La Germania esprime preoccupazione per la tesa situazione elettorale negli Stati Uniti

Il ministro della Difesa tedesco, Annegret Kramp-Karrenbauer, ha avvertito questo mercoledì di una situazione molto preoccupante ed “esplosiva” e di “una crisi costituzionale” nel Paese nordamericano, dove si è proclamato il candidato repubblicano alla presidenza, Donald Trump “Vincitore” delle elezioni mentre continua il conteggio dei voti.

Il risultato di “queste elezioni non è ancora deciso (…), i voti sono ancora in fase di conteggio. (…) È una cosa che dovrebbe interessarci tutti ”, ha detto il capo del ministero della Difesa tedesco in dichiarazioni al canale locale ZDF.

In un’altra parte delle sue osservazioni, Kramp-Karrenbauer ha indicato che i legami bilaterali tra Berlino e Washington “sono stati duramente messi alla prova negli ultimi quattro anni” sotto la presidenza Trump.

La reazione del funzionario tedesco arriva poco dopo che il magnate repubblicano ha affermato di aver vinto alle elezioni , denunciando la frode senza presentare prove, nonostante il conteggio dei voti continui in diversi stati chiave, in una battaglia elettorale molto serrata con il suo rivale democratico, Joe Biden.

La campagna di Biden si è scagliata contro Trump, definendo “oltraggiose” e “senza precedenti” le sue osservazioni sulla presunta “vittoria” elettorale .

Il social network Twitter ha anche classificato come “contenuto potenzialmente fuorviante” un tweet del leader repubblicano , in cui accusa i democratici di tentare di “rubare le elezioni”.

Secondo i media locali finora, Biden avrebbe ottenuto 238 voti dei 270 delegati necessari per sostenere la sua candidatura contro Trump, con 213.

Il nome del vincitore non è probabilmente noto questo mercoledì a causa dell’elevato numero di voti espressi per posta e il cui riconteggio in alcuni stati, come Pennsylvania, Michigan e Wisconsin, potrebbe richiedere anche pochi giorni, in parte a causa dell’aumento del volume di votando per posta a seguito della nuova pandemia di coronavirus, che causa COVID-19.

Angela Merkel disgustata nell’apprendere del caos negli USA

La nomina elettorale avviene negli Stati Uniti tra i crescenti timori per lo scoppio di violente proteste nel Paese, soprattutto a causa delle dichiarazioni del magnate repubblicano che non avrebbe accettato i risultati, se avesse perso contro Biden.

Nota: La cancelliera Merkel è apparsa molto nervosa oggi nell’apprendere della situazione di incertezza determinatasi negli Stati Uniti a seguito dell’incerto risultato delle elezioni. Non è un mistero che in Germania si conta su una eventuale vittoria di Joe Biden e dei democratici per poter ristabilire una collaborazione con Washington e sciogliere i molti nodi che intrecciano ultimamente le relazioni fra Berlino e Washington.
Le questioni più importanti in sospeso sono quelle realtive al gasdotto North Stream 2 con la Russia, il bilancio della NATO, i rapporti con la Russia e da ultimo l’incresciosa situazione dell’avvelenamento di Navalny su cui la Merkel ha voluto assecondare le richieste USA, pur essendo consapevole che si trattava di una messa in scena neppure credibile. “Non si può andare avanti così”, sembra che abbia detto la Merkel ai suoi collaboratori, bisogna che i nordamericani cambino modo di gestione poichè con l’amministrazione Trump non c’è possibilità di dialogo.

Fonte: Politico

Traduzione, sintesi e nota: Luciano Lago

17 Commenti
  • giulio
    Inserito alle 17:23h, 04 Novembre Rispondi

    quel gangster repubblicano si proclama vincitore prima ancora che sia terminato il conteggio dei voti che, al momento, danno invece avanti il suo avversario biden.
    Basterebbe questo per capire che razza di bestia pericolosa sia quel trump!
    Gli altri non sono certo migliori …. gangster imperialisti anche loro…ma se biden vince almeno gli usa avranno bisogno di più tempo prima di scatenare la guerra!

    • giulio
      Inserito alle 19:34h, 04 Novembre Rispondi

      pagliaccio fascista, il fatto che tu, nel linguaggio che si addice a uno sturatore di fogne, alzi inni a quel babbuino tuo pari di Lavrov lo considero una conferma della pochezza di quell’uomo che, non a caso, è benvoluto presso le cancellerie occidentali.
      Che la clinton avesse programmato quell’attacco nucleare preventivo è una delle tante balle che diffondi qua sopra (tipo quell’altra che ai tempi della georgia il tuo idolo non fosse ministro degli esteri)….è una balla nel senso che , ammesso che la clinton effettivamente avesse programmato una cosa del genere, ha fatto niente di diverso di quanto fatto da più di un presidente americano (repubblicano o democratico) anche in passato…addirittura anche subito dopo la fine della 2a gm.
      In secondo luogo, ammesso pure che la clinton avesse programmato quell’attacco, sta di fatto che quell’attacco non c’è stato mentre ci sono state di sicuro tutte le porcherie fatte da Trump che gli imbecilli dello tuo stampo e dello stampo dei salvini preferiscono e considerano quasi una colombella!
      p.s. io non sono mai stato in nessun centro sociale (a differenza di qualche tuo amico salviniano) nè ho mai votato in vita mia e tuttavia tra uno dei centri sociali (o sardina) e te di sicuro il più ignorante e merdoso sei te!
      Fottiti pappone!

      • Parzanazzo
        Inserito alle 21:18h, 04 Novembre Rispondi

        Al di là del fatto che fai bene a mandare a cagare chi ti si rivolge in quel modo, dico che se Lavrov è un babbuino, tu sei un protozoo.

      • atlas
        Inserito alle 23:59h, 04 Novembre Rispondi

        io feci capire chiaramente, è scritto visibile al mondo, che in Russia al tempo della guerra contro la Georgia ERA IL SIG: ONOREVOLE LAVROV il Ministro degli Affari Esteri

        sei un figlio di puttana Giulio

    • Kaius
      Inserito alle 00:34h, 05 Novembre Rispondi

      Ma quelli nella foto sono due froci?

      • atlas
        Inserito alle 08:42h, 05 Novembre Rispondi

        sono 2 giuli

  • giorgio
    Inserito alle 18:50h, 04 Novembre Rispondi

    Per Giulio ….. il complesso militar industriale, i giganti del web, Hollywood, i media cartacei e tv, Big Pharma sono tutti con Biden …… con lui presidente si avrebbe una accelerazione della tendenza alla guerra, beninteso i repubblicani sono parte della stessa merda anglo sionista e qualunque sia il vincitore gli yankee andranno a sbattere la testa …… i colpi di coda dell’impero morente saranno violenti in ogni caso ma di più con i democratici al potere …….

    • giulio
      Inserito alle 19:18h, 04 Novembre Rispondi

      mi spiace ma devo contraddirti.
      La storia che Trump sia meno bellicoso di una clinton è solo frutto di un’interessata e furba propaganda di quel fascistoide di trump.
      Non c’è stata una sola guerra, iniziata dai suoi predecessori, che Trump abbia terminato….neppure una! si tratti dell’afganistan, della siria, dell’iran, dell’irak , ovunque, nella migliore delle ipotesi abbiamo assistito solo a una parziale riduzione di qualche contingente magari al solo scopo di trasferirlo su un altro fronte.
      Tanto per fare un esempio, nello Yemen, Trump ha buttato più bombe di bush e obama messi assieme…e non lo dico io ma analisti ben informati.
      Con l’iran Trump, con grande gioia dei sionisti, è arrivato ai ferri corti e a un passo dalla guerra aperta che ritengo sicura se dovesse essere rieletto.
      Sta strangolando il venezuela peggio di quanto hanno fatto i suoi predecessori
      e se agli obama va ascritto il golpe in ucraina a trump va ascritto la sobillazione in bielorussia, in kirghizistan e nello stesso caucaso (perchè dietro erdogan di sicuro ci sono gli Usa). La stessa diffusione del virus covid in Cina, è opera sua o, quantomeno, è avvenuta sotto la sua presidenza…altro che pipistrelli e serpenti…c’è stato solo qualcosa che forse gli è andato storto e gli si è rivoltato un po’ contro.
      Qua sopra, c’è un pazzoide fascistoide che, con la sua abituale volgarità, mi contesta che la clinton aveva programmato un attacco nucleare preventivo contro la russia! Io non sono certo clintoniano ma mentre quell’attacco di sicuro non c’è stato è altrettanto sicuro, invece, che c’è stato tutto quello che sappiamo da quando quel pazzoide di Trump è presidente!
      Poi faccio un’altra considerazione: se trump sarà rieletto al 99% ci sarà guerra tra usa-sionisti contro l’iran entro pochi mesi…se invece trump perderà, quanto meno i “democratici” avranno bisogno di tempo per organizzare la loro macchina da guerra e questo sarà utile anche all’iran e ai suoi alleati per meglio organizzarsi.

      • giulio
        Inserito alle 19:46h, 04 Novembre Rispondi

        qualche correzione: ho parlato di yemen con riferimento alle bombe di trump invece mi riferivo alla Somalia…come peraltro scritto in altro articolo di questo stesso sito.

  • robyt
    Inserito alle 09:17h, 05 Novembre Rispondi

    “se trump sarà rieletto al 99% ci sarà guerra tra usa-sionisti contro l’iran entro pochi mesi…se invece trump perderà, quanto meno i “democratici” avranno bisogno di tempo per organizzare la loro macchina da guerra e questo sarà utile anche all’iran e ai suoi alleati per meglio organizzarsi.”

    dal vanghelo secondo julio: comunque vada in ogni caso l’unica prospettiva è una guerra anglosionista e iran assolutamente non evitabile in nessun caso. Purtroppo questa è la logica dei demoncratici, non riescono a pensare a un mondo senza le loro guerre. Trump meritava il nobel per la pace, sia per la corea del nord, che per la siria (casino scatenato dalle primavere arabe dei democratici dei tempi di obama).

    “a trump va ascritto la sobillazione in bielorussia,” questa è cmq la più grossa, le sommosse in bielorussia per dimettere il legittimo presidente, dopo le elezioni, sono state volute dagli zeropei, o meglio dalla merkel, poiché la crande cermania vuole espandersi anche in quelle zone.

    “a stessa diffusione del virus covid in Cina, è opera sua”: certo certo, infatti il mondo occidentale è quello che ne ha risentito di più, mi sembra una logica ferrea: diffondo una malattia in un paese ma poi la maggior parte delle ricadute economiche sono nel mio. E dopo questa boiata mi fermo, per ché a sto punto è evidente che è come discutere in questo modo senza alcuna ratio non porta da nessuna parte.

    • atlas
      Inserito alle 11:23h, 05 Novembre Rispondi

      a me mi da del Fascista convinto di denigrarmi, non sa che invece mi augura una buona giornata e mi mette di buon umore

      io rispondevo a tono ma è andato a piangere dalla redazione che mi censura i commenti, lui invece può scrivere ‘democraticamente’ contro uno come Lavrov, democrazia infame

      mi fa piacere che anche altri, meglio tardi che mai, lo abbiano individuato per quello che è, un fetido sfascista. Io avevo dato indicazioni per tempo (come al solito li fiuto a naso, anche con la mascherina del cazzone)

      • giulio
        Inserito alle 20:54h, 05 Novembre Rispondi

        No buffone falsario, tu rispondi sempre in modo provocatorio, offensivo e volgare per il solo fatto che non ti piace quello che scrivo e lo stesso fai con chiunque altro non ti piaccia…e lo hai fatto non solo per quello che penso del tuo beniamino lavrov eltsiniano ma perchè secondo le tue stupide “analisi” sarei un “democratico”, uno dei centri sociali poi una sardina e via farneticando.
        Ti ho ripetutamente detto di non offendere nel modo che fai abitualmente e che se tu avessi continuato a farlo ti ho anche preavvisato che mi sarei rivolto alla redazione. Aggiungo ora che se tu persisti nei tuoi atteggiamenti che sono fascisti nel metodo e nel linguaggio volgare e offensivo che usi continuerò a denunciare il fatto e non solo ai redattori di questo sito!
        Io sono dispostissimo a discutere anche con un fascista qualsiasi purchè la discussione si svolga con un minimo di educazione che tu non hai e purchè si portino argomenti a sostegno delle proprie tesi e non una sequela di volgarità come sei abituato a fare.

        • atlas
          Inserito alle 21:41h, 05 Novembre Rispondi

          ma io vorrei che tu andassi alla milizia di regime democratico dell’italia, cosa che io non farei mai per posizione politica

          lo vorrei veramente: almeno in tribunale dove mi porterai dovremmo guardarci in faccia, o no ?

    • giulio
      Inserito alle 20:34h, 05 Novembre Rispondi

      non si tratta di “vangelo”! si tratta di ipotesi basate su analisi basate su una serie di dati! padrone di non essere d’accordo con me e anzi mi auguro di avere torto.
      Ma io ho una visione meno idilliaca della sua … penso che il capitalismo imperialista non possa non fare guerre …e infatti ne ha iniziate un bel po’ specie a partire dal crollo della Urss che, nonostante tutto, svolgeva almeno un ruolo di contrappeso alla prepotenza imperialistica Usa.
      “Trump meritava il nobel per la pace, sia per la corea del nord, che per la siria ”
      Si da il caso che il premio nobel per la pace è stato dato anche ad obama …proprio quello che lei giustamente accusa di aver iniziato varie guerre che però, guarda caso, il suo preferito (trump) non solo ha continuato ma ha anche alimentato.
      Quanto alla corea avrei il sospetto che trump s’è fermato solo perchè ne teme i missili nucleari che hanno.
      Non parliamo della siria in cui il bullo trump s’è ben piazzato nel nord ovest dove ci sono i migliori pozzi petroliferi siriani….da bravo sfruttatore colonialista ma anche da buon (a modo suo) stratega che vuole ridurre alla miseria la siria!
      Riguardo alla bielorussia lei è così fuori dal mondo reale da credere che in europa si muova qualcosa senza che ci sia l’approvazione degli usa e della nato (che è nient’altro che il braccio armato degli usa)? Prendere anche la bielorussia (dopo l’ucraina e tutto il resto) militarmente significa chiudere l’accerchiamento della russia con le conseguenze che capirebbe anche un bambino!
      COVID: l’idea che tanto la ripugna o che considera ridicola (il fatto che è stato diffuso proprio dagli usa) è stata manifestata in non so quanti articoli da gente di ogni tipo…non ne ho il copyright!
      Si vede che siamo tutti imbecilli mentre lei è l’unico genio!
      Entrando nel merito: innanzitutto io ho detto che anche se non opera propria sua (di trump) la diffusione del virus è avvenuta sotto la sua presidenza.
      In secondo luogo, il fatto che il “MONDO OCCIDENTALE” abbia subito danni maggiori forse della stessa cina si capisce benissimo se si pensa che i cosiddetti centri di potere globali avevano bisogno di un reset a livello globale e questo per varie ragioni sia politiche (isolamento politico specie della cina), sociali (introduzione di provvedimenti autoritari) sia economiche (ulteriore concentramento del potere economico in mano alle multinazionali globaliste e ulteriore freno allo sviluppo economico cinese, russo , iraniano ecc.). L’impero Usa trumpiano , in previsione di maggiore guerra contro il blocco asiatico che gli si oppone, ha bisogno di mettere in riga la stessa europa …ecco un altro motivo per cui non gli frega anzi gli fa gioco che la crisi investa soprattutto l’europa stessa.
      Non gli frega neppure che il virus abbia investito gli stessi usa perchè sicuri di uscirne prima degli altri…ma su questo evidentemente qualcosa è andato storto e hanno sbagliato i conti! Non a caso qualcuno diceva che gli imperialisti usano alzare pietre per poi darsele sui piedi! Peraltro anche un bambino capirebbe che se il virus non avesse investito gli stessi usa questi ovviamente sarebbero stati facilmente additati come autori del virus.
      Comunque lei sicuramente è di quelli che pensano che pearl harbor sia stata solo opera dei giapponesi e che le torri gemelle sono state abbattute solo da una decina di barbuti islamici!
      Allora inutile discutere!

      • giulio
        Inserito alle 21:01h, 05 Novembre Rispondi

        correzione: nord-est e non nord ovest come scritto in una parte

      • giulio
        Inserito alle 21:13h, 05 Novembre Rispondi

        a proposito del presunto “pacifismo” di Trump aggiungo anche qualcosa che traggo da un altro articolo di questo stesso sito:

        “È vero che negli ultimi quattro anni, Donald Trump, non ha iniziato nessuna nuova guerra. Ma è solo questione di definizione. Potrebbe non aver iniziato nessuna nuova guerra di tiro, ma non ha nemmeno terminato nessuna iniziata dai suoi predecessori. Anzi ne ha incrementato l’intensità.

        Molto dipende anche dalla parola “guerra”. Probabilmente è vero che non ha iniziato nessuna nuova guerra a fuoco, ma ha condotto una campagna implacabile contro, ad esempio, Venezuela e Iran, una guerra ibrida fatta di sanzioni ed embargo economico.”

        • atlas
          Inserito alle 21:46h, 05 Novembre Rispondi

          ehi bestemmiatore. Ma ti piace proprio stare quì con quasi tutti che ti gettano addosso bucce di banana come si fa con le bertucce ? Alla fine sei diventato un immondezzaio. Ti senti realizzato ?

Inserisci un Commento