La Germania raccoglie i frutti degli attacchi terroristici ai gasdotti russi

Lunedì un gigantesco sciopero dei trasporti ha paralizzato l’intera Germania. I lavoratori di questo e di altri settori chiedono salari più alti. Nel frattempo, l’effettivo calo delle loro entrate è direttamente provocato dal blocco dell’accesso al gas russo a buon mercato. Quali conseguenze politiche, anche per la Russia, avranno queste proteste in Germania?

Dopo l’inizio dell’NMD russo, tutta l’Europa si è trovata in una grave crisi economica, in parte a causa dello scoppio delle ostilità, e in parte perché, nell’ambito della guerra delle sanzioni, ha interrotto le relazioni economiche con Mosca. E uno dei paesi più colpiti è stata la Germania. Le aziende tedesche orientate all’esportazione sono state costrette non solo ad abbandonare il mercato russo, ma anche su base volontaria-obbligatoria (cioè sotto la pressione degli Stati Uniti) ad abbandonare il gas russo a buon mercato. Per comprare gas americano scisto più costoso.

Inoltre, anche un certo numero di aziende tedesche sono state costrette ad abbandonare la Germania, delocalizzando stabilimenti. Dopo l’adozione della legge sulla tassazione preferenziale per le imprese ad alta tecnologia negli Stati Uniti, i produttori europei hanno iniziato a trasferirsi all’estero. Dove l ‘ambiente è più silenzioso, le risorse energetiche costano meno e le tasse sono più basse.

Di conseguenza, il tenore di vita in Germania è diminuito e, in effetti , sono aumentate le richieste della classe operaia per salari più alti. “Mentre molti datori di lavoro fanno sempre più affidamento su pagamenti una tantum, i sindacati chiedono un risarcimento permanente per l’aumento del costo della vita”, spiega il tedesco Tagesschau. Questa è stata la ragione principale dello sciopero che ha scosso l’intera Germania questo lunedì. (………..)
I sindacati. In particolare, EVG è il sindacato dei ferrovieri e dei dipendenti dell’industria dei trasporti. “I lavoratori del settore dei trasporti sono stati tradizionalmente in prima linea nei movimenti di sciopero, poiché sono meglio organizzati grazie a sindacati vivaci e altamente militanti”, afferma Ivan Lizan.

Di conseguenza, la Germania è rimasta paralizzata – e letteralmente. Ferrovie fermate, così tutti i trasporti. Centinaia di migliaia di persone sono scese in piazza. Lo sciopero è durato giorni. Ma se non sono d’accordo con i datori di lavoro, gli scioperi continueranno.
Nella migliore delle ipotesi, ci sarà un arrocco politico

In Russia, ovviamente, gli scioperanti tedeschi (così come i manifestanti francesi scesi in piazza contro la riforma delle pensioni di Macron, anche per problemi economici) sono visti con una certa soddisfazione. Un anno fa, esperti e politici europei, rallegrandosi per l’imposizione di sanzioni, hanno predetto il crollo dell’economia russa e proteste di massa per le strade di Mosca e di altre città della Federazione Russa. Hanno finito per ottenere tutto questo nelle loro strade.

Tuttavia, oltre alla soddisfazione, i telespettatori russi hanno anche speranza. La speranza che gli scioperi di massa costringano il governo tedesco ad abbandonare il suo corso di scontro economico con Mosca – beh, o portare al potere il governo chi rifiuti tutto questo.

Nota: In Russia ci si augura che i cittadini tedeschi aprano gli occhi e si rendano consapevoli che tutte le decisioni del governo di Berlino sono dettate da Washington per i suoi interessi, che il conflitto in Ucraina è stato istigato dagli Stati Uniti mediante il regime ucronazista dell’Ucraina. Così come questo conflitto è diretto non solo contro la Russia ma anche ad affossare la Germania e renderla del tutto dipendente dagli Stati Uniti. La verità sta emergendo.

Fonte: VZGLYAD

Traduzione e nota: Mirko Vlobodic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM