La Fine del vecchio “Ordine Mondiale” Unipolare agognato dagli USA


La Russia Immagina un “Nuovo Ordine Mondiale” multipolare mentre il Sole tramonta sul Vecchio Ordine Unipolare previsto dall’elite di potere statunitense.

di Robert Bridge

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha affermato che i nuovi centri di potere globale stanno lavorando per costruire un sistema multipolare in sostituzione dell’egemonia occidentale guidata dagli Stati Uniti. Tutto sommato, Washington dovrebbe essere molto sollevata.
In commenti ampiamente ignorati dai principali media occidentali, il veterano diplomatico della Russia ha lasciato cadere una bomba la scorsa settimana, dichiarando la fine del “modello liberale occidentale di sviluppo”, che, ha detto, “sta perdendo la sua attrattiva e non è più visto come un perfetto modello per tutti. “

Questa non è la prima volta che i leader occidentali hanno flirtato con l’idea di un nuovo ordine mondiale. Anche Woodrow Wilson, e più tardi Winston Churchill, ne furono colpevoli. Tuttavia, questo non era avvenuto fino al crollo dell’Unione Sovietica, il nemico dell’arco ideologico americano, che rappresentava il piano per il dominio globale, con gli Stati Uniti come autorità suprema, aveva afferrato l’immaginazione dei politici di Washington.

Washington, ubriaca di un potente cocktail di eccezionalismo e iperpotenza globale, si proponeva di ricreare il mondo sulla sua “meravigliosa” immagine. Cosa potrebbe mai potuto andare storto? Il sogno dell’America di stabilire un nuovo ordine mondiale, che sembrava essere solo un eufemismo per l'”impero globale”, ha richiesto una grande offensiva da più fonti: dagli studi patriottici e propagandisti dei media mainstream e di Hollywood, al tentacolare complesso militare-industriale americano, alla Federal Reserve, che godeva – e gode ancora – del dominio della valuta fiat in quanto molte transazioni globali continuano a essere fatte in dollari USA.

In effetti, la volontà degli Stati Uniti di portare il proprio potere economico a reggere contro amici e nemici è stata una tendenza preoccupante di recente. Attualmente, Washington sta tentando di istigare disordini civili e potenzialmente cambiamenti di regime in paesi come il Venezuela e l’Iran – due membri dell’OPEC – con l’imposizione di sanzioni severe. Gli stessi metodi sono stati usati in passato, prima del conflitto militare in atto, in luoghi come l’Iraq, la Libia e la Siria.

Cosa sta motivando Washington ad impiegare in primo luogo metodi così brutali ? La risposta si riduce a una semplice questione di potere, avidità e imposizione del dominio statunitense sul pianeta. In effetti, gran parte dell’ostilità – per non dire delle oltraggiose teorie cospirative – rivolte alla Russia, per esempio, potrebbe essere spiegata da fattori puramente economici, come ho già sostenuto in precedenza. L’amministrazione Trump in realtà ha minacciato l’alleata della NATO, la Germania, con sanzioni per la sua cooperazione con la Russia nell’ambizioso gasdotto Nord Stream 2. La palese interferenza negli affari di altri paesi, tuttavia, non è limitata alle esportazioni russe di petrolio e gas.”Ci sono due cose in cui non credo”, ha detto Merkel in risposta. “In primo luogo, discutere pubblicamente queste domande di sicurezza molto delicate e, in secondo luogo, escludere un’azienda semplicemente perché proviene da un determinato paese.”
Come direbbe il tempo, le conseguenze sarebbero profonde e durature.
Quando finalmente una vera minaccia alla pace globale è emersa con un fanatico gruppo terroristico chiamato Stato Islamico, gli Stati Uniti e i loro alleati si sono trovati stranamente non all’altezza del compito. Non solo il gruppo terrorista raggiante stava facendo passi da gigante per creare un califfato attraverso un’ampia fascia del Medio Oriente, che aveva trovato anche il tempo per stabilire un’attività di esportazione di petrolio sul territorio della Siria, dove stava lavorando in combutta con l’ opposizione siriana per far cadere il governo legittimo di Bashar Assad. Tutto questo senza che ci fosse un solo jet da combattimento o elicottero dela coalizione USA a contrastare il traffico. Chiaramente c’era qualcosa di sbagliato nella strategia guidata dagli Stati Uniti, che sembrava troppo concentrata sulla rimozione di Assad dal potere.

Truppe russe e siriane

Alla fine, la Russia ha detto di averne “abbastanza” e, con grande sorpresa e costernazione degli Stati Uniti e dei suoi alleati, è entrata nella mischia. Nel corso del tempo, la minaccia terroristica è stata in gran parte sradicata dalla Siria e, forse ancora più importante, la macchina per il cambio di regime guidata dagli Stati Uniti che aveva devastato il Medio Oriente e il Nord Africa si era finalmente fermata alle porte di Damasco. Gli storici del futuro potrebbero guardare indietro e dire che è stato il punto in cui gli sforzi per creare un “nuovo ordine mondiale” hanno ricevuto la loro prima battuta d’arresto.

In passato, paesi come la Russia e la Cina, per non parlare della Germania, non erano in grado di presentare una sfida alla superpotenza americana. Ciò tuttavia non ha impedito loro di esprimere le loro lamentele con la composizione unilaterale del palcoscenico politico globale. Nel febbraio 2007, Vladimir Putin ha fatto proprio questo in un discorso durante la conferenza di sicurezza di Monaco.

“Oggi assistiamo ad un iperuso quasi inconciliabile della forza – forza militare – nelle relazioni internazionali, forza che sta facendo precipitare il mondo in un abisso di conflitti permanenti”, ha affermato. “Sono convinto di aver raggiunto quel momento decisivo in cui dobbiamo pensare seriamente all’architettura della sicurezza globale”.
Non sorprende, nulla è cambiato. Almeno non immediatamente.

L’anno scorso, Putin ha pronunciato un altro discorso, anche se questo era completamente diverso sia nei toni che nei contenuti. Mentre a Monaco di Baviera, il leader russo poteva lamentare solo le “azioni unilaterali e spesso illegittime” dell’alleanza occidentale, questa volta ha dimostrato che la Russia era pienamente pronta a difendersi in caso di necessità.

Anche se sono convinto che la Russia avrebbe preferito cooperare con gli Stati Uniti e i loro alleati, creando un partenariato indissolubile in un momento di crisi globale, nulla ha suggerito che l’Occidente fosse preparato a qualsiasi tipo di cooperazione bilaterale.
Gli strateghi USA e occidentali avevano altri disegni dell’assetto mondiale . Riguardavano solo la creazione di un “nuovo ordine mondiale” e quelle ambizioni imperiali – i sogni dei fanatici neocon intossicati dall’elisir del potere ultimo – hanno fatto la differenza nel mondo, nel bene e nel male.

Fonte: News Front

Traduzione: Sergei Leonov

6 Commenti

  • Max Dewa
    19 Aprile 2019

    Ma voi avete un idea di cosa siano il rublo e lo yuan ? Girare con quei soldi nelle tasche e’ un onta , in giro per il Globo dei turisti comunisti apprezzati non si sono mai visti ,Ve li tirano dietro I vostri yuan e rublo vi trattano come un appestato ,per non parlare delle forze armate russe e cinesi inesistenti , ovunque si vada solo American I navi americane basis aeree americane hotel interi occupati da forze americane esercitazioni americane basis aeree americane , ma voi con quests informazione disinformate altroche’ ,qui da me ora hanno occupato un intero hotel il gruppo “cobra gold ” marines americani

  • atlas
    19 Aprile 2019

    • Nicola
      19 Aprile 2019

      MAX DEWA
      Lei ambisce ad arrampicarsi sugli specchi ma la fisica non glielo permette (ma poi cosa ca…o scrive!)

      • atlas
        19 Aprile 2019

        è un pò invasato, non cattivo. Ma nemmeno tanto buono

  • atlas
    19 Aprile 2019

    una volta messi in condizione di non nuocere i giudei non sentiremo parlare più di disordini mondiali, né vecchi né nuovi, ma solo di pace e fratellanza in Adamo ed Eva

  • Sed Vaste
    20 Aprile 2019

    Digitate” Tutti i presidenti della federal reserve bank video” E’difficile farvi entrare nella teste certe cose lo so e’ molto piu semplice denigrare e ridicolizzare al buontempone Nicola chiedo di fare una capatina su wikipedia e guard are solo I Nomi non dico tanto non dico di perdersi in elucubrazioni da maniaco ,guardi I Nomi di chi stampa I’ll dollaro LA banca federal reserve bank l’unica a poster Stamp are I’ll Dollaro ,guardian inomi dei presidential shalom bernanke greespan Yallen ecc tutti Ebrei

Inserisci un Commento

*

code