"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La follia dei neocons porterà il mondo ad un nuovo grande conflitto ?

di  Luciano Lago

Per quanto sia lungi da noi lanciare allarmi ingiustificati e tanto meno volerci ergere a “Cassandre” in grado di prevedere il futuro, sembra ormai piuttosto evidente che, a livello internazionale, ci troviamo in una situazione molto simile a quella in cui si trovarono i nostri progenitori nel 1914, alla vigilia della Grande Guerra.
I segnali ci sono tutti e non è un caso che nelle ultime settimane si sia intensificata la campagna di russofobia sui media del sistema atlantista con una intensificazione della propaganda atlantista che spara le maggiori assurdità sulla Russia senza tema di sfiorare il ridicolo.

Il tono delle accuse è diventato  isterico e si accusa la Russia di Putin di ogni nefandezza, con nuovo giro di vite di sanzioni che sono ormai atti di guerra contro il grande paese slavo.
D’altra parte il Medio Oriente è pronto ad esplodere dietro il possibile scontro diretto tra le grandi potenze nel triangolo della Sira, con la Russia che difende la posizioni raggiunte mentre USA, Gran Bretagna e Francia, a capo della coalizione occidentale, hanno ripreso alla grande a fornire armi ed appoggio ai gruppi terroristi e mercenari per rovesciare il governo di Damasco, dopo 7 anni di tentativi.

Convoglio USA in Siria

Israele ha rinnovato in modo clamoroso la sua campagna antiraniana e Netanyahu ha già promesso di attaccare comunque l’Iran che viene considerato un “pericolo per il mondo intero”, paragonato alla Germania nazista..
Accade che USA ed Israele, le due potenze complementari fra di loro, responsabili di tutte le aggressioni, destabilizzazioni di altri paesi, rovesciamento di governi, sobillazione interna e utilizzo del terrorismo jihadista, accusino gli altri di essere “il pericolo” per il mondo o per la “stabilità internazionale”. Sarebbe uno spettacolo che indurrebbe  all’ilarità se non ci fosse una grande tragedia che si avvicina con le sembianze di un nuovo grande conflitto.

USA ed Israele stanno cercando un pretesto, una giustificazione plausibile per muovere guerra contro Libano e Siria, come primo passo per accerchiare l’Iran che di fatto è già circondato dalle basi miltari USA. Probabile che questo pretesto possa essere l’utilizzo delle armi chimiche da parte delle forze di Assad in una nuova clamorosa “false flag” che starebbero già preparando. I servizi di intelligence russi segnalano da due giorni che camion che trasportano sostanze chimiche hanno varcato il confine della Turchia e si stanno dirigendo nel Guta dove opera l’ultima sacca di terroristi in Siria. Una provocazione montata con le armi chimiche, fornirebbe alla coalizione USA ed a Israele il pretesto per intervenire contro la Siria ed il Libano, per disarmare Hezbollah (eterno cruccio di Israele) e rovesciare la situazione in Siria.

La provocazione di un “attacco chimico” darebbe a Washington la giustificazione per “punire i colpevoli” ed intervenire direttamente contro Damasco con l’appoggio di tutta l’opinione pubblica occidentale mobiltata dai mega media della propaganda atlantista.

L’Intervento non potrebbe non coinvolgere la Russia e l’Iran e il conflitto potrebbe estendersi in modo incontrollato, visto che nessuno a quel punto si potrebbe più tirare indietro: l’utilizzo delle armi nucleari, non importa chi le utilizzerebbe per primo, a livello tattico sarebbe scontato.
In aggiunta a questo scenario c’è la situazione

Basi USA attorno a Iran

dellUcraina, l’altro fronte su cui gli USA e la NATO potrebbero decidere di attaccare mettendo la Russia nella necessità di intervenire per proteggere gli indipendentisti filorussi del Donbass, non per caso nelle ultime settimane Washington ha sciolto ogni riserva e sta fornendo le armi letali al governo di Kiev con l’intervento di centinaia di consiglieri militari USA britannici in quel paese mentre più unità navali USA e NATO (fra cui due incrociatori lanciamissili USA) sono entrate nel Mar Nero, certo non per farsi un giro turistico.

 

L’altro fattore chiave è quello che, tanto il presidente Trump quanto il premier israeliano Netanyahu, si trovano in difficoltà interne, l’uno sottoposto agli esiti dello scandalo del “Russiagate” e l’altro che rischia un processo per corruzione con destituzione dalla carica. Niente di meglio, come insegna la Storia, di un conflitto per distogliere l’attenzione dai propri problemi interni e richiedere lo stato di emergenza nazionale.
I circoli neocon di Washington, quelli che spingono per un conflitto con la Russia in una generale “resa dei conti”, sono ormai come stregati dalla loro delirante visione per articolare il futuro del mondo, in preda alla loro stessa propaganda di guerra, hanno perso ogni contatto con la realtà.

Forze speciali russe in Siria

Gli USA hanno solo l’imbarazzo della scelta dove sferrare il primo colpo nella loro voglia di mettere alla prova l’apparato miltare e dare un avvertimento anche alla Cina, divenuta anche essa “un pericolo” nella visione paranoica dei neocon di Washington.  Il primo colpo  potrebbe esere quello sulla Corea del Nord dove il proclama di Trump è stato quello di affermare: “gli Stati Uniti hanno una grande forza e pazienza ma se sono costretti a difendere se stessi o i propri alleati, non avremo altra scelta che distruggere completamente la Corea del Nord”.

Con questi toni da apocalisse lanciati dal pazzo della Casa Bianca non è ragionevole nutrire speranze, tanto più che non sembra che ci siano al’orizzonte statisti assennati che possano fermare la follia di Trump e della sua corte di guerrafondai.
Ci stiamo muovendo verso una guerra globale che inevitabilmente coinvolgerà l’Europa, Italia inclusa, grazie alla sudditanza ai padroni USA, una guerra che diventerà nucleare se qualcuno non la fermerà per tempo.

N.B. Il problema tuttavia non sembra che sia all’ordine del giorno nelle conversazioni e polemiche che precedono gli appuntamenti elettorali in Italia, come in altri paesi europei. Non risulta che vi sia alcuna forza politica che ponga l’accento sulla questione NATO e sudditanza ai padroni guerrafondai degli USA che si muovono sulla base dei loro interessi che non sono certo quelli nostri. I disastri ed il caos portati dalle guerre USA, di cui subiamo le conseguenze, non hanno insegnato nulla e non sono stati sufficienti per far suonare il campanello di allarme. Il prossimo disastro potrebbe essere troppo grande per rimanere inerti ma le forze politiche italiane prevalenti ritengono che l’unico vero “pericolo incombente” sia la rinascita del “fascismo”, mentre si continua a suonare l’orchestra delle canzonette in modo molto simile all’allegra atmosfera del Titanic.

*

code

  1. Idea3online 3 mesi fa

    Quando il declino è iniziato è difficile invertire la tendenza. L’Occidente non può guidare con la Forza un Pianeta senza subire la Reazione della Russia e della Cina. E’ solo fantasia, complesso di superiorità pensare di poter conquistare l’Oriente, Alessandro Magno fu fermato da una semplice zanzara da un insetto, ha sconfitto elefanti ma è crollato tramite un insetto. L’Occidente è certamente una cultura avanzata, uno stile di vita più attraente, nessuno mette in dubbio il miglior stile di vita dell’Occidente, ma non per questo l’Impero Romano fu risparmiato dall’Ordine della Storia. La Russia e la Cina sono un super blocco in oriente impenetrabile, l’Occidente potrà solo subire ulteriore declino in caso si inneschi la de-globalizzazione. Se la Cina e la Russia legano ulteriormente le loro economie, l’Occidente potrà solo crollare su se stesso, perchè non potrà più sostenere la economia del debito, dalla quale dipende il consumo dei cittadini. L’Occidente ha costruito un modello di economia finanziario slegato dalla realtà, che può sopravvivere solo in un mondo globale Unipolare a guida occidentale, questo mondo unipolare è fallito, dal 2014 con l’entrata della Russia nel Mediterraneo. Perciò le economie dell’ Occidente non possono più dipendere dalla predazione delle risorse di altri popoli, risultato ci sarà un declino economico, ma manterrà la supremazia militare. Il Centro Economico nei prossimi anni si sposterà in Oriente come fu in Origine dove regnarono i grandi imperi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. televisione falsa 3 mesi fa

      Il punto è che l’occidente va in altri paesi ad ammazzare gente innocente per dominare il mondo , il Disastro e la distruzione per l’occidente è inevitabile è meritata quindi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mardunolbo 3 mesi fa

    Articolo con analisi adeguata e chiara ! Molto vero, purtroppo …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. max tuanton 3 mesi fa

    Israele e’ grande come LA Lombardia,se dovesse far guerra all’iran non rimarrebbe a gerusalemme su neanche I’ll muro del pianto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. televisione falsa 3 mesi fa

    È proprio perché l’occidente Fa così schifo che ha bisogno di essere distrutto dalla guerra , ho paura sia necessario

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio 3 mesi fa

      Televisione falsa, ma che cosa stai dicendo?? Ma tu non stai bene… ma parla per te, cazzo.. se ti ritieni in colpa di qualcosa ritieniti in colpa di non aver cercato di fare qualcosa al fine di impedire lo schifo che fa sto occidente.. occidente al quale io non sento di appartenere, tra l’altro..come ho detto al caro manente preoccupiamoci di cambiare chi comanda in europa, scrolliamoci di dosso l’imperialismo americano che è servo dei giudei, poi vedrai come andremo d’accordo con il resto del mondo… abbismo solo bisogno di una massiccia dose di fascismo.. mattina e sera .. cura intensiva..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. atlas 3 mesi fa

        ma perché pretendi di zittire tutti ? Schifoso.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. claudio 3 mesi fa

          Ma perchè non ti fai i cazzi tuoi, merda??

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Paolo 3 mesi fa

    …simile all’allegra atmosfera del Titanic.
    Mai affermazione fu più appropriata!
    Di cosa si occupano gli italioti in questo momento?
    vediamo:
    1) grande fratello
    2) l’isola dei famosi
    3) Sanremo (appena concluso, 10.000.000 di share)
    4) Neve a Roma (3 cm.!)
    5) politichetta da bar nazionale su chi vincerà le elezioni tra quei tre o quattro galletti da pollaio.
    Cosi a naso, quando gli Iskander cominceranno a deflagrare sopra Ghedi, Aviano, Vicenza, Livorno, Napoli, Sigonella, Niscemi, in questo paese scoppierà l’inferno.
    Un fazzoletto di terra con 70milioni (stranieri irregolari compresi) di individui in preda al panico.
    Salteremo all’unisono sulle nostre auto e faremo un’unica coda da Marsala a Trieste eppoi salteremo giù calpestandoci l’un l’altro.proprio come successe a Torino un paio d’anni orsono.
    Dato che poi, le guerre non si dichiarano piu, (è passato di moda) e i nostri cari politici non ci avviseranno “per non creare inutili allarmismi” ce ne accorgeremo, così, a “ciel sereno”
    magari subito dopo aver spento la TV dopo la partita di calcio.
    Una follia annunciata, di cui nessuno in questo disgraziato paese si preoccupa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. dolphin 3 mesi fa

    Se ciò dovesse avvenire, speriamo di no, e la Russia finisse sotto attacco, sarebbe saggio e opportuno schierarsi immediatamente al suo fianco, e in questo faccio riferimento in modo particolare alla Cina, e non fare l’errore di stare a guardare per vedere come va a finire, perché se per impropabile ipotesi qualcosa dovesse andar male, i prossimi a cadere saranno coloro che sono rimasti a guardare, non ce cosa migliore quella di essere tutti uniti, solo così si avrà la sicurezza di una grande vittoria e chiudere i conti una volta per tutte definitivamente. Guai ai vinti !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 3 mesi fa

      La Cina e’ falsa come ogni paese comunista ! Basta guardare come si astiene nelle risoluzioni ONU in cui la Russia si schiera in modo coraggioso ed evidente, la Cina spesso si astiene e non interviene…
      Cosa significa cio’ ? Che vuole procedere verso il suo sistema economico , continuando a smerciare ovunque e verso Usa senza problemi o sanzioni ! La diplomazia cinese e’ sempre stata subdola ed ondivaga poiche’ nei loro geni non esiste il “si’.si’ -no,no !”
      Esiste il “ni ” ovvero la furbizia di aspettare che il “nemico” o l’avversario agisca per decidere dopo il da farsi.
      Nella stessa mentalita’ cinese non esiste la capacita’ di negare qualcosa ed esprimere appieno il proprio pensiero; e’ sempre un virtuosismo elaborato per far interpretare all’altro e non esporsi mai direttamente.
      Lo stesso commercio con la Cina, per chi ne sa qualcosa, e’ complicato e difficile anche per l’ignoranza spaventosa dei commercianti cinesi reduci da solo 25 anni dalla liberta’ di farlo. Prima sono state demolite sia l’inventiva , sia la capacita’ di commerciare dal mirabile massacratore di connazionali che fu Mao -Tze (il piu’ grande criminale della storia umana).
      Poi e’ stato introdotto il capitalismo selvaggio di cui l’anima cinese e’ impastata da secoli, con gioia e compartecipazione dei sionisti internazionali (che infatti sono sempre stati apprezzati ed ammirati per le loro capacita’, compresa quella di erogare droga a iosa, per minare il popolo intero-tempo delle sanzioni e poi guerra imperialista contro la Cina imperiale).
      La Storia e’ sempre stata condotta dall’Occidente; le nazioni asiatiche sono sempre state passive di fronte a questa, salvo istruirci su efferatezze e crudelta’ su prigionieri e vinti. In questo sono maestre ! E Her-zog e Max Tuantuon dovrebbero saperlo od impararlo !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. atlas 3 mesi fa

        W la Cina e W la Corea del nord. Il Comunismo Nazionale mi sa che non lo conosci proprio visto che scrivi come Riina e Berlusconi, uguali

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. max tuanton 3 mesi fa

    Mardunolbo lei e’ malato di oggettivismo parla per assiomi non fa tempo a scrivere che si sa dove vuole parare ,fare il maestro va bene ma non con tutti xche’ altri magari ne sanno piu di lei ,a grandi linee e’ vero quel che ha scritto sulla Cina ma e’ meglio evitare ,quel popolo ha una storia millenaria meglio fareste a vedere in casa vostra I cioccolatini Della Boldrini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. NESSUNO 3 mesi fa

      questa mi piace,i cioccolatini della boldrini
      i boldrini peruguna hahahaha

      Rispondi Mi piace Non mi piace