"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La fine dell’Impero sta arrivando

di Chris Hedges

L’impero americano sta per finire. L’economia statunitense è stata logorata dalle guerre in Medio Oriente e dalla vasta espansione militare in tutto il mondo. È carico di crescenti disavanzi, insieme agli effetti devastanti della deindustrializzazione e degli accordi commerciali globali. La democrazia USA è stata catturata e distrutta da oligarchie economiche che costantemente richiedono ulteriori tagli alle tasse, più deregolamentazione e impunità nel perseguimento di atti massicci di frodi finanziarie, mentre stanno saccheggiando del tutto trilioni di dollari dalla tesoreria statunitense sotto forma di salvataggi.

La nazione ha perso il potere e il rispetto necessari per indurre gli alleati in Europa, America Latina, Asia e Africa per fare la loro offerta. Aggiungete a questo la crescente distruzione causata dal cambiamento climatico e hai una ricetta per una distopia emergente. La supervisione di questa discesa ai massimi livelli dei governi federali e di quello statale è affidata a una collezione di imbecilli, con artisti, ladri, opportunisti e generali guerrafondai. E per essere chiaro, parlo anche dei democratici.

L’impero collasserà, perdendo costantemente influenza fino a quando il dollaro non verrà abbandonato come valuta di riserva mondiale , immergendo gli Stati Uniti in una depressione paralizzante e costringendo immediatamente una contrazione enorme della sua macchina militare.

Salvo di una improvvisa e diffusa rivolta popolare, che non sembra probabile, la spirale di morte appare inarrestabile, il che significa che gli Stati Uniti, come sappiamo, non esisteranno più entro un decennio o, al massimo, due. Il vuoto globale che lasciamo dietro sarà riempito dalla Cina che si sta già affermando come un superpotenza economica e militare, o forse ci sarà un mondo multipolare tra Russia, Cina, India, Brasile, Turchia, Sudafrica e pochi altri Stati . O forse il vuoto sarà riempito, come scrive lo storico Alfred W. McCoy nel suo libro “Nelle ombre del secolo americano: la salita e il declino del potere globale statunitense”, “da una coalizione di corporazioni transnazionali, forze militari multilaterali come NATO, e una leadership finanziaria internazionale auto-selezionata a Davos o nel Bilderberg”Che” costruisce un network sovranazionale per sostituire qualsiasi nazione o impero “.

Sotto ogni misura, dalla crescita finanziaria e dall’investimento in infrastrutture fino alla tecnologia avanzata, tra cui supercomputer, armi spaziali e cyberwarfare, gli USA sono rapidamente superati dai cinesi. “Nell’aprile del 2015 il Dipartimento dell’agricoltura USA ha suggerito che l’economia americana crescerà di quasi il 50 per cento nei prossimi 15 anni, mentre la Cina sarebbe triplicata e avvicinarsi a superare l’America nel 2030″, ha osservato McCoy. La Cina è diventata la seconda economia più grande del mondo nel 2010, nello stesso anno è diventata la nazione produttiva leader a livello mondiale, spingendo da parte un Stati Uniti che avevano dominato la produzione mondiale per un secolo. Il Dipartimento della Difesa ha rilasciato una sintetica relazione intitolata ” Al nostro Pericolo personale: La valutazione del rischio di DoD in un mondo post-primato. “Ha scoperto che le forze armate statunitensi” non godono più di una posizione inattaccabile rispetto ai concorrenti dello Stato “e” non possono più … generare automaticamente una superiorità militare locale coerente e sostenuta. “McCoy prevede che il crollo verrà entro il 2030.

Gli imperi in decadenza si avvolgono in un suicidio quasi volontario. Accecati dalla loro arroganza e incapaci di affrontare la realtà del loro potere decrescente, si ripiegano in un mondo di fantasia dove i fatti difficili e spiacevoli non si intromettono più. Essi sostituiscono la diplomazia, il multilateralismo e la politica con minacce unilaterali e con lo strumento stridente di guerra.

Questa auto-inganno collettivo ha visto gli Stati Uniti fare il più grande errore strategico della sua storia, quello che ha suonato la campana a morte per l’impero – l’invasione dell’Afghanistan e dell’Iraq. Gli architetti della guerra nella Casa Bianca di George W. Bush e la vasta gamma di utili idioti presenti nella stampa e nel mondo accademico ne fecero una cerimonia, pur sapendo molto poco sui paesi che erano stati invasi, erano incredibilmente ingenui sugli effetti della guerra industriale e sono stati sorpresi dalla feroce ritirata. Essi affermavano e probabilmente credevano che Saddam Hussein avesse armi di distruzione di massa, anche se non avevano prove valide per sostenere questa affermazione. Essi hanno insistito che la democrazia sarebbe stata impiantata a Baghdad e diffusa in tutto il Medio Oriente. Essi hanno assicurato al pubblico che le truppe americane sarebbero state accolte da grati iracheni e afgani come liberatori. Hanno promesso che i ricavi del petrolio copriranno i costi della ricostruzione. Hanno insistito che il colpo militare coraggioso e veloce – “shock e sorpresa” – avrebbe reso irresistibile l’egemonia americana nella regione e nel dominio del mondo. Questo ha determinato l’effetto contrario. Come ha sottolineato Zbigniew Brzezinski, questa “guerra unilaterale scelta contro l’Iraq ha fatto precipitare in una diffusa delegitimizzazione la politica estera statunitense”.

Gli storici dell’impero chiamano questi fallimenti militari, una caratteristica di tutti i tardi imperi, esempi di “micro-militarismo”. Gli ateniesi si impegnarono nel micro-militarismo quando durante la guerra del Peloponneso (431-404 aC) invasero la Sicilia, soffrendo la perdita di 200 navi e migliaia di soldati e innescando rivolte in tutto l’impero. La Gran Bretagna ha fatto così nel 1956 quando ha attaccato l’Egitto in una controversia sulla nazionalizzazione del canale di Suez e poi ha dovuto rapidamente ritirarsi in una forma di umiliazione, autorizzando una serie di leader nazionalisti arabi come il Gamal Abdel Nasser dell’Egitto e causando il fallimento del dominio britannico sulle pochi rimanenti nazioni colonie . Nessuno di questi imperi si è recuperato.

“Mentre gli imperi emergenti sono spesso giudiziosi, anche razionali nella loro applicazione di forze armate per la conquista e il controllo di dominazioni d’oltremare, gli imperi sbiaditi sono inclini a esagerare di potere, illudendosi che, gli ingombranti armamenti militari in qualche modo gli avrebbero fatto recuperare il prestigio perduto e il potere, Scrive McCoy. “Spesso irrazionali anche da un punto di vista imperiale, queste operazioni micrometriche possono produrre spese di emorragie economiche o sconfitte umilianti che accelerano solo il processo già in corso”.

Gli imperi hanno bisogno di più che della forza per dominare altre nazioni. Hanno bisogno di una misticia. Questa mistica – una maschera per il saccheggio imperiale, la repressione e lo sfruttamento – seduce alcune elite natali, che sono disposte ad accettare l’offerta del potere imperiale o almeno rimangono passive. E fornisce una patina di civiltà e perfino nobiltà per giustificare a chi ha a casa i costi del sangue e dei soldi necessari per mantenere l’impero. Il sistema parlamentare di governo che la Gran Bretagna ha replicato in apparenza nelle colonie, e l’introduzione di sport britannici come il polo, il cricket e le corse di cavalli, insieme a vice governanti in modo uniforme e alla corte di regali, sono stati sostenuti da ciò che i colonialisti hanno affermato era l’invincibilità della loro marina e dell’esercito. L’Inghilterra era in grado di tenere insieme il suo impero dal 1815 al 1914 prima di essere costretta ad un ritiro costante. La retorica di democrazia, libertà e uguaglianza dell’America, insieme a basket, baseball e Hollywood, così come la nostra deificazione delle forze armate, è entrata ed ha ottenuto l’appoggio da gran parte del mondo alla fine della seconda guerra mondiale. Dietro le scene, naturalmente, la CIA ha usato la sua borsa di trucchi sporchi per orchestrare i colpi di stato, fissare elezioni e fare eliminazioni, campagne di propaganda nera, corruzione, ricatto, intimidazioni e torture. Ma nessuno di questi oggi funziona più, il ricatto, l’intimidazione e tortura.

La perdita della mistica è paralizzata. Ciò rende difficile trovare surrogati pile per amministrare l’impero, come abbiamo visto in Iraq e in Afghanistan. Le fotografie di abuso fisico e di umiliazione sessuale imposti ai prigionieri arabi di Abu Ghraib hanno infiammato il mondo musulmano e hanno alimentato al-Qaeda e poi lo Stato islamico con nuovi recluite. L’assassinio di Osama bin Laden e di una serie di altri leader jihadisti, tra cui il cittadino americano Anwar al-Awlaki, apertamente ha deriso il concetto di stato di diritto. Le centinaia di migliaia di morti e milioni di rifugiati che fuggono dai nostri punti deboli in Medio Oriente, insieme alla minacce quasi costante dei droni aerei militarizzati, ci hanno esposto come terroristi statali. Abbiamo esercitato in Medio Oriente la perspicacia delle forze armate statunitensi per le atrocità diffuse, la violenza indiscriminata, le bugie e le erronee manipolazioni, azioni che hanno portato alla nostra sconfitta in Vietnam.

La brutalità all’estero è accompagnata da una crescente brutalità a casa. La polizia militarizzata si è scatenata contro il per lo più disarmato, povero popolo di colore e ha riempito un sistema di penitenziari e prigionieri che contengono un incredibile 25 per cento dei prigionieri del mondo, anche se gli americani rappresentano solo il 5 per cento della popolazione mondiale. Molte delle nostre città sono in rovina. Il nostro sistema di trasporto pubblico è pieno di inconvenienti. Il nostro sistema educativo è in forte calo e viene privatizzato. La dipendenza da oppiacei, il suicidio, le riprese di massa, la depressione e l’obesità morbosa pestono una popolazione che è caduta in profonda disperazione. La profonda delusione e la rabbia che hanno portato all’elezione di Donald Trump, una reazione al colpo di stato delle corporations e alla povertà che affliggono almeno la metà del paese, hanno distrutto il mito di una democrazia funzionante. Tweets presidenziali e retorica celebrano l’odio, razzismo e fanatismo e scherzano sui deboli e sui vulnerabili. Il presidente in un discorso davanti alle Nazioni Unite ha minacciato di cancellare un’intera nazione in un atto di genocidio. li USA sono oggetto mondiale di ridicolo e odio. La preoccupazione per il futuro si esprime nell’esplosione di film distopici , di immagini cinematografiche che non perpetuano più la virtù e l’eccezionalità americana o il mito del progresso umano.

“La scomparsa degli Stati Uniti come il potere globale preminente potrebbe arrivare molto più velocemente di quanto chiunque immagina”, scrive McCoy. “Nonostante l’aura dell’omnipotenza abbiano spesso progetti, la maggior parte sono sorprendentemente fragili, senza la forza inerente di un modesto stato di nazione. Infatti, uno sguardo alla loro storia dovrebbe ricordare che i più grandi sono suscettibili di crollare da diverse cause, con le pressioni fiscali che sono di solito un fattore primario. Per la maggior parte dei due secoli, la sicurezza e la prosperità della patria sono stati l’obiettivo principale per gli stati più stabili, facendo delle avventure straniere o imperiali un’opzione redditizia, di solito allocata non più del 5 per cento del bilancio nazionale. Senza il finanziamento che sorge quasi organicamente all’interno di una nazione sovrana.

Quando i ricavi si riducono o crollano, McCoy mette in evidenza, che “gli imperi diventano fragili”.

“Così delicato è la loro ecologia del potere che, quando le cose cominciano ad andare veramente sbagliate, gli imperi regolarmente sconvolgono con velocità sgradevole: solo un anno per il Portogallo, due anni per l’Unione Sovietica, otto anni per la Francia, undici anni per gli ottomani, per la Gran Bretagna e, con tutta probabilità, solo ventisette anni per gli Stati Uniti, a partire dall’elevato anno 2003 [quando gli Stati Uniti hanno invaso l’Iraq] “, scrive.

Molti degli attuali 69 imperi che sono esistiti in tutta la storia mancano di una leadership competente nel loro declino, avendo ceduto il potere a mostruosità come gli imperatori romani Caligula e Nero. Negli Stati Uniti, le redini dell’autorità possono essere afferrate dal primo in una linea di demagoghi depravati.

“Per la maggior parte degli americani, i 2020 saranno probabilmente ricordati come una decadenza demoralizzante dei prezzi in aumento, dei salari stagnanti e della sfida della competitività internazionale”, scrive McCoy. La perdita del dollaro come valuta di riserva globale vedrà gli Stati Uniti incapaci di pagare i propri enormi disavanzi vendendo titoli del Tesoro, che saranno drasticamente svalutati a quel punto. Ci sarà un massiccio aumento del costo delle importazioni. La disoccupazione esploderà. Scontri nazionali su quelli che McCoy chiama “temi insoddisfatti” alimenteranno un ipernazionalismo pericoloso che potrebbe trasformarsi in un fascismo americano.

Un’élite screditata, sospetta e addirittura paranoica in un’epoca di declino, vedrà i nemici ovunque. Saranno impiegato in patria la serie di strumenti creati per la sorveglianza globale-dominante, l’eviscerazione delle libertà civili, tecniche di tortura sofisticate, la polizia militarizzata, il sistema massiccio del carcere, le migliaia di drones e satelliti militarizzati. L’impero crollerà e la nazione si consumerà entro le nostre vite se non ci liberialo con forza da coloro che governano lo stato corporativo.

Fonte: Truthdig

Traduzione: Alejandro Sanchez

*

code

  1. Francesco 2 settimane fa

    Forse l’autore è a conoscenza di informazioni che il lettore ignora e sa che gli Usa non hanno al loro interno le forze morali per risollevarsi. Del resto “NESSUN MAGGIOR DOLORE, CHE RICORDARSI DEL TEMPO FELICE NELLA MISERIA”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Silvia 2 settimane fa

      Le forze morali forse no, ma di forza militare ne hanno ancora tantissima.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. lister 2 settimane fa

        Non so quanto sia edibile un fucile d’assalto o quanto stuzzichi l’appetito una bomba atomica…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giampiman 2 settimane fa

    La potenza americana post bellica è cresciuta con la creazione dei petrodollari con l’Arabia Saudita in cambio di una protezione militare negli anni settanta con Nixon. Oggi con il BRICS e altri paesi emergenti le cose stanno inesorabilmente cambiando. Oggi il Venezuela di Maduro vende il petrolio in Yuan e anche Gheddafy e Saddam volevano rinunciare ai petrodollari ( questa è la vera ragione della loro uccisione). La Cina sta velocemente diventando la prima potenza al mondo conquiastando i mercati occidentali e il continente africano non con mire coloniali ma puntando allo sviluppo dellle grandi risorse senza le mire di rapina conosciute nell’ultimo secolo da parte di tutto l’occidente in gara con gli USA. Stando così le cose non vedo come si possa evitare quanto preconizza l’autore. Però non credo sia completamente campata l’idea di una possibile terza guerra mondiale nucleare per far ripartire l’umanita quasi da zero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Nicholas 2 settimane fa

    Speriamo che crollino il più presto possibile, così l’umanità ritrovi pace e serenità

    Rispondi Mi piace Non mi piace