Inserito alle 16:46h, 18 Aprile Rispondi

    Colpite e affondate. Tutta una bufala, non vanno da nessuna parte.

  • Monk
    Inserito alle 17:48h, 18 Aprile Rispondi

    Risiko versione 23.2. Secondo voi tirano su la storia della falsa pandemia per arrivare a una guerra che rischia di incenerire il pianeta?

  • Arditi, a difesa del confine
    Inserito alle 18:06h, 18 Aprile Rispondi

    il drone spia nato continua le quotidiane perlustrazioni dell’area della Crimea meridionale ma ora si sposta fino al confine con la Georgia per poi tornare indietro e andare a sorvolare il bordo orientale dell’Ucraina

    https://cdn1.bbcode0.com/uploads/2021/4/18/1a5304a69767fc81ea677dcc5af04fa0-full.jpg

  • Uno nuovo
    Inserito alle 18:26h, 18 Aprile Rispondi

    Vorrei il parere dei Commentatori abituali del Sito su una mia riflessione.
    Ricordate quando si parlava di nuove armi non convenzionali e si citava la possibilità di provocare terremoti in specifiche località a piacimento?
    Ora a breve distanza dopo un “attacco” in Iran è seguita la risposta perentoria a Taiwan.
    Farnetico? Sono un complottista?
    Di seguito il link delle fonti :

    https://it.sputniknews.com/mondo/2021041810428167-terremoto-in-iran-un-forte-scossa-scuote-il-sud-del-paese/

    https://it.sputniknews.com/mondo/2021041810430493-due-forti-scosse-di-terremoto-fanno-tremare-lisola-di-taiwan/

    GRAZIE a chi vorrà rispondere.

    • giorgio
      Inserito alle 19:14h, 18 Aprile Rispondi

      A pensar male ci si azzecca ….. disse qualcuno ….. Non sarebbe male documentarci di più sul progetto HAARP ……
      Un sito che merita di essere segnalato è sicuramente NOGEOINGEGNERIA.COM portale contro le manipolazioni climatiche e ambientali ….. con una posizione netta contro i potentati finanz globalisti …..

    • Arditi, a difesa del confine
      Inserito alle 04:59h, 19 Aprile Rispondi

      a fare il complottista le direi di si, pensando però che attualmente mi pare ci siano una quarantina di vulcani attivi e considerando che Taiwan si trova al confine della faglia asiatica e pacifica, direi che è una cosa normale, terremoti tra giappone, nuova zelanda, taiwan e indonesia non sono all’ordine del giorno ma quasi
      per l’Iran lo stesso, il paese è in territorio sismico e diverse volte è stato flagellato da terribili terremoti
      ritornando a Taiwan, loro così come i giapponesi convivono coi terremoti e le case vengono costruite in maniera molto differente da noi in occidente, basti pensare che mentre in centro Italia basta un terremoto di 3-4 gradi per buttare giù tutto o quasi, dato che le case di pietra di 100 anni e passa anni fa crollano facilmente, lo scorso marzo nel decennale dello tsunami e dell’incidente a Fukushima il giappone è stato colpito da un altro forte terremoto, 7 grado mi pare, e i danni a cose e persone sono stati minimi

      la verità forse è che l’attività solare si è ridotta al minimo, leggevo nei giorni scorsi un articolo, tanto che si starebbe andando verso una riduzione della temperatura, e le riduzioni dell’attività di macchie solari han sempre registrato un aumento dell’attività sismica nel mondo e ciò confermerebbe quanto sopra riportato riguardo la ripresa dell’attività di numerosi vulcani

  • Sam
    Inserito alle 18:27h, 18 Aprile Rispondi

    Infatti… E la Cina come si pone in questo conflitto nato-russia? E perché nei notiziari che provengono dalla Cina, comunque quelli che arrivano a noi, nella sezione estero, non c’è menzione degli scontri ai confini russi?

    • atlas
      Inserito alle 01:06h, 19 Aprile Rispondi

      perchè è solo la redazione che crede che la Cina sia la moglie fedele della Russia

      invece saranno i più grandi profittatori, quando il giudeo errante glielo chiederà. Perchè seno dei materialisti idolatri del cazzo. E glielo ha già chiesto

    • Arditi, a difesa del confine
      Inserito alle 05:12h, 19 Aprile Rispondi

      la Cina non ha interessi di imporsi a livello mondiale come gli Stati Uniti, non a livello militare, sicuramente a livello economico, non a caso non hanno mire “imperialistiche” se non riprendersi Taiwan e successivamente allargarsi nel Pacifico
      questo perchè il paese non ha grandi sbocchi sul mare e quello che ha lo deve condividere con sud corea, giappone, taiwan, filippine, non a caso la disputa nel mar cinese meridionale riguarda soprattutto il poter far transitare i bestioni che portano container verso l’Europa
      l’alleanza con la Russia, guardando CCTV, pare molto più salda di quanto non si veda in occidente, nonostante a livello di proclami il profilo sia molto basso, a livello pratico, di esercitazioni, le due nazioni collaborano a pieno ritmo

      c’è chi dice che i cinesi guardano con occhi avidi alle terre siberiane, ricche di minerali, giacimenti e altre risorse e quindi la teoria “complottista” vedrebbe i cinesi rimanere seduti sulla riva del fiume aspettando che russi a americani si scannino e poi passare all’azione sui resti della russia che secondo questa teoria uscirebbe vincitrice da un confronto con gli americani (e l’occidente, per quello che conta)

      i cinesi sono un popolo con dietro una storia millenaria ma è sempre stata anti espansionista, loro pretendono solo di avere il loro spazio, anche se devo dire che avendoli conosciuti personalmente posso dire che sono molto invadenti anche se questo, dopo una attenta analisi, potrebbe derivare dalla mentalità comunista ormai radicata nella gente dopo 70 anni di continua propaganda
      del resto basta vedere come in occidente siano bastati meno di 12 mesi per trasformare la massa in idioti con la maschera che hanno paura della propria ombra…
      stringendo all’osso, mi riferisco soprattutto alla proprietà che appunto non essendo abituati a considerare li porta in certe situazioni ad andare “oltre”, visto dalla parte di chi invece è cresciuto nell’idea e nel rispetto della proprietà, sia propria che altrui.

      • Ben
        Inserito alle 09:10h, 19 Aprile Rispondi

        Perché erano già idioti anche senza la maschera, senza rispetto né cognizione alcuna, pronti a distruggersi il buono e tenersi il marcio,

  • Giovanni
    Inserito alle 20:57h, 18 Aprile Rispondi

    Considerata l’affidabilità dei natanti della marina inglese non credo che gli ucraini possano rallegrarsi molto…

  • Sam
    Inserito alle 21:23h, 18 Aprile Rispondi

    Manco rispondere, che permalosi…

  • antonio
    Inserito alle 22:54h, 18 Aprile Rispondi

    l’ inghilterra è un giocattolo nelle mani dei rotshild-rockfeller, se non prendono petrolio e risorse nei paesi indifesi del mondo con la forza militare degli usa, falliscono completamente

  • antonio
    Inserito alle 13:25h, 19 Aprile Rispondi

    i pirati di sua maestà delle guerre dell’ oppio non cambiano mai ?

  • Anonimo
    Inserito alle 15:59h, 19 Aprile Rispondi

    Inghilterra: trenta milioni, in maggioranza cretini.

    Thomas Carlyle

Inserisci un Commento