La Flotta Russa ha lanciato un missile di avvertimento contro una unità navale USA

La tensione sale nel Pacifico fra USA e Russia in prossimità delle acque territoriali della Federazione Russa.

Un attacco missilistico con missili anti-nave è stato lanciato contro l’area di una nave da guerra americana che ha violato il confine russo.

Dopo un incidente avvenuto il giorno prima nel Golfo di Pietro il Grande, quando il cacciatorpediniere missilistico americano John McCain ha violato i confini marittimi russi e il suo equipaggio si è rifiutato di obbedire alle richieste delle forze armate russe, poche ore fa è stato lanciato un attacco missilistico contro la nave della Settima flotta statunitense utilizzando sistemi missilistici Urano. “.

Nonostante si parli di test pre-programmati dell’armamento della corvetta russa, era proprio a questa distanza dalle acque territoriali russe che in precedenza si trovava la nave da guerra americana, il che ovviamente indica le intenzioni dell’armata russa di dimostrare agli Stati Uniti la disponibilità ad attaccare qualsiasi nave che rappresenti anche una minima minaccia.

Navi USA sconfinano

“La più recente corvetta Hero della Federazione Russa, Aldar Tsydenzhapov, che è ora in fase di test di stato, ha lanciato per la prima volta un missile da crociera del complesso di Urano contro un bersaglio marino. In un dato momento, il missile da crociera ha colpito con successo un bersaglio di superficie, che si trovava a 40 chilometri dalla nave da guerra. A supporto dei test, sono state coinvolte circa 10 navi e altre unità navali, oltre ad aerei dell’aviazione navale della flotta del Pacifico, che hanno monitorato l’area e i risultati dell’esercitazione “, osserva il quotidiano russo Rossiyskaya Gazeta.

In precedenza, la parte americana ha annunciato che non riconosce i confini russi e continuerà ad operare nell’area in conformità con i suoi interessi.

Nota: La Russia ha preso sul serio le ultime minacce inviate dal Pentagono e dalla NATO e si appresta a rispondere colpo sul colpo ai tentativi di violazione delle sue acque territoriali e del suo spazio aereo, come aveva preannunciato il ministro della Difesa russo, Sergey Shoigu.

Fonte: Avia Pro.ru

Traduzione e nota: Sergei Leonov

12 Commenti

  • Мосин
    25 Novembre 2020

    <>

  • Мосин
    25 Novembre 2020

    Non svegliate l’ orso.

  • giulio
    25 Novembre 2020

    Se i gangster americani avessero fatto una cosa del genere agli iraniani, i missili antinave degli iraniani sarebbero caduti quantomeno prima a un metro dalla prua per avvertimento e poi addosso alla nave americana se quella non s’allontanasse … i russi invece fingono che c’era un’esercitazione! mah!

  • Manente
    25 Novembre 2020

    Gli americani continuano a provocare dicendo di “non riconoscere i confini” (sic…) delle acque territoriali russe. Purtroppo tutto lascia supporre che uno scontro militare diretto è sempre più vicino e se così deve essere. Giustizia vuole che i primi da annientare siano i ben noti padroni della finanza globale e le loro “dinastie”, dovunque si trovino e fino all’ultimo esponente, poi verrà il resto.

  • Hannibal7
    26 Novembre 2020

    Personalmente io li avrei affondati subito e senza preavviso…e che cazzo…

  • Anonimo
    26 Novembre 2020

    Gli usa,il deep state merda vuole la rissa e naturalmente li accontentiamo…
    Loro capiscono in linguaggio solo: quello delle mazzate. Quindi…

  • Ubaldo Croce
    26 Novembre 2020

    Hai ragione Hannibal,vedrai che alla prossima provocazione faranno sicuramente cosi.
    Non ci piove.

  • antonio
    26 Novembre 2020

    vogliono la guerra come nel 1914, e nel 1938 – nel 14 fecero l’ attentato di Sarajevo, nel 38 non lasciarono la Prussia orientale ai tedeschi

    • Teoclimeno
      27 Novembre 2020

      Egregio Signor ANTONIO, nel 1915 l’affondamento del Lusitania, e nel 1964 l’incidente del Golfo del Tonchino. Molti cordiali saluti. TEOCLIMENO

  • giorgio
    27 Novembre 2020

    …… e favorirono l’attacco a Pearl Harbour per avere il pretesto di entrare in guerra ……

  • giorgio
    27 Novembre 2020

    …. e nel 2001 organizzarono l’auto attentato alle torri gemelli per occupare Iraq e Afghanistan …… mettendo in piedi Al Qaeda ….
    …. eppoi le rivoluzioni “colorate” per rovesciare Gheddafi ….. e altri ….
    …. eppoi costruiscono l’ISIS per rovesciare Assad e occupare la Siria …..
    eppoi …… si avvicina il momento in cui saranno loro a sprofondare ……

  • Teoclimeno
    27 Novembre 2020

    Egregio Signor GIORGIO, speriamo avvenga il prima possibile: nessun rimpianto. Molti cordiali saluti. TEOCLIMENO

Inserisci un Commento