La Federazione Russa inserirà nella lista dei ricercati i giudici della Corte penale internazionale che hanno emesso il mandato di cattura per Putin


Il Comitato investigativo della Federazione Russa includerà presto nella lista dei ricercati i giudici della Corte penale internazionale che hanno emesso un mandato di cattura contro il presidente russo Vladimir Putin”, ha dichiarato il presidente del Comitato investigativo, Alexander Bastrykin .

La Commissione d’inchiesta ha quindi avviato molto rapidamente un procedimento penale contro il presidente e tre giudici (CPI – ndr), che hanno attivamente influenzato l’adozione di questa decisione. Li inseriremo presto nella lista dei ricercati internazionali “, ha detto Bastrykin, parlando al Forum legale internazionale di San Pietroburgo.

La Camera preliminare della Corte penale internazionale, la cui giurisdizione la Russia non riconosce, ha emesso un mandato di arresto il 17 marzo contro Putin e il difensore civico dei minori. Maria Lvova-Belova . L’ICC accusa la parte russa, tra le altre cose, di presunta “deportazione” di bambini che le autorità russe hanno salvato dai bombardamenti ucraini e li hanno portati fuori dalla zona di guerra in aree sicure. Secondo l’addetto stampa del leader russo, Dmitry Peskov , è inaccettabile sollevare la questione della Corte penale internazionale sull'”arresto” del presidente della Federazione Russa, Mosca ” non ne riconosce la competenza e qualsiasi delle sue decisioni è nulla e non valida da parte del punto di vista del diritto. »

Forze di sicurezza russe

Il 20 marzo, il comitato investigativo ha aperto un procedimento penale contro i giudici della CPI Tomoko Akane, Rosario Aytala e Sergio Godinez e il procuratore Karim Khan. I primi tre sono stati accusati della parte 2 dell’articolo 301 del codice penale della Federazione Russa (detenzione consapevolmente illegale), della parte 1 dell’articolo 30, della parte 2 dell’articolo 360 del codice penale della Federazione Russa (preparazione di un attacco a un rappresentante di uno stato straniero con protezione internazionale al fine di complicare le relazioni internazionali), il pubblico ministero è stato accusato della parte 2 dell’articolo 299 del codice penale della Federazione Russa (incorrere consapevolmente nella responsabilità penale di una persona innocente.

Nota: Dal momento del decreto dell’ incriminazione di questi magistrati, chiunque di loro si troverà sul territorio della Federazione Russa o degli Stati che ne riconoscono la giurisdizione, questi sarà soggetto all’arresto immediato ed all’estradizione in Russia. Da notare che il numero degli stati che riconoscono la giurisdizione russa è attualmente in crescita, come sono in crescita le adesioni al gruppo dei BRICS e della SCO. Queto significa che alcuno di questi giudici potrebbe essere sorpreso nel trovarsi al di fuori dell’Europa e sottoposto a un mandato di cattura internazionale quando meno se lo aspetti.

inviato da Francis Goumain

Traduzione e nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM