La falsa controffensiva e il rifiuto dei buoni uffici

placeholder


di Thierry Meyssan

È un gioco da pazzi. Comunicazioni da Kiev dicono che il suo esercito ha lanciato una controffensiva da due settimane. Ma questo non corrisponde a ciò che si può vedere sul campo di battaglia. Kiev afferma inoltre di accogliere con speranza le due missioni di buoni uffici della Cina e dell’Unione Africana. Ma Volodymyr Zelensky ha interrotto le trattative che stava conducendo con Mosca e ha promulgato una legge che ne vietava la ripresa.
Secondo le autorità di Kiev, l’esercito ucraino avrebbe lanciato dall’8 giugno “una vasta controffensiva contro l’aggressore russo”.

La controffensiva non esiste
La letteratura militare preferisce parlare di contrattacco piuttosto che di controffensiva. Il contrattacco consiste nell’approfittare delle momentanee debolezze del nemico per passare all’attacco. Pensiamo a Napoleone ad Austerlitz che fece ritirare alcune delle sue truppe per far cadere gli avversari in una trappola dalla quale uscì vittorioso.

La scelta del termine “controffensiva” non è neutra. Si tratta di un dispositivo di comunicazione che suggerisce che i russi abbiano lanciato una “offensiva” per conquistare l’Ucraina. Inoltre, hanno combattuto all’aeroporto a nord della capitale, prima di ritirarsi.

In realtà i russi non hanno mai provato a prendere Kiev e non vogliono invadere l’Ucraina. Così ha detto il loro presidente, Vladimir Putin, nella prima settimana della sua “operazione speciale”. Prendere un aeroporto militare, anche a nord di Kiev, è solo una battaglia per garantire la superiorità aerea dei russi. Ciò non indica che intendessero prendere la capitale.

Anche l’espressione “operazione speciale” non è neutra. Mosca sottolinea così che non sta conducendo una guerra di invasione, ma sta attuando la sua “responsabilità di proteggere” le popolazioni degli Oblati di Donetsk e Lugansk che dal 2014 erano ufficialmente oggetto di un’operazione punitiva da parte di Kiev. L’operazione speciale russa sarebbe come mettere in discussione l’operazione dell’esercito francese volta a porre fine ai massacri in Rwanda. Entrambe le operazioni speciali sono state autorizzate da risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (Risoluzioni 929 del 22 giugno 1994 e 2202 del 17 febbraio 2015). Solo che la risoluzione su cui si basa Mosca non è stata presa in fretta. È quella che avalla gli accordi di Minsk e dà alla Germania, alla Francia e la Russia il ruolo di garanti degli accordi.

Dal punto di vista comunicativo, il termine “controffensiva” ha il vantaggio di far dimenticare che per otto anni Kiev ha condotto una guerra contro i propri cittadini, provocando tra i 14.000 ei 22.000 morti secondo i conteggi.

Per mesi Kiev ha mendicato e ottenuto quantità di armi occidentali. Ha anche addestrato i suoi soldati a usarli. Intanto Mosca ripiegava sulle linee che aveva accettato durante i negoziati di pace, condotti in Bielorussia, poi in Turchia, prima di essere denunciata dalla Verkhovna Rada (il Parlamento di Kyiv in cui Washington ha insediato un ufficio di consiglieri permanenti presso il Dipartimento di Stato e USAID ). Mosca è andata oltre abbandonando la riva destra di Kherson (ma non la riva sinistra), facendo del fiume Dnepr il confine naturale tra Ucraina e Novorossia. Gli abitanti di questa regione avendo aderito tramite referendum alla Federazione Russa, Mosca ha costruito due linee di difesa, che vanno dalla foce del Dnepr al Donbass (Lougansk e Donetsk).

L’Alleanza atlantica, che fornisce armi e strategie, ha dato l’ordine di sferrare la controffensiva mentre Kyiv non ha più il controllo dell’aria e ha poche munizioni. Durante l’anno precedente, l’esercito ucraino poteva utilizzare i droni per monitorare i movimenti dell’avversario. Oggi non può più, perché strapazza tutte le comunicazioni sul “suo” territorio e poco oltre. kyiv ha teoricamente un impressionante armamento di terra, come nessun paese ha mai avuto. Ma in pratica molte armi consegnate sono scomparse, andate altrove, con o senza il consenso di generosi donatori. Per quanto riguarda le munizioni, non è possibile immagazzinarle in Ucraina senza che vengano distrutte dai missili ipersonici russi.

Da due settimane le forze ucraine cercano di sfondare le linee di difesa russe, senza riuscirci. Le truppe si ammassano davanti a queste linee e vengono attaccate dall’artiglieria russa. Quando decidono di ritirarsi, i russi inviano droni per disperdere le mine sulla via del ritorno.

L’unica cosa che le forze di Kiev possono fare è prendere i villaggi che si trovano a pochi chilometri davanti alle linee di difesa. Durante questo periodo, l’aviazione russa ha bombardato i loro arsenali, a volte in profondità all’interno dell’Ucraina. I sistemi di protezione antiaerea di maggior successo, i Patriots, furono distrutti non appena furono installati. Non è rimasto molto, quel tanto che basta per colpire dei vecchi missili. Lo stato maggiore ucraino afferma di aver distrutto sei missili Kinzhal, il che, data la loro velocità (10 mach), è impossibile. Il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, ha rilasciato una fotografia in cui posa davanti a un relitto di Kinzhal. L’asso! I detriti non corrispondono assolutamente a quest’arma.

Il morale delle truppe ucraine è ai minimi storici. Il ministero della Difesa assicura che ci sono ancora molti uomini nelle retrovie. Tuttavia, l’oblast di Ivano-Frankivsk ha decretato la mobilitazione di tutti gli uomini dai 18 ai 60 anni. Le esenzioni sono rare. La realtà sembra quindi piuttosto essere che non ci sono più combattenti pronti all’azione.

L’Alleanza Atlantica ha schierato tutti i suoi AWACS per monitorare a distanza il campo di battaglia. Non può ignorare l’entità della sconfitta. Stranamente, continua a spingere gli ucraini a combattere, o meglio a morire.

La missione dell’Unione Africana e della Fondazione Brazaville è stata accolta con cortesia, ma gli ucraini non ebbero nulla a che fare con i loro buoni uffici. Hanno solo cercato di conquistarli.
Kyiv non vuole una missione di buoni uffici
Washington spera ancora che kyiv vinca, offrendo al presidente Joe Biden una clamorosa rielezione. Tuttavia, potrebbe fare marcia indietro e affidarsi alle due missioni di buoni uffici di Cina e Unione Africana. Tuttavia, su istigazione di Washington, la Verkhovna Rada ha proibito a chiunque di negoziare con l ‘”invasore”.

La Cina ha rilasciato un piano in 12 punti che secondo Pechino dovrebbero essere alla base di qualsiasi accordo di pace. L’inviato speciale di Pechino, Li Hui, si rifiuta di discuterne l’attuazione fino a quando non saranno approvate da entrambe le parti. Ora è fatto. Ma gli occidentali non si lasciano ingannare. Possiamo solo fingere di condividere questi principi continuando le bugie che abbiamo sviluppato per tre decenni. In caso contrario, porteranno a riconoscere i meriti della posizione russa e quindi ad auspicare la sconfitta di Kiev.

L’Unione Africana e la Fondazione Brazaville hanno inviato quattro Capi di Stato: Azali Assoumani, (Comore e attuale Presidente dell’Unione Africana), Macky Sall (Senegal), Cyril Ramaphosa (Sud Africa) e Hakainde Hichilema (Zambia). Tutti gli altri hanno fallito. Il presidente egiziano ha inviato il suo primo ministro, Mostafa Madbouly. L’ugandese, Yoweri Museveni, affetto da Covid, ha delegato il suo ex ministro degli Esteri, Ruhakana Rugunda. Il congolese Denis Sassou-Nguesso era rappresentato dal Ministro di Stato per la Presidenza, Florent Ntsiba.

Appena arrivati, l’intera delegazione è stata invitata a visitare Boutcha dove i loro ospiti hanno spiegato loro che gli occupanti russi avevano commesso atrocità. Gli africani non incontrarono gli inquirenti internazionali che stabilirono, al contrario, che le stragi furono perpetrate con i dardi (munizioni largamente utilizzate durante la prima guerra mondiale). Soprattutto i russi hanno lasciato Boutcha il 30 marzo 2022. Il sindaco della località non ha notato nulla di anormale. Poi, il giorno successivo, i nazionalisti integrali del battaglione Azov entrarono in città, ma i corpi non furono trovati fino al 4 aprile. È quindi chiaramente uno scenario di guerra civile durante il quale i nazionalisti integrali giustiziarono concittadini che pensavano avessero collaborato con i russi. Comunque,

Quando sono arrivati ​​a Kiev, le sirene hanno suonato. Ma questi leader non sono rimasti colpiti. Hanno scoperto che la capitale non è stata bombardata, ma solo alcuni obiettivi militari.

Missione africana

Durante la conferenza stampa finale, il Presidente delle Comore, Azali Assoumani, ha dichiarato: ” Il cammino verso la pace deve passare attraverso il rispetto della Carta delle Nazioni Unite e l’Africa è pronta a continuare a lavorare con voi nella ricerca di una pace duratura (…) Anche se la strada per la pace può essere lunga, c’è speranza perché i colloqui sono possibili ”. Al che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha risposto: ” Oggi ho detto chiaramente durante il nostro incontro che consentire qualsiasi negoziato con la Russia ora, quando l’occupante è sulla nostra terra, significa congelare la guerra, congelare il dolore e la sofferenza “.

Il 17 giugno 2023 Vladimir Putin presenta alla delegazione africana la bozza di trattato di pace firmata,
nel marzo 2022, dal presidente della delegazione ucraina durante i negoziati di pace in Turchia

Dopo questa fine dell’inammissibilità, gli africani si sono recati a San Pietroburgo per incontrare il presidente russo Vladimir Putin. Questo era ovviamente molto più aperto. Non solo non aveva nulla da perdere, ma ha una discussione massiccia. Ha presentato alla delegazione (vedi video) il testo del trattato di pace e l’addendum negoziato dagli ucraini, nel marzo 2022, e firmato dal capo della loro delegazione. Ha anche spiegato che in applicazione di questo progetto, le truppe russe avevano lasciato gli oblast di Kiev e Chernihiv, e che gli ucraini non solo si erano rifiutati di ratificare questi testi, ma avevano adottato una legge che vietava l’azione penale o la ripresa dei negoziati di pace.

Vedremo, durante il vertice Africa-Russia in programma dal 26 al 29 luglio, quale dei due capi di Stato sarà parso il più sincero agli occhi della delegazione dell’Unione Africana. L’interesse di Kiev per le missioni di buoni uffici è tanto falso quanto la sua controffensiva.

Thierry Meissan

Fonte: .voltairenet.orgl

Traduzione: Gerad Trousson

Un commento su “La falsa controffensiva e il rifiuto dei buoni uffici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM