La Germania nasconde le prove della complicità nel genocidio: il Nicaragua le espone

dI JOHN PERRY
Giovedì scorso, il dottor Ghassan Abu-Sittah, il chirurgo di guerra britannico-palestinese, ha tenuto il suo primo discorso come neo-rettore dell’Università di Glasgow , scelto in riconoscimento del suo lavoro presso l’ospedale al-Shifa di Gaza. Il giorno seguente è volato a Berlino, dove era stato invitato a parlare ad un’importante conferenza sulla Palestina.

Al suo arrivo è stato portato via dalla polizia, interrogato per diverse ore e alla fine gli è stato detto che doveva lasciare la Germania e che non gli sarebbe stato permesso di tornare almeno fino alla fine di aprile. Qualsiasi tentativo di parlare alla conferenza tramite Zoom potrebbe comportare una multa o addirittura una pena detentiva a un anno. Quando è stato rilasciato non avrebbe comunque potuto partecipare alla conferenza, poiché questa era già stata invasa da almeno 900 poliziotti e chiusa. Il sindaco di Berlino ha affermato che era “intollerabile” che la conferenza avesse avuto luogo.

Il dottor Abu-Sittah, parlando poi della sua esperienza, ha fatto riferimento al fatto che la Germania, anche la settimana scorsa, si è difesa davanti alla Corte internazionale di giustizia contro l’accusa del Nicaragua di essere complice della guerra genocida. “Questo è esattamente ciò che fanno i complici di un crimine”, ha detto. “Seppelliscono le prove e mettono a tacere, molestano o intimidiscono i testimoni”.

Guardare il live degli avvocati tedeschi all’Aia qualche giorno prima era stata un’esperienza strana. Hanno dato l’impressione di essere offesi dal fatto che la Germania fosse stata accusata di complicità in tali crimini, soprattutto da un piccolo paese che, secondo loro, non aveva alcun interesse nel caso. Inoltre, non si può ancora dire che Israele stia commettendo un genocidio, perché la Corte Internazionale di Giustizia non ha ancora deciso il caso intentato contro dello stato sionista dal Sud Africa, nella cui contestazione la Germania aveva sostenuto Israele. Poiché Israele non era parte in causa nel nuovo caso, il dossier dovrebbe essere semplicemente rigettato.

Alcune ricerche avrebbero potuto dare loro una migliore valutazione delle credenziali del Nicaragua per portare avanti il ​​caso. La sua reciproca solidarietà con la Palestina risale a molto tempo fa. Inoltre ha più esperienza della Germania all’Aia, compresa la sua azione pionieristica contro gli Stati Uniti nel 1984, quando ottenne un risarcimento di 17 miliardi di sterline (che non fu mai pagato) per i danni arrecati al Nicaragua dalla guerra dei Contras finanziata dagli Stati Uniti e dalla guerra di sanzioni mineraria dei suoi porti. Carlos Argüello, che ha guidato il caso la scorsa settimana e molti dei casi precedenti, ha affermato che il Nicaragua ha offerto la sua esperienza alla Palestina e si è già unito all’azione del Sudafrica. Aveva deciso di prendere di mira la Germania, il secondo più grande fornitore di armi a Israele, perché gli Stati Uniti, il più grande fornitore, sono fuori dalla giurisdizione della Corte su questo tema.

Argüello spiega che l’obiettivo è creare un precedente con una portata più ampia: i paesi devono assumersi la responsabilità delle conseguenze delle loro vendite di armi per evitare che vengano utilizzate in violazione del diritto internazionale. L’argomentazione della Germania secondo cui un’azione legale non può procedere prima che il precedente caso del Sudafrica venga risolto è insensata, dal momento che i paesi hanno l’obbligo di prevenire il genocidio, non semplicemente di aspettare fino a quando non sarà dimostrato che sta accadendo.

In ogni caso, la Germania doveva essere a conoscenza dei numerosi avvertimenti da parte di alti funzionari delle Nazioni Unite sull’imminenza del genocidio a Gaza, iniziato già il 9 ottobre .

Proteste per Gaza

La Germania ha affermato di disporre di un “solido quadro giuridico” per garantire che le sue esportazioni di armi non vengano utilizzate in modo improprio e che le vendite a Israele sono ora limitate alle attrezzature non letali. Ma qualsiasi rifornimento inviato a un esercito genocida contribuisce a sostenere le sue azioni criminali, ha risposto il Nicaragua.

Si è parlato molto degli obblighi storici della Germania dovuti alla sua storia nazista, ma Argüello sostiene che questi dovrebbero riguardare il popolo ebraico, non lo Stato israeliano. Aggiunge che il passato della Germania potrebbe anche obbligarla a contribuire a prevenire il genocidio ovunque possa verificarsi. Il portavoce del suo governo sul caso del Sud Africa aveva affermato che la Germania è “particolarmente impegnata nella Convenzione sul genocidio”.

Anche all’economista Yanis Varoufakis è stato vietato di parlare a Berlino. Aveva intenzione di concludere il suo discorso dicendo ai politici tedeschi che “si sono coperti di vergogna” attraverso il loro fermo sostegno alle atrocità di Israele. Carlos Argüello fa eco a questo punto quando gli viene chiesto se una decisione della Corte Internazionale di Giustizia possa effettivamente essere applicata: dobbiamo mobilitare la vergogna, dice, ‘…questa è la speranza. Forse siamo troppo idealisti, ma è l’unica arma che abbiamo.

Fonte: Counterpunch.org

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “La Germania nasconde le prove della complicità nel genocidio: il Nicaragua le espone

  1. Oltre alla cattiveria, l’ arroganza, la sindrome egemonica, l’ occidente cadrà in disgrazia per la colpa. Nonostante le retoriche e le censure propagandistiche il mondo sa’, ed ha sempre saputo, che l’ lo sterminio palestinese ormai ultra settantenne lo commettono gl’ ebrei sugl’ arabi, ed ovviamente i loro alleati. Fremo dalla rabbia come italiano. I governi europeisti hanno trasformato le missioni Unifil di pace in Libano, sotto egida Onu, in sostegno all’ entità sionista e depravata. Li odio.

  2. I tedeschi sono come gli ebrei e vogliono la rivincita con la russia credo che questa volta si beccheranno una bomba atomica su Berlino.

  3. Anche un piccolo paese come il Nicaragua può fare molto, come un granello di sabbia in un grande ingranaggio ! Anche il Nicaragua ha sperimentato nel suo “piccolo” per decenni un mini genocidio che ha colpito qualunque opposizione o anche voci timidamente critiche ! Fin dal 1936 la dittatura sanguinaria e iperliberista filo USA degli squadroni della morte della dinastia Somoza hanno insanguinato e ridotto in miseria il 99 % dei nicaraguensi, fino alla rivoluzione del 1979, quando, ritirato l’appoggio repressivo USA dal presidente Carter, i sandinisti di Ortega presero Managua, e Somoza fuggì a Miami (guarda un pò), finendo poi giustiziato in Paraguay da guerriglieri guevaristi ! Ricordare questi avvenimenti storici, i genocidi di ieri, è fondamentale per comprendere quelli di oggi, anche se in contesti diversi, e in questo caso visto l’esito finale, anche di buon auspicio !
    https://www.infoaut.org/storia-di-classe/17-settembre-1980-giustiziato-il-dittatore-anastasio-somoza-debayle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM