"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La falsa indignazione sionista

Una giustificata indignazione sionista sarebbe molto più convincente se non fosse coperta da tante fesserie.

di  Miko Peled

Una giustificata indignazione sionista sarebbe molto più convincente se non fosse coperta da tante fesserie. In risposta ad un prossimo incontro previsto a Londra durante il quale il Dr. Azzam Tamimi e io parleremo all’University College di Londra, UCL, Jewish Chronicle è uscita con un articolo intitolato: “Gli studenti UCL ebrei terrorizzati dall’evento anti-israele”.

Non sembrano mai essere stati terrorizzati dalla realtà che Israele impone ai palestinesi.
Loro non sono rimasti sconvolti dalle leggi razziste, dalla morte lenta per mancanza di acqua e assistenza medica imposto agli abitanti di Gaza, non sono stati spaventati dai bombardamenti e dall’uccisione di innocenti, né sono rimasti inorriditi da migliaia di prigionieri politici torturati dai servizi segreti israeliani.

Ciò che li spaventa è, a quanto pare, il dottor Tamimi e io che parleremo di queste cose. Beh, dovrebbero prepararsi perché la verità potrebbe essere orribile.

Recentemente sono tornato dalla Palestina dove come al solito ho lasciato i miei amici palestinesi e personalmente non posso fare a meno di sentire una combinazione di rabbia, tristezza, un senso di disgusto, per un mondo che sembra interessarsi molto poco per le vite palestinesi.

Bambino a Gaza

Le madri e i padri palestinesi possono in qualsiasi momento essere arrestati o sparati, possono in qualunque giorno e in qualsiasi momento vedere i loro figli arrestati o sparati, possono in qualsiasi momento vedere la loro casa demolita; I bambini palestinesi vengono strattonati, picchiati e molestati dalla polizia e dai soldati che sono motivati ​​dal razzismo e dall’odio e sono armati fino ai denti con le armi migliori.

Essendo in Palestina non c’è più di un’ora o due di guida dal campo di concentramento che è la Striscia di Gaza dove due milioni di persone sono ingabbiate e stanno morendo di una morte lenta. Questo è orribile per le persone di coscienza ma apparentemente non per gli scrittori e i redattori di Jewish Chronicle.

Quello che è ancora più orribile è l’atteggiamento spesso freddo, misurato e accademico che le persone hanno verso la Palestina. È come vedere la gente intrappolata sotto le macerie di un edificio demolito, incapace di uscire mentre il resto di noi discute il loro destino. Noi siamo liberi di camminare, mentre loro devono rimanere calmi, cercando di non respirare la polvere, i fumi e l’odore della morte presente dappertutto; devono fare i conti con i grossi pezzi di calcestruzzo e pietre che minacciano di schiacciare loro e i loro figli, con pezzi di metallo che minacciano di infilzarli se fanno una mossa sbagliata e noi siamo liberi di lasciarli lì senza cibo o acqua, e quello che è peggio, è che ci impegniamo in dibattiti accademici camminando liberamente nel paese che una volta era loro.

La dignità con cui i palestinesi affrontano la loro situazione non dovrebbe farci pensare che per loro sia sopportabile. La decisione dei palestinesi di esistere, di vivere e di crescere i figli, che hanno fede nel futuro, dovrebbero essere visti nel contesto di un orribile olocausto imminente. I palestinesi affrontano un potente nemico, lo Stato di Israele, che è determinato a distruggerli fino alla loro estinzione. Non è solo oppressione, è un tentativo di genocidio. Israele fa questo utilizzando bombe, negando ai palestinese acqua e cure mediche, distruggendo i raccolti e demolendo le case; Le autorità israeliane utilizzano la deportazione e negano ai palestinesi il diritto di tornare a casa, negano ai palestinesi di sposarsi con altri palestinesi sulla base dei luoghi di residenza, limitano o negano il diritto di viaggiare e l’elenco continua. È una campagna di genocidio ben pianificata e ben preparata che non deve essere presa alla leggera.

Il Muro di Gaza

La Palestina resiste, e i palestinesi sopravvivono, ma solo in virtù della loro decisione di esistere, e non attraverso un aiuto. Noi all’esterno dovremo ascoltare l’appello palestinese per imporre il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni contro lo stato di Israele. È una campagna che chiede semplicemente la fine dell’occupazione militare del 1967, parità di diritti e il diritto dei palestinesi di tornare nelle loro case e nelle loro terre. Ma dobbiamo andare oltre: Israele deve mettere definitivamente fine all’assedio di Gaza, liberare tutti i prigionieri palestinesi e dare ai palestinesi un accesso illimitato all’acqua e alle cure mediche.

Israele e i suoi sostenitori fanno finta di essere terrorizzati e incolpano l’intero mondo per essere antisemita. Ma noi che non siamo sotto le macerie siamo obbligati a fare tutto ciò che è umanamente possibile per denunciare i crimini israeliani e per salvare i palestinesi da questa morte imminente. Dobbiamo parlare ed esporre la realtà in cui vivono i palestinesi, la stessa che Israele ei suoi cronisti cercano di nascondere. Dobbiamo insistere sulla verità, interrompere qualsiasi dibattito che legittima Israele, boicottare, isolare e combattere ininterrottamente fino a quando la Palestina e i suoi figli saranno liberi.

Fonte: Miko Peled.com

Trad. Invictapalestina.org

*

code

  1. Idea3online 2 settimane fa

    Questo conflitto è millenario, Ismaele e Isacco, Esaù e Giacobbe, Israele e Giuda, esattamente Samaria contro Giuda e viceversa, ma tutto iniziò quando Noè divise il Territorio tra Cam, Sem e Jafet, uno dei figli o sua generazione in seguito non rispettò i patti……ogni conflitto ha una origine, il problema che i Media non collegano il Presente al Passato, questo per avvalorare la Teoria dell’Evoluzione, se dovessero raccontare le Origini dei conflitti, ecco che tantissimi esseri umani non potrebbero essere manipolati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Annibale55 2 settimane fa

      Conflitto dici? Io vedo solo genocidio e mi vergogno che i politici italiani abbiano relazioni con Israele. FORZA PALESTINA!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Walter 2 settimane fa

    Gli abitanti di Gaza non hanno un nemico, ne hanno due, ugualmente corresponsabili della situazione descritta dall’autore: Israele e Hamas. Israele mantiene l’embargo e attacca con i missili; Hamas usa gli abitanti di Gaza come scudi umani e le loro abitazioni come depositi di armi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace