La dura de-dollarizzazione è rinviata al vertice BRICS 16 a Kazan, in Russia

Dopo il vertice tettonico dei BRICS il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov (SL), che brilla in assenza del presidente Putin, ha parlato della filosofia BRICS basata sulla multipolarità e del tema rilevante della valuta dei BRICS.

Al di là del fatto che ho proposto la moneta BRICS 14 anni fa ( https://bit.ly/3Z1oRqk ), è trascendentale capire che il pianeta è sull’orlo di una Terza Guerra Mondiale (TGM), quindi non conviene stuzzicare la tigre americana ferita, il cui vero predominio, su altre voci, è la supremazia del dollaro.

Russia e Cina hanno optato per il gradualismo in attesa di due eventi che da soli avrebbero accelerato quelle che ho chiamato le tre de-dollarizzazione: 1) La fase post-Ucraina, quando l’oligarca finanziario Khazariano Igor Kolomoisky , controllore del comico Zelenskyj, viene diffamato anche dal quotidiano monarchico globalista Financial Times ( https://on.ft.com/45Vc0by ) –forse come capro espiatorio per l’imminente sconfitta della NATO–, e 2) il risultato della Biden- Collisione con Trump.

L’agenzia Tass riassume la prossima mossa negli scacchi di S. Lavrov, che ha categoricamente affermato: “una semplice moneta BRICS è fuori tema ora mentre i BRICS-11 “vogliono cercare modi per garantire quella mutua economia e i progetti commerciali che non dipendono così tanto dal sistema controllato dagli Stati Uniti” . Meglio cercare vie negoziate che ricorrere ad un TGM, in cui tutti gli attori ci rimetterebbero.

Lavrov critica diplomaticamente l’Occidente, che ha dimostrato “la sua capacità ( sic ), il suo desiderio di abusare attivamente del suo status di emittente di valute di riserva per raggiungere obiettivi politici in violazione di tutte le regole del libero mercato, del commercio internazionale e dell’OMC”. Qui Lavrov è stato molto pio non sfidando l’unipolarità finanziaria del dollaro e ricordando samaritanamente l’agonizzante WTO, conclusasi con il Doha Round.

Sergei Lavrov, fedele seguace dell’ex primo ministro russo Yevgeny Primakov – che ha ideato il triangolo geostrategico RIC (Russia, India, Cina) in un momento di urgenza esistenziale di Mosca durante la fatidica fase di Boris Eltsin: più rilevante della banalità mercantile del BRIC, senza il Sud Africa, che è stato coniato dal britannico Lord Jim O’Neill per essere assorbito nel G-7 – delinea il “piano ( sic )” che “facilita l’uso delle valute nazionali , ma soprattutto crea un sistema di pagamento alternativo”.

Nonostante abbia contro di sé tutte le sterili sanzioni dell’Occidente, qui la Russia non rompe, ma irrompe, per riformare l’attuale sistema internazionale dal fallimentare unipolarismo.

SL ha annunciato che i ministri delle finanze dei BRICS formeranno un gruppo per il prossimo vertice di Kazan sulla creazione di un sistema di pagamento alternativo .

Otto giorni dopo, SL, davanti agli studenti di relazioni internazionali dell’Istituto statale di Mosca, ha magnanimamente accettato di non nutrire alcuna animosità contro il dollaro in sé, forse conoscendo l’inevitabilità del multipolarismo e il suo corollario di de-dollarizzazione: “non stiamo ovviamente sviluppando la nostra linea contro gli Stati Uniti, contro l’Occidente, non è che vogliamo rovinare il dollaro (ma solo ridimensionarlo).
Gli Stati Uniti non garantiscono più il ruolo globale del dollaro che soddisfa tutti. Questo è il problema”.

Il dollaro, infatti, non viene distrutto, ma è stato annientato solo quando Biden lo ha militarizzato attraverso sterili sanzioni che hanno avuto un effetto boomerang. SL ha aggiunto che nessuna delle cosiddette valute di riserva – euro, yen giapponese e dollaro – è affidabile.

Delle tre de-dollarizzazione, quella morbida sta andando sempre più rafforzandosi, mentre quella dura – l’annientamento del dollaro come valuta di riserva – richiederà più tempo ed è stata rinviata fino al vertice dei BRICS a Kazan, in Russia.

Il mondo si sta dirigendo verso una valuta di riserva condominiale. Per il momento…

Fonte: Alfredo Jalife.com

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “La dura de-dollarizzazione è rinviata al vertice BRICS 16 a Kazan, in Russia

  1. Annientare gradualmente la moneta che ha una valutazione ” a piacere”, il dollaro connesso alle armi, che significano guerra, morte e miseria : finanza anglosassone uguale guerra, e mai un progetto positivo, solo paura, paura , paura. Vogliono continuare a dominare il mondo solo con la paura, mai obiettivi positivi, e con una propaganda asfissiante.

  2. La de-dollarizzazione seguirà dei processi già avviati, con dei meccanismi praticamente automatici, mano a mano che la Cina imporrà l’uso dello yuan alle sue controparti per il suo import-export l’enorme massa di dollari stampati negli ultimi 4-5 anni, nell’ordine dei 6-7 trilioni, tornerà in patria e farà schizzare l’inflazione alle stelle, anche adesso quella reale èrbabilmente è a doppia cifra in quanto i salari da fame non riescono a permettere alla popolazione di sbarcare il lunario, la cosa obbligherà la FED ad alzare ulteriormente i tassi e questo porterà ad un innalzamento della spesa per gli interessi sul debito pubblico USA, già oggi nell’ordine dei 1000 miliardi di dollari l’anno, in rapido aumento mano a mano che le vecchie emissioni dei titoli di stato americani effettuate a tassi di interesse quasi a zero saranno rinnovate a tassi di interesse sopra il 5%, quindi l’aumento della spesa degli interessi sul debito passerà ad 1,2-1,3 trilioni di dollari l’anno.
    Se la Cina avesse continuato ad usare il dollaro nel suo import-export e non fosse scesa nel debito pubblico americano forse questo avrebbe potuto essere sostenibile, ma le sanzioni contro la Russia hanno convinto i cinesi che non era igienico tenere 1000 e passa miliardi di dollari, un quarto di tutti gli investimenti cinesi all’estero, bloccati nel debito pubblico americano, e che era meglio ritirali per investirli nello sviluppo del sud del mondo e nel disaccoppiamento tecnologico non tanto dagli USA quanto dai loro sudditi euro-asiatici.
    Huawei ha appena presentato l’ultimo smartphone Mate costruito con componenti completamente cinesi, inclusi microchip di classe Kirin costruiti con tecnologie cinesi, e quindi il disaccoppiamento non è lontano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM