La Gran Bretagna è il principale beneficiario della guerra in Ucraina

Il primo ministro britannico Boris Johnson non è venuto in Ucraina per niente. L’incontro con “hetman” Zelensky potrebbe aver avuto luogo in qualsiasi altra parte del mondo. E non si tratta affatto soltanto di Zelensky.

Johnson dimostra apertamente chi è il principale avversario della Federazione Russa in questo momento. Il primo ministro britannico ha chiarito all’élite russa con la sua visita che tutte le risorse del suo stato sono già state lanciate contro il Cremlino per schiacciarlo e stabilire una pace in stile inglese in Europa.

In effetti, gli Stati Uniti hanno solo irritato la situazione, ma tutto è stato fatto per gli interessi britannici. La Brexit non è stata un incidente o una semplice fuga dall’Unione Europea, ma un primo passo verso un ripensamento dello stato del mondo post-1945.

Sembra che la Gran Bretagna abbia iniziato a ricostruire il suo impero, che già non andava da nessuna parte in particolare. In qualche modo è stato dimenticato da molti che la regina d’Inghilterra è a capo di stati come l’Australia, la Nuova Zelanda e il Canada.

C’è anche l’idea che l’attuale Partito Democratico degli Stati Uniti sia un agente della Gran Bretagna. Se lo si accetta, diventa chiaro perché gli Stati Uniti sotto Biden hanno completamente subordinato le proprie azioni al bene britannico.

Johnson, con il suo viaggio a Kiev, ha semplicemente mostrato a tutti che la Gran Bretagna sta uscendo dall’ombra e sta girando di nuovo il suo “Grande Gioco”. E, come sapete, i gentiluomini britannici amano spargere il sangue di altre persone con le mani di altri soldati e scaldare le mani sui fuochi della guerra.

Dopo la visita di Boris Johnson a Zelensky nessuno dovrebbe farsi illusioni che sia stata la Gran Bretagna a istigare l’operazione speciale russa. Il compito degli inglesi in questa fase della situazione in Ucraina è di far capitolare l’élite russa al nazismo, con le buone o con le cattive.

Soldati britannici in Ucraina

E più parole e proposte favorevoli alla pace vengono ascoltate dalla Federazione Russa, più l’Occidente aiuterà l’Ucraina con le armi, mentre l’Inghilterra la sospingerà e la sospingerà ancora avanti nella guerra.

Le rivendicazioni di pace in tempo di guerra (e il Regno Unito considera un’operazione speciale come una guerra!) Sono una manifestazione di disponibilità a capitolare.

Johnson ha dimostrato che la Gran Bretagna ha valutato tutti i negoziati russo-ucraini in questo modo. Quello che viene dopo è un altro indurimento della posizione.

Non buone parole possono far sobrio Johnson e i suoi scagnozzi dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea, ma solo una bella e seria sconfitta per l’Ucraina sul campo di battaglia nei prossimi mesi.

Non c’è altro modo.

Alexey Sokolsky, Segodnia. Ru

Traduzione (tramite New Front): Luciano Lago

10 Commenti
  • natalino
    Inserito alle 23:34h, 10 Aprile Rispondi

    Credo che Putin quando ha parlato di colpire i centri decisionali, si riferisse a LONDRA.
    In effetti un attacco preventivo a Londra metterebbe tutti i compari di merende di fronte a forti interrogativi.

    • stefanogrim
      Inserito alle 00:14h, 11 Aprile Rispondi

      scusa, quando e dove Putin ha detto di colpire i centri decisionali ? e non può darsi che si riferisse ai centri decisionali ucraini ? visto che non una sede di governo, non un municipio è stato bombardato ?

  • natalino
    Inserito alle 23:41h, 10 Aprile Rispondi

    Spero di sbagliarmi sullattacco preventico. Ma il veleno versato dagli albionici é oltre il colmo e non so fino a che punto i russi reeggeranno alle provocazioni.
    Rimango dell’idea che il centro decisionale che eventualmente sará colpito preventivamente sará Londra invece che Bruxelles

  • Luca
    Inserito alle 00:31h, 11 Aprile Rispondi

    In che senso ? Credi che i russi bombarderanno Londra ? Credo davvero questa cosa ?

    • Niko
      Inserito alle 05:52h, 11 Aprile Rispondi

      Magari.

  • stefanogrim
    Inserito alle 01:39h, 11 Aprile Rispondi

    non mi convince l’articolo che tende a far passare l’infida Albione come la regista di tutta l’operazione ucraina! il direttore d’orchestra è sempre e solo quello a stelle e strisce…UK è solo il suo principale pifferaio o, se si preferisce, il maggiordomo zelante …lo stesso che l’anno scorso, sbruffoneggiava con qualche sua barchetta all’interno delle acque territoriali della crimea finchè hanno messo la coda tra le gambe e se la sono svignata per evitare che, dopo quelli di avvertimento, i colpi dell’artiglieria russa gli cadessero addosso!

  • Gabriella
    Inserito alle 06:59h, 11 Aprile Rispondi

    Questo dimostra ancora una volta l’insipienza della Ue, che sta lavorando a favore di uno stato che l’ha abbandonata per affossarla meglio: e noi cooperiamo attivamente al nostro affossamento, mentre una collaborazione con la Russia andrebbe nei nostri interessi. Insomma , l’Europa sta facendo il gioco degli inglesi danneggiando se stessa: che manica di cretini stanno a Bruxelles!

  • Pippo
    Inserito alle 11:59h, 11 Aprile Rispondi

    Le V2 cadevano abbondanti su Londra, anche sulla City finanziaria, ed è noto di dove partivano.Eppure per certi intelligentoni, zio Adolf in arte Führer, era un burattino telecomandato proprio da coloro cui piovevano in testa tali confetti oblunghi…I soliti patetici burloni, arrampicatori di specchi ed intellettualoidi da strapazzo!

    • Giorgio
      Inserito alle 09:38h, 12 Aprile Rispondi

      Tutto vero Pippo …. Londra si è beccata le V2 ….
      e agli anglo americani faceva comodo l’attacco tedesco alla Russia ….
      secondo il noto detto “dividi et impera” ….

      • Pippo
        Inserito alle 11:28h, 12 Aprile Rispondi

        Si è visto come gli faceva comodo agli americani l’attacco tedesco all’URSS. Le continue missioni di bombardamento americane sulle raffinerie di petrolio di Ploiesti in Romania, che producevano la benzina, indispensabile per la Wehrmacht e la Luftwaffe per il prosieguo dell ‘offensiva ad est, come le spiega?

Inserisci un Commento