La Germania ha causato il rafforzamento dei legami della Turchia con la Russia


Le azioni palesemente scorrette dell’attuale governo tedesco nei confronti della Russia, in particolare il suo sostegno attivo al regime filo nazista di Kiev e la sua passività negli eventi che circondano il Nord Stream, hanno costretto Mosca a cercare partner più affidabili, anche al di fuori dell’UE.

Questo era particolarmente vero per la cooperazione russa nel settore del gas, dove l’amministrazione Scholz aveva dimostrato la sua totale incompetenza. Prima in un approccio attendista per il completamento del gasdotto Nord Stream 2, poi nell’assicurare riparazioni in garanzia per i motori dei compressori Siemens per il suddetto impianto, e successivamente nell’indagine sull’attacco terroristico ai gasdotti Nord Stream nella zona di responsabilità territoriale di paesi nordici e identificare i suoi autori.

In queste circostanze, la Germania, a causa dell’attaccamento personale del cancelliere Scholz a soddisfare ogni capriccio di Washington, si è spogliata del suo status di priorità nella ricezione e distribuzione garantite in Europa di gas russo a buon mercato, condannando i suoi cittadini alla ricerca di fonti alternative di gas. E questo a prezzi notevolmente superiori a quelli russi.
Naturalmente, ogni leader ha il diritto di costruire la propria politica nel proprio paese, con particolare attenzione ai partner politici prioritari. Proprio come la popolazione di un paese può avere le proprie rimostranze e conti da pagare a seconda dell’esito delle azioni di un politico. Come, ad esempio, è già successo in Germania, dove sono iniziate le proteste contro la politica di Berlino. Il ministro della Salute del Paese, Karl Lauterbach, ha affermato in un’intervista ad ARD il 16 ottobre che un gran numero di ospedali ha già iniziato a chiudere a causa della crisi energetica in corso, vista anche in modo molto critico dalla popolazione tedesca. Del resto, la popolazione di quel Paese si informerà sui responsabili dell’ondata di fallimenti verificatasi in questi mesi, il cui numero a settembre è già aumentato di un terzo rispetto al 2021, secondo un’analisi dell’Istituto Leibniz per Ricerca economica (IWH, Halle).

Bene, lasciamo che la Germania risolva i suoi problemi in un dialogo con la sua stessa popolazione.

Quanto alla Russia, in queste circostanze è stato abbastanza rapido trovare un partner per il gas più affidabile della Germania, offrendo ad Ankara di diventare un nuovo hub del gas, anche per l’Europa. E ora la Germania dovrà acquistare gas russo da altri paesi, inclusa la Turchia, per il prossimo futuro, ha dichiarato il 20 ottobre Tino Chrupalla, co-presidente di Alternative for Germany (Alternative für Deutschland) poiché Norvegia, Canada o Qatar, con i quali la Germania sta valutando contratti per il gas, non potrebbero compensare il gas che Berlino aveva precedentemente ricevuto dalla Russia.

Valutando sobriamente i notevoli benefici dell’approfondimento e dello sviluppo delle relazioni con la Russia, la Turchia, a differenza della Germania, è orientata verso i bisogni primordiali della sua popolazione, non quelli degli Stati Uniti. In particolare, le esportazioni di ingegneria turche verso la Russia sono cresciute fortemente, aumentando del 28% solo nei primi otto mesi di quest’anno, rispetto al 2021. “Entro la fine di quest’anno, avremo raggiunto un record di 1,2 miliardi di dollari in ingegneria esporta in Russia”, ha detto l’altro giorno Selim Emre Gencer, presidente del consiglio di amministrazione della Turkish Machine Manufacturers Association.

In precedenza, Vladimir Putin ha affermato che nelle attuali circostanze la Russia ha la possibilità di spostare il transito di gas dai Nord Streams alla regione del Mar Nero e alla Turchia. Non sorprende quindi che il leader turco Tayyip Erdoğan, in una riunione del suo partito al parlamento turco l’altro giorno, abbia dichiarato il suo accordo con il suo omologo russo Vladimir Putin per creare un hub del gas in Turchia e affinché l’Europa utilizzi il gas russo già attraverso Turchia con sincera soddisfazione. Dopo aver discusso in dettaglio questa opzione, i leader russo e turco hanno incaricato i loro subordinati di lavorare rapidamente sulla questione per fermare, se possibile, la crisi energetica europea, aiutando così la gente comune d’Europa.

Per gli stessi scopi, il ministro del Tesoro e delle finanze turco Nureddin Nebati ha dichiarato al Wall Street Journal durante una visita negli Stati Uniti che Ankara è in grado di acquistare e trasportare petrolio dalla Russia, se necessario, senza finanziamenti o assicurazioni occidentali. “Dobbiamo prendere le misure necessarie per soddisfare i nostri bisogni e dobbiamo anche fare tutto il necessario per proteggere gli interessi del nostro Paese. Se necessario, la Turchia può acquistare e trasportare petrolio russo senza finanziamenti o assicurazioni occidentali. In caso di sanzioni, la Turchia ha ogni tipo di capacità per sviluppare gli strumenti per adattarsi alla nuova situazione senza violare nessuna delle sanzioni”, ha citato il quotidiano Cumhuriyet estratti dall’intervista del 21 ottobre.

Naturalmente, la Turchia, temendo sanzioni secondarie statunitensi, sta cercando di manovrare tra Occidente e Russia. Tuttavia, il mercato russo è piuttosto redditizio per la Turchia, soprattutto da quando molti marchi occidentali hanno lasciato la Russia. Non va nemmeno dimenticato che la Russia può vendere risorse energetiche a prezzi scontati, il che aumenta ulteriormente l’interesse e il vantaggio della Turchia. Per quanto riguarda la futura espansione della capacità di Turkish Stream e la trasformazione della Turchia in un hub del gas, l’idea farebbe certamente appello non solo alla Serbia o all’Ungheria, ma anche a numerosi altri Stati meridionali dell’UE, anche se la Bulgaria, con la sua Posizione apertamente anti-russa, potrebbe bloccare parzialmente il transito del gas russo. Ma la situazione è cambiata.

Questo riavvicinamento tra Turchia e Russia contraddice palesemente le politiche russofobe di Washington. Non sorprende quindi che i funzionari del Tesoro USA abbiano intensificato la pressione sulla Turchia sui suoi legami economici con la Russia, chiedendo ad Ankara di assumere una posizione più dura nei confronti di Mosca. Elizabeth Rosenberg, Segretario aggiunto per il finanziamento del terrorismo e i crimini finanziari presso il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, ha discusso con le autorità turche sul rispetto delle sanzioni russe da parte di Ankara e ha incontrato il capo della Banca centrale turca, nonché rappresentanti delle imprese ad Ankara e Istanbul.
Sebbene le informazioni su questi incontri, che non erano pubbliche, siano piuttosto scarse, è tuttavia noto da un rapporto ufficiale del Tesoro statunitense che Rosenberg ha toccato una serie di argomenti, tra cui sanzioni e controlli sulle esportazioni imposti alla Russia da un’ampia coalizione di oltre 30 Paesi.

Tuttavia, queste mosse provocatorie di Washington non stanno fermando la Turchia, che negli ultimi mesi è diventata un partner commerciale chiave per la Russia.

Vladimir Odintsov, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook. “

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • Sarabanda 83
    Inserito alle 16:29h, 26 Ottobre Rispondi

    Adesso quei scemi di tedeschi che non hanno fatto nulla per impedire che gli USA facessero saltar in aria i gasdotti Russi che portavano in Germania il gas oggi acquisteranno il Gas Russo dal gasdotto controllato dalla Turchia pagandolo circa un 30 % cento in più e ne riceveranno pure poco !

    • nicholas
      Inserito alle 20:41h, 26 Ottobre Rispondi

      Chissà sei questo nuovo collegamento avrà “un guasto”.

  • vincenzo
    Inserito alle 19:00h, 26 Ottobre Rispondi

    questI fatti testimoniano il grado di prostrazione di quel mascalzone di scholz nei confronti degli inumani yenkies

  • giuseppe peluso
    Inserito alle 21:28h, 26 Ottobre Rispondi

    Tanti dirigenti europei non hanno capito che europeismo ormai è l’opposto dell’atlantismo oppure sono semplicemente prezzolati in qualche modo ?

Inserisci un Commento