La Germania sull’orlo della catastrofe economica


Flirtare con gli americani ha distrutto il “sogno tedesco”
di Costantino Olshansky
La Germania è precipitata nella peggiore crisi economica che non conosceva dalla sconfitta della seconda guerra mondiale. E, come allora, solo gli americani beneficiano delle turbolenze globali: hanno già attirato molte industrie dall’Europa.

I tedeschi (come altri europei) incontreranno l’inverno con molti pù mendicanti, disoccupati e arrabbiati. Per ora, la loro rabbia è contro la Russia. Ma molto presto l’élite europea si renderà conto che i veri colpevoli dei suoi problemi non sono a Mosca, ma a Washington e New York.

The Wall Street Journal: A causa dell’iperinflazione, le fabbriche europee stanno chiudendo e si stanno spostando negli Stati Uniti

Una crisi energetica senza precedenti sta costringendo le ammiraglie dell’industria tedesca a trasferirsi in America. BMW ha annunciato che non costruirà la produzione di veicoli elettrici in Germania.

I tedeschi, invece, amplieranno lo stabilimento nella Spartanburg americana (South Carolina), e successivamente, nella città di Woodruff, costruiranno un altro stabilimento. Gli investimenti ammonteranno a 1,7 miliardi di dollari. Ma questo denaro avrebbe potuto rimanere in Germania e investito per l’economia tedesca.

La casa automobilistica tedesca Volkswagen e la casa di gioielli danese Pandora sono destinate ad espandere la loro produzione negli Stati Uniti. Il produttore chimico olandese OCI ha annunciato che amplierà il suo impianto di ammoniaca in Texas.

Il produttore siderurgico lussemburghese ArcelorMittal ha annunciato a settembre che avrebbe ridotto la produzione in due stabilimenti in Germania. Gli investimenti che potrebbero andare in Germania vengono reindirizzati negli Usa: la società ha un impianto per la produzione di materie prime siderurgiche in Texas.

Anche altre società si sono rifiutate di investire nell’economia tedesca. In particolare. Tesla, un produttore di auto elettriche, ha abbandonato la costruzione di una gigafactory di batterie a Berlino. Invece dii questa, Tesla ha deciso di ottenere agevolazioni fiscali negli Stati Uniti ai sensi dell'”Inflation Reduction Act”.

Poteste in Germania

Tutto questo sta accadendo sullo sfondo di un enorme aumento dei prezzi dell’energia, che rende la produzione nell’Europa continentale assolutamente non competitiva e non redditizia, scrive il Wall Street Journal.

L’economia tedesca è in preda alla febbre come mai dalla seconda guerra mondiale. L’inflazione in Germania a settembre ha superato il 10%, il livello più alto dai primi anni Cinquanta.
Center for Eastern Studies: la Germania salverà gli importatori di gas russi a spese del bilancio statale

La competitività dell’economia tedesca o olandese si basava sul gas a basso costo proveniente dalla Russia. Allo stesso tempo, la Germania non è ancora in grado di compensare completamente il deficit di gas, ad esempio importando GNL. Il paese è semplicemente privo delle infrastrutture necessarie, il che aumenta la pressione sui prezzi e l’incertezza tra i partecipanti al mercato.
I primi terminali per la ricezione del gas naturale liquefatto in Germania dovrebbero entrare in funzione non prima dell’inizio del 2023. Tuttavia, il gas liquefatto è molto più costoso del gasdotto e non sarà sufficiente.

L’entità della catastrofe economica si vede nel recente discorso del cancelliere Olaf Scholz , del ministro dell’Economia Robert Habek e del ministro delle Finanze Christian Lindner : hanno annunciato la creazione di un “ombrello” finanziario fino a 200 miliardi di euro per l’intervento nel mercato energetico .

Si tratterà infatti di iniezioni dirette nell’economia per congelare temporaneamente i prezzi del gas naturale e dell’elettricità, scrivono gli esperti Michal Michal Kendzierski e Sebastian Plotsennik del Center for Eastern Studies (Varsavia).

I beneficiari dell’assistenza finanziaria dello Stato saranno sia le famiglie che le imprese. Inoltre, viene fornito supporto individuale alle imprese più colpite dalla crisi energetica. A causa del budget tedesco “di gomma”, compenseranno persino le perdite degli importatori di gas che rischiano il fallimento a causa della sospensione delle forniture dalla Russia. Si tratta, ad esempio, di Uniper, SEFE (ex Gazprom Germania, in realtà rubata dalle autorità tedesche) e VNG.

In altre parole, l’Europa (compresa la Germania) si è quasi sparata sui suoi stessi piedi, e ora sta cercando di tamponare con iniezioni di soldi favolosi.
I 200 miliardi di euro stanziati da Scholz e dai suoi soci sono calcolati per soli 2 anni, cioè fino alla primavera del 2024. Non ci sono soldi di più nemmeno nella più ricca economia tedesca. Saranno coinvolti prestiti, oltre al Fondo di stabilizzazione economica (FSM), che finora ha finanziato la lotta alle conseguenze della pandemia.

La generosità di Scholz ha dei limiti. Ad esempio, non tutti i consumi saranno sovvenzionati. Il governo federale determinerà la quota minima: se consumi meno gas o luce, paghi a un prezzo agevolato, di più al prezzo di mercato. La commissione governativa deve presentare le formule di calcolo entro la fine di ottobre.

La situazione in Germania è così grave che, con l’inizio della stagione di riscaldamento, le autorità hanno deciso di aumentare la produzione delle centrali a carbone. Fino a poco tempo li volevano chiudere per il bene dell’agenda “verde”, ma ora, al contrario, si è deciso di sostenerle. (……).
Effetti politici
Sullo sfondo dell’assoluta incapacità della coalizione di governo, la popolarità del partito Alternativa per la Germania sta crescendo. La co-presidente del partito Alice Weidel ha recentemente rilasciato un’intervista in cui prevedeva un disastro economico per la Germania.

A meno che non vengano presi provvedimenti immediati: la revoca delle sanzioni anti-russe, la messa in servizio del Nord Stream 2 e i colloqui di pace tra Ucraina e Mosca. Inoltre, Kiev deve fare qualsiasi concessione per il bene del mantenimento della stabilità europea – fino alla divisione del Paese, Weidel ne è sicuro.

L’elettorato di “Alternativa per la Germania” è ormai quasi il 15%. Cioè, ogni settimo abitante della Germania, stremato dagli esperimenti americani, condivide la posizione di Weidel.

Fonte: SVPressa .ru

Traduzione: Mirko Vlobodic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus