La Dottrina Occidentale-Turco-Wahhabita In Siria È Un Genocidio Borderline

di Drago Bosnic

Le sanzioni ad ampio raggio degli Stati Uniti contro la Siria sono ancora in vigore. Questo mentre il paese dilaniato dalla guerra ha bisogno di pace e aiuti internazionali per ricostruirsi. Anche il presidente siriano Bashar al-Assad e altri alti funzionari sono soggetti a sanzioni statunitensi, ma le nuove misure, entrate in vigore a metà giugno, sono radicali: si applicano a chiunque, siriano o non siriano, aiuti o faccia affari con il governo siriano o con qualsiasi entità che controlla.

Il regime delle sanzioni prende di mira il popolo siriano, blocca gli sforzi di ricostruzione e strangola l’economia che sostiene una popolazione disperata. Secondo il rappresentante speciale degli Stati Uniti per la Siria James Jeffrey, gli obiettivi di questa politica della terra bruciata sono di trasformare la Siria in un pantano per la Russia e di ottenere una leva sufficiente per ricostituire il governo siriano lungo le linee che gli Stati Uniti hanno imposto al Giappone dopo la seconda guerra mondiale. .
In teoria, far fallire sistematicamente il governo siriano ha lo scopo di sottomettere il governo siriano alla capitolazione. Per aumentare la pressione, gli Stati Uniti hanno approvato attacchi aerei contro la Siria, così come l’espropriazione turca delle risorse energetiche siriane. Ha anche chiuso l’autostrada principale per Baghdad per soffocare il commercio.

Gli Stati Uniti hanno progettato le sanzioni in modo tale da rendere impossibile la ricostruzione. Le sanzioni riguardano i settori dell’edilizia, dell’elettricità e del petrolio, che sono essenziali per rimettere in piedi la Siria. Sebbene gli Stati Uniti affermino di “proteggere” i giacimenti petroliferi della Siria nel nord-est, non hanno dato al governo siriano l’accesso per ripararli e le sanzioni statunitensi vietano a qualsiasi azienda di qualsiasi nazionalità di ripararli.

Solo un ristretto elenco di aziende statunitensi può entrare come se fosse un giacimento petrolifero statale in Texas. Un’eccezione del genere è stata recentemente fatta per una società statunitense per gestire i giacimenti petroliferi, ma le perdite di petrolio continuano a defluire nei fiumi Khabour ed Eufrate. Quindi, le sanzioni statunitensi non solo puniscono le persone che ricevono solo un’ora o due di elettricità al giorno, ma avvelenano anche il loro ambiente.

Le sanzioni impediscono persino alle organizzazioni umanitarie internazionali di fornire assistenza alla ricostruzione. Le esenzioni umanitarie sono deliberatamente vaghe. La politica ha lo scopo di scoraggiare i fornitori di aiuti e gli investitori che altrimenti potrebbero aiutare la Siria a ricostruire ma che non possono essere completamente sicuri di essere in grado di farlo.

Nel complesso, questa dottrina malvagia mira a prevenire i tanto necessari sforzi di ricostruzione siriana, intensificare la guerra alla Siria, uccidere civili e sostenere forze per procura del terrore con portata globale. La spaventosa dottrina ha lo scopo di mantenere la Siria troppo impegnata con miseria, guerra e terrorismo.

Nonostante ciò, alleati come l’Iran e la Russia sono disposti a sostenere il governo e il popolo siriano, e si può contare fermamente su di loro per sostenere il loro alleato nella guerra e nei successivi sforzi di ricostruzione. In Siria, anche le due potenze si sono rese parte della soluzione alla crisi dei rifugiati in Europa.

Detto questo, quando si tratta di prendere di mira il governo siriano, la resistenza degli Stati Uniti al diritto internazionale è ancora più spaventosa. Ora ci sono diversi milioni di bambini a rischio di morire a causa del conflitto, della povertà, della fame e delle malattie. Il Deep State americano sembra insensibile a questi bambini e alle loro famiglie che soffrono a lungo, in particolare quelli nei campi profughi. Gli Stati Uniti stanno comodamente ignorando questa triste realtà e in ogni caso intensificano il conflitto.

Nel frattempo, il regime del Pentagono vorrebbe farci credere che le regole scritte di ingaggio in Siria non sono cambiate e che stanno facendo di tutto per tenere la popolazione civile lontana dal pericolo. Ma questo è solo uno sproloquio. Ci sono rapporti credibili secondo cui i comandanti militari statunitensi sul campo sono del tutto autorizzati a prendere di mira tutto e tutti sul terreno.

Questa dottrina spiega perfettamente perché ci sono state più vittime civili di quante ne abbiano mai riferito gli Stati Uniti in Siria. Alcuni membri della coalizione di Washington hanno anche riconosciuto che questo è probabilmente vero. L’indifferenza per le violazioni dei diritti umani che sono parte integrante del loro dominio di occupazione sul territorio siriano ha dimostrato ancora una volta la non veridicità dell’impegno degli Stati Uniti per i diritti umani e la democrazia, tanto meno le sue false preoccupazioni per i rifugiati.

Popolazione siriana in appoggio ad Assad

In sostanza, la dottrina degli Stati Uniti in Siria è un gioco di bombe miope, crudele e alla fine autolesionista, soggetto a nessuna supervisione efficace da parte di nessuno se non di se stesso e dei suoi generali. Sotto il naso delle Nazioni Unite e delle agenzie umanitarie, questi guerrafondai continuano a produrre più anarchia che ordine, più terrore che tranquillità, più oppressione che democratizzazione e più contraccolpo che sicurezza e pace.

Ovviamente la fine del gioco è più che ovvia. Rovesciare il governo legittimo e il presidente Assad, che porterebbe alla creazione di un’altra Libia (forse anche peggio), con conseguenze devastanti per il popolo siriano già disperato. L’ipocrisia dell’aggressione congiunta occidentale-turco-wahhabita contro la Siria è sconfinata nella loro stessa pretesa di combattere per “liberare” il popolo siriano mentre impone sanzioni paralizzanti.
I crimini di Washington contro il popolo siriano sono degni di un processo simile a quello di Norimberga.

Fonte :Fort Russ

Traduzione: Luciano Lago

1 commento

  • Eugenio Orso
    25 Agosto 2020

    L’unico amerikano buono è quello morto … direi decapitato, visto che hanno sostenuto ampiamente l’isis, in Siria e Iraq.

    Cari saluti

Inserisci un Commento

*

code