"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La fine della Merkel è proprio dietro l’angolo?

di  Tom Luongo

L’anno scorso, dopo le elezioni tedesche, ho scritto un pezzo che diceva ” La fine della Merkel è vicina “. I primi insuccessi della Merkel nel mettere insieme una coalizione hanno guidato questa conclusione.

All’epoca, ho nominato il leader CSU e l’ex governatore della Baviera, Horst Seehofer, come la figura chiave nel vedere potenzialmente i tedeschi tornare alle urne se questi si fosse alzato in piedi contro la Merkel.

Ma, alla fine, anche se il partito della coalizione CDU / CSU della Merkel dovesse restare insieme, e non c’è più alcuna garanzia di questo, dovrà scaricare la stessa Merkel se vuole sopravvivere come blocco elettorale.

Inoltre, la CSU, guidata dal governatore bavarese Horst Seehofer, potrebbe staccarsi dalla CDU rendendo impossibile qualsiasi tipo di coalizione da costruire senza un nuovo voto.

 

Alla fine, Seehofer ha accettato un accordo con i socialdemocratici, accordandogli il potere del ministro degli Interni. Questo gli dà il controllo sulla politica di immigrazione. Lo stesso potere che il leader della Lega Matteo Salvini sta ora brandendo contro la Merkel con una propensione quasi allegra e controcorrente a favore degli italiani.

Quindi non mi sorprende che Seehofer stia conducendo l’accusa contro la continua insistenza della Merkel, per volere dei suoi sostenitori globalisti, a sostegno dell’immigrazione forzata per l’UE e la Germania, nonostante un chiaro mandato degli elettori in contrario.

I coltelli si stanno sfoderando in Germania contro la Merkel e solo i socialdemocratici pro-UE stanno intervenendo in sua difesa. Ma la loro relazione con Merkel è quello che li ha ficcati nella posizione depressa in cui sono. Gli elettori tedeschi hanno respinto la SPD nel 2017, anche nella normale roccaforte della Renania-Vestfalia, poiché hanno visto le ambizioni e i legami della Merkel verso gli Stati Uniti come un tradimento.

Ovunque, in tutta la Germania, i cittadini sono infuriati perché Merkel ha lasciato entrare più di un milione di persone migranti nel paese senza il desiderio di integrarsi nella società tedesca. Il crimine è scaduto, i bilanci sono tesi e le comunità vengono sradicate.

Questo è per la necessità della Merkel di essere vista come un dittatore benevolo sull’Unione europea dopo che ha scosso la Grecia, in stile mafioso, per alleviare il debito nel 2015.

Merkel-ism sta per potenza

Le perdite della Merkel sono state un’alternativa per il guadagno della nuova formazione in Germania (AfD). In effetti, tutte le parti minori hanno beneficiato. E il problema ora è che non esiste un chiaro supporto per nessuna delle parti a livello nazionale.

Una dirigenza SPD indebolita inizialmente respinse un’altra grande coalizione per salvare la sua reputazione con gli elettori e ricostruire il partito. Ma alla fine ha ceduto alla realtà di essere l’unico modo per la Merkel di formare un governo.

E per quanto riguarda Bruxelles non c’era altra opzione consentita. Il presidente Frank-Walter Steinmeyer lo ha chiarito. Nello stesso modo in cui il presidente italiano Sergio Mattarella ha cercato di manipolare tutte le fasi delle elezioni italiane per ottenere il risultato desiderato da Bruxelles.

Il problema è che al fine di ottenere quella coalizione formata, una Merkel indebolita ha dovuto concedere maggiori concessioni al suo partito sorella la CSU e Seehofer. La stessa Merkel non rappresenta ormai nulla in particolare se non la stessa oligarchia della UE.

Le sue posizioni si spostano con i venti che la rendono l’ultimo scarafaggio politico, evitando la luce per mantenere il potere. Ma la CSU è molto più conservatrice nella sua politica. Sta per qualcosa, e questo significa più di Merkel.

E persino si sente bruciare dal suo legame con lei. La CSU sta ora osservando la perdita del controllo della maggioranza in Baviera per la prima volta da decenni, votando al 46% ora che l’AfD è salito al supporto a due cifre.

Quindi, Seehofer deve rompere con Merkel o perdere la sua posizione di leader della CSU. Ma se lo fa, probabilmente lo congederà come ministro dell’Interno.

Ma farlo non fa che ostacolare l’inevitabile, un collasso della sua coalizione. Perché questo sarà preso dagli elettori tedeschi come un chiaro segno della sua riluttanza a modificare una politica selvaggiamente impopolare.

Manifestazione contro la Merkel

L’immigrazione è un valore fondamentale (per la Merkel e i globalisti)

L’immigrazione non è semplicemente un vantaggio politico da negoziare a cavallo dai leader nella legislatura. Qualcuno dovrebbe insegnare a Nancy Pelosi e Chuck Schumer questo prima che il Partito Democratico faccia la fine del dodo.

Il fenomeno migratorio spezza troppo profondamente l’identità personale delle persone e il loro senso di comunità e cultura. Piaccia o no, le persone tendono a cercare altre persone come loro, con la stessa cultura e lingua.

Siamo cablati per questo. E i marxisti culturali mondialisti che spingono per la visione di George Soros dell’Open Society si scontrano con uno dei più basilari pregiudizi umani e istinti di sopravvivenza. Demonizzare e disumanizzare le persone per ottenere un guadagno politico non è un percorso di coesione sociale, ma piuttosto di violenza e guerra civile.

Il cambiamento culturale procede lentamente se non del tutto, a seconda della volontà della gente. La difesa della propria cultura è uno dei motivi basilari per cui le persone sopportano l’inettitudine del governo, in primo luogo.

Tradire quella fiducia è ciò che distrugge i governi e le potenze che spingono i quisling come la Merkel a continuare a credere che il tradimento, a prescindere dal sentimento pubblico, stia spingendo questa situazione verso un punto di crisi in tutto l’Occidente.

La leadership in Europa e negli Stati Uniti ha costruito costrutti giuridici per sovvertire quel mandato mentre monopolizza i media per convincere le persone che questa è la strada giusta per il loro futuro.

Coloro che difendono i valori condivisi che rendono un paese una Nazione, non importa quanto culturalmente diversi internamente, hanno visto enormi vittorie elettorali, mentre quelli che si aggrappano alla fantasia utopistica dei nuovi editti sovietici delle élite mondiasliste che agitano le dita e il mito del Progresso possono continuare a perdere non solo il potere, ma la legittimità.

L’ultimo stadio della Merkel

Se la Merkel vuole rimanere al potere per continuare a sovvertire la causa delle persone per determinare il proprio futuro, dovrà compromettere la sua politica verso l’immigrazione oggi. Non ho dubbi che troverà una strada per rimanere al potere. È la sua singolare abilità di politico.

Ma ciò non significa che la situazione in Germania sia più facile. Le massime tariffe e le sanzioni commerciali erogate dalla campagna elettorale di Trump stanno consegnando a Merkel le munizioni di cui ha bisogno per sostenere il suo sostegno mobilitando gli attacchi sfrontati di Trump sulla sovranità tedesca e la sua identità culturale.

Angela Merkel disgustata

Mentre sono d’accordo con la Germania di Trump come la classe dei rentier dell’UE, che travasa di ricchezza non acquisita dal resto del continente attraverso un’unione valutaria orribilmente progettata e implementata, non cambia il fatto che sta insultando l’etica del lavoro tedesco e l’orgoglio di quanto i tedeschi stanno facendo.

Quindi, come ho detto da quando gli italiani hanno un governo antagonista, la Merkel ha un percorso per ottenere un capitale politico serio sulla questione della Crimea e delle sanzioni russe. Innanzi tutto sostenendo Trump ed emettendo tariffe sui prodotti statunitensi e poi mettendo da parte l’Italia per far esplodere il regime sanzionatorio quando si tratta di una nuova autorizzazione.

La Russia sta godendo l’apertura della Coppa del mondo e la buona volontà che genera in tutta Europa. Non potrebbe esserci un momento migliore per questo. L’ottica politica è eccellente e i problemi di Merkel si stanno intensificando rapidamente.

Sarà meglio cogliere l’attimo o vederlo passare.

Traduzione: Sergei Leonov

*

code