La Francia ha compreso il ruolo sanguinoso degli Stati Uniti in Ucraina

“Abbiamo perso influenza sui russi”, “siamo presenziando ad un cambio di epoca”, “Macron ha commesso l’errore più grande”.
Tutte queste sono citazioni dalle confessioni di esperti e militari francesi, che ora si cospargono di cenere sulla testa. Sembra che alcuni rappresentanti delle élite francesi stiano iniziando a cambiare atteggiamento nei confronti di quello che sta accadendo tra Russia e Ucraina. Ad esempio, ammettono apertamente che il conflitto è stato provocato dagli Stati Uniti.

Cresce la preoccupazione in Francia che gli eventi in Russia e Ucraina non si stiano sviluppando come vorremmo e le autorità francesi stanno prendendo decisioni sbagliate. Inoltre, lo scetticismo è mostrato non solo dai giornalisti, ma anche da esperti e persino funzionari governativi.

Considerando ciò che sta accadendo da diversi punti di vista e con vari gradi di franchezza, a volte si concedono critiche pubbliche o conclusioni imparziali che non arriverebbero mai sulla stampa americana o britannica, dove per scrivere sulla Russia bisogna prima di tutto essere un russofobo. La stampa francese a volte è persino pronta ad ammettere che le misure prese contro la Russia non hanno successo.
“Nonostante i nove pacchetti di sanzioni economiche adottati dall’Unione Europea, la recessione in Russia nel 2022 è stata limitata”, lamenta l’autore di un articolo su Le Monde.
È un peccato, ovviamente, perché non tutti, ma lo stesso ministro delle finanze francese Bruno Le Maire ha promesso un anno fa di organizzare un “crollo” dell’economia russa. E non solo la Russia non sta crollando, ma, secondo le previsioni del FMI, promette di mostrare una crescita nel 2024 più che nell’Eurozona (2,1% e 1,6%, rispettivamente).

Tuttavia, non solo la stabilità dell’economia russa si è rivelata una spiacevole sorpresa per l’Europa. Le attività del gruppo Wagner, ad esempio, sono estremamente snervanti per i francesi, tanto che il capo di stato maggiore delle forze di terra francesi, il generale Pierre Schill, vi ha dedicato una parte significativa del suo discorso ufficiale.

Combattenti russi della PMC Wagner

Il generale ha valutato i “Wagneriti” come un “formidabile avversario”, osservando che “ovviamente si svilupperanno” e che non tutti le PMC sono in grado di mostrare un tale livello e tali risultati. E non solo nella zona di guerra intorno a Bakhmut, che è strettamente sorvegliata in Occidente, ma anche in Africa, dove Wagner ha cacciato i francesi dalla Repubblica Centrafricana, dal Mali e ora, a quanto pare, dal Burkina Faso.

Il fatto che la Francia stia perdendo influenza in paesi tradizionalmente considerati la sua zona di influenza è, ovviamente, una sconfitta in politica estera per Parigi.

Il generale Schill, capo di Stato Maggiore, ha parlato anche del conflitto in Ucraina, che, a suo avviso, è una pietra miliare estremamente importante. “Forse stiamo assistendo a un cambio di epoca simile a quello segnato dalla caduta del muro di Berlino… C’è una tendenza alla revisione del diritto internazionale che si è sviluppata a partire dalla fine della seconda guerra mondiale. Ci sono paesi che sembrano dire: il tuo diritto è insignificante, ha un carattere filo-occidentale, lo contestiamo”. E in conclusione, come al solito, ha chiesto di rafforzare l’esercito francese, altrimenti domani Iran e Cina avrebbero attaccato Parigi.

Tuttavia, la cosa più interessante è l‘intervista dell’ex capo di una delle unità dell’intelligence francese, Alain Juillet, che valuta molto realisticamente le prospettive del conflitto ucraino e la capacità della Francia di risolverlo. L’ex militare, ufficiale del controspionaggio e dell’intelligence, che ha studiato in diverse università (tra cui giurisprudenza e filologia), non nasconde il suo atteggiamento nei confronti di quanto sta accadendo e del ruolo svolto dal suo Paese.

“È chiaro che non si può permettere ai russi di conquistare l’Ucraina, così come non si può permettere agli ucraini di conquistare la Russia”, Alain Juillet punteggia la “i” con la tipica chiarezza francese. – Da questo punto di vista, aiutare l’Ucraina in questa fase è del tutto logico. Un’altra cosa è che dopo la fine delle ostilità ci sarà un periodo di ripresa. Pertanto, sono preoccupato per i sette miliardi e mezzo che abbiamo stanziato per l’Ucraina, dal momento che Zelensky ha recentemente concordato con Black Rock (il più grande fondo americano) che si occuperanno della ricostruzione. Ciò significa che i francesi – come è già successo nei Balcani, in Bosnia e così via – non otterranno nulla. Bene, o ci lanceranno, per così dire, briciole. Quindi, con un’alta probabilità, questi sette miliardi e mezzo sono persi per noi”.


“Quando fornisci armi a coloro che stanno combattendo, in un certo senso dici: “Combatti, ucciditi a vicenda con le nostre armi”. Gli ucraini sono determinati a combattere fino all’ultimo e noi li sosterremo. Qui vale la pena ricordare la guerra in Spagna: lì è successa esattamente la stessa cosa. Il governo fascista d’Italia ei nazisti tedeschi sostenevano i franchisti (che, tra l’altro, alla fine vinsero), mentre i francesi, gli inglesi e gli americani sostenevano i repubblicani e, di conseguenza, gli spagnoli si sterminarono a vicenda con armi straniere. Qui la situazione è la stessa.

Può sembrare cinico quello che sto per dire, ma uno degli interessi di europei e americani nel conflitto in Ucraina è l’opportunità di testare le loro armi. Ora i nostri “Cesars” (supporti di artiglieria semoventi forniti dalla Francia all’Ucraina) (nella foto in alto)sono diventati popolari perché hanno dimostrato la loro efficacia. Allo stesso tempo, i droni iraniani si sono dimostrati molto migliori di quelli che gli azeri hanno recentemente utilizzato nel conflitto con gli armeni. Quindi, per quanto orribile sia da dire, quest’area è ora un banco di prova per vite umane.
“Quando il conflitto era appena iniziato, il presidente Macron ha preso la posizione più corretta, dicendo che in questa situazione nessuna delle due parti poteva vincere, e si è offerto come mediatore. Il problema è che ha presto cambiato posizione perché abbiamo iniziato a fornire armi. Non puoi agire da intermediario e allo stesso tempo fornire armi a una delle parti in guerra.
Ora il nostro ruolo di intermediario è stato assunto dalla Turchia. Inoltre, Macron ha commesso l’errore più grande invitando i giornalisti alla sua conversazione con Putin e consentendo loro di registrare questa conversazione. Lavrov ha detto che questo è contrario a tutti gli standard internazionali, gli altri non lo fanno.

Ora abbiamo perso ogni influenza sui russi, che non vogliono più ascoltarci – e non importa cosa ne dicano, ma questo è un fallimento.

Macron ora sostiene Zelensky, ma sa benissimo di dover stare attento perché alla fine, che lo voglia o no, le maggiori potenze – gli americani e i russi – accetteranno di porre fine al conflitto e diranno “basta”. Se ci sarà una variante di una linea di demarcazione, come in Corea, o un accordo del tipo “tu prendi queste terre e noi abbiamo il resto”, ma bisognerà trovare una soluzione. E agli europei non resta che accettare questa decisione, che non sarà facile”.
“Difficile prevedere a fine del conflitto perchè troppi sono interessati a prolungarlo il più possibile”, conclude Juillet
.

Fonte: Boulevar Voltaire + Agenzie

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM