La Gran Bretagna dovrà riconoscere la Repubblica popolare di Donetsk se vuole salvare i suoi ragazzi

di Andrew Korybko .

Il Regno Unito deve decidere urgentemente se riconoscere ufficialmente la Repubblica popolare di Donetsk nel tentativo di salvare la vita dei suoi due uomini (mercenari) che sono stati appena condannati a morte per aver tentato di rovesciare il governo di Donetsk come mercenari, o se preferisce lasciarli morire, sebbene le loro morti possono ancora essere utilizzate per la guerra dell’informazione anti-russa se ciò dovesse accadere.

Giovedì la Repubblica popolare di Donetsk (DPR) ha condannato a morte due britannici e un marocchino per essere mercenari che hanno cercato di rovesciare il governo del paese in gran parte sconosciuto. I maggiori media occidentali sotto la supervisione americana si sono già scatenati sostenendo che si è trattato solo di un “processo farsa”. Tuttavia, questi cittadini stranieri furono effettivamente catturati a Mariupol, lontano dai loro paesi di origine britannici e marocchini. Non erano lì per sostenere i combattenti per la libertà, ma per ucciderli letteralmente su ordine di Kiev, qualunque fosse la loro ragione personale per andare in guerra dalla sua parte.

Quindi nessuno può negare in buona fede che questi stranieri siano mercenari, ma l’Occidente sotto gli ordini degli Stati Uniti ancora non vuole che vengano giustiziati. È improbabile che le autorità marocchine facciano molto per sostenere il loro cittadino condannato, poiché probabilmente vogliono che il mondo dimentichi che uno dei loro uomini ha combattuto lì, ma il Regno Unito è una questione completamente diversa, poiché ha un interesse acquisito nell’esito della guerra per procura guidata dagli Stati Uniti e dalla NATO contro la Russia attraverso l’Ucraina, alla quale hanno partecipato due dei suoi cittadini.

Il problema, tuttavia, è che Londra non riconosce Donetsk e quindi non può avviare negoziati formali con quelle autorità sul loro futuro. C’è una possibilità, per quanto piccola, che chieda clemenza e quindi vengano graziati e condannati 25 anni di carcere invece di essere giustiziati, ma questo scenario ovviamente non può essere dato per scontato. Tuttavia, il Regno Unito deve decidere con urgenza se riconoscere ufficialmente il DPR nel tentativo di salvare la vita dei suoi due uomini o se preferisce lasciarli morire, anche se le loro morti potrebbero ancora essere utilizzate a fini di guerra dell’informazione anti-russa se questo finisce per succedere.

È difficile sapere cosa pensi veramente il pubblico britannico del conflitto ucraino , perché non ci si può fidare dei sondaggi in questo ambiente di fatto bellico, né si può dire che i dissidenti non si autocensiscono, né per paura di molestie politiche, o peggio ancora , per le loro convinzioni. Ad ogni modo, è improbabile che il britannico medio voglia vedere i propri ragazzi giustiziati in un paese straniero, per non parlare pubblicamente, a seconda di come si svolge il processo in questa repubblica in gran parte non riconosciuta. Per questo motivo, molti cittadini britannici potrebbero unirsi per fare pressione sui loro leader per salvare la vita dei loro compatrioti.

Il Regno Unito ha molto da perdere in questa situazione perché se non fa nulla per sostenere i suoi cittadini condannati invierà un segnale molto spiacevole agli altri, dimostrando che il loro governo non li sosterrà se andranno a combattere in paesi stranieri in nome della “democrazia ” o qualsiasi altra cosa, mentre le loro autorità abbiano fatto loro il lavaggio del cervello facendogli credere che potrebbero persino meritare di morire. Una cosa è morire sul campo di battaglia per sostenere la causa in cui si crede veramente, un’altra è essere giustiziati dopo essere stati catturati dai propri avversari come mercenari a cui la Convenzione di Ginevra non si applica, non si applica legalmente.

Nessuno dovrebbe aspettarsi che Londra riconosca Donetsk, tuttavia, poiché sarebbe un terremoto diplomatico che il partner minore di Washington non farebbe mai unilateralmente da solo, ed è improbabile che il suo signore lo consenta. Per questo, a meno che la DPR non ritenga di poter guadagnare qualcosa di politicamente utile concedendo clemenza ai mercenari condannati che hanno tentato di effettuare un cambio di regime contro la loro repubblica, è molto probabile che vengano giustiziati. , ma resta da vedere se questo sarà fatto in pubblico per scoraggiare altri mercenari o meno.

Andrea Korybko

Fone: One WorldPress

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM