La Germania si rifiuta di inserire nella lista nera gli Hezbollah, sfidando le disposizioni degli Stati Uniti e le pressioni saudite


La Germania ha rifiutato di seguire la leadership della Gran Bretagna nel designare il movimento di resistenza libanese Hezbollah come organizzazione terroristica, nonostante le pressioni dell’Arabia Saudita e degli Stati Uniti, come riferisce un alto funzionario.

La decisione è stata annunciata venerdì dal ministro di Stato, Niels Annen, in un’intervista con la rivista settimanale Der Spiegel dopo la sua visita in Libano.

Annen ha descritto Hezbollah come “un fattore rilevante nella società libanese”, e ha detto che la Germania “era interessata alla stabilità del Libano”.

Berlino ha preso la decisione nonostante questa possa alimentare le tensioni con l’Arabia Saudita e con gli Stati Uniti, che hanno esercitato forti pressioni sui loro alleati per vietare il movimento libanese.

Annen ha respinto le critiche degli Stati Uniti secondo cui Berlino stava facendo troppo poco per combattere l’influenza dell’Iran nella regione e ha affermato che la politica estera del suo paese è rimasta focalizzata sulla ricerca di soluzioni politiche anche in situazioni difficili.

Il mese scorso il governo britannico ha designato l’intera organizzazione di Hezbollah – sia le sue ali politiche (presenti nel Parlamento libanese) che quelle militari – come un’entità terrorista. In precedenza aveva incluso nella lista nera l’apparato militare di Hezbollah come un “gruppo terrorista”.

Hezbollah ha condannato fermamente la mossa e dei britannici e l’ha descritta come un insulto alla nazione libanese.

“Il governo britannico, in questa decisione, ha insultato i sentimenti e il libero arbitrio del popolo libanese, che considera Hezbollah una tale forza politica e popolare che gli ha concesso una grande rappresentanza in Parlamento e Gabinetto di Governo”, ha dichiarato Hezbollah in una nota ufficiale rilasciata dopo il Decisione del Regno Unito
Gli Hezbollah libanesi hanno rilasciato una dichiarazione che “respinge fortemente” una decisione britannica di considerare il movimento di resistenza un’organizzazione terroristica.
Hezbollah è fortemente sostenuto dal popolo del Libano e ha una forte rappresentanza nel processo politico del paese, specialmente dopo la sua vittoria nelle elezioni dello scorso anno, dove ha vinto oltre la metà dei seggi parlamentari.

Hezbollah in parata

Come risultato della vittoria, in seguito ha ottenuto il controllo su tre dei 30 ministeri del governo guidato dal primo ministro Saad al-Hariri, il più grande numero di sempre.

Nelle osservazioni fatte venerdì, il segretario generale di Hezbollah Sayyid Hassan Nasrallah ha condannato la decisione del governo britannico di mettere al bando Hezbollah nella sua interezza, affermando che alcuni paesi avrebbero seguito l’esempio.

“Ci elencano come un’organizzazione terroristica perché hanno fallito nei loro piani di dominazione e nei loro schemi militari e hanno paura di una nuova guerra. La forza di volontà e la forza di Hezbollah si stanno rafforzando giorno dopo giorno “, ha osservato.

La Gran Bretagna è diventata sempre più irritata dal ruolo di Hezbollah in una campagna anti-miliziani jihadisti in Siria, dove Londra negli ultimi otto anni ha sostenuto gruppi terroristici contrari al governo del presidente Bashar al-Assad.

Hezbollah ha svolto un ruolo importante nell’aiutare Assad a eliminare il territorio siriano dai gruppi terroristici. L’intervento, una volta criticato in Libano, ha aiutato il movimento di resistenza ad aumentare la sua influenza politica mentre il gruppo ora controlla tre ministeri, un primo nella storia del governo libanese.

Il regime israeliano ha accolto rapidamente la decisione della Gran Bretagna, con il ministro della sicurezza israeliano Gilad Erdan che ha dichiarato in un tweet che l’Unione europea, che a differenza degli Stati Uniti si è opposta alla designazione di Hezbollah come entità terrorista, dovrebbe seguire l’esempio.
La Germania ha rifiutato di uniformarsi alle direttive di USA-Israele-Arabia Saudita, quella che viene definita da molti osservatori la nuova “Santa Alleanza”.

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti

Inserisci un Commento

*

code