La dottrina Biden appare nel Golfo Persico


di MK Bhadrakumar
I primi segnali di un ridimensionamento degli Stati Uniti dall’Arabia Saudita sono apparsi in una serie di mosse nelle ultime 2-3 settimane. Parallelamente, l’amministrazione Biden tiene conto del fatto che il nuovo governo iraniano sta tornando al tavolo dei negoziati a Vienna sulle questioni nucleari.

Le manovre interconnesse si basano, almeno a questo punto indirettamente, su un previsto allentamento delle tensioni tra Stati Uniti e Iran in un futuro concepibile.

Senza dubbio, l’amministrazione Biden ha appena fatto una grande dichiarazione nelle sue strategie regionali nell’Asia occidentale rimuovendo il più avanzato sistema di difesa missilistica statunitense e le batterie Patriot schierate in Arabia Saudita per contrastare l’Iran e contrastare gli attacchi aerei dei ribelli Houthi dello Yemen.

Riyadh ha già mostrato il suo disappunto cancellando bruscamente una visita programmata nel regno del segretario alla Difesa americano Lloyd Austin.

Il Pentagono ha citato “problemi di pianificazione” come motivo, ma il rinvio è arrivato quando Austin era già nella regione in viaggio verso l’Arabia Saudita dopo aver visitato Qatar, Bahrain e Kuwait.

L’agenzia di stampa ufficiale iraniana IRNA è stata pronta a concentrarsi su ulteriori mosse degli Stati Uniti in Arabia Saudita. Un commento dell’IRNA di domenica è intitolato Gli Stati Uniti intendono ritirare 20.000 truppe dall’Arabia Saudita? Per saperne di più

Nel frattempo , in un’intrigante coincidenza venerdì, l’amministrazione Biden ha declassificato un rapporto dell’FBI di 16 pagine che collega i dirottatori dell’11 settembre a cittadini sauditi che vivono negli Stati Uniti. La NPR ha commentato:

“Il rapporto parzialmente redatto mostra una relazione più stretta di quanto fosse noto in precedenza tra due sauditi in particolare – incluso uno con status diplomatico – e alcuni dei dirottatori … Mentre la Commissione era in gran parte incapace di legare gli uomini sauditi ai dirottatori, il documento dell’FBI descrive più connessioni e telefonate.”

Sebbene il documento dell’FBI non tracci alcun collegamento diretto tra i dirottatori dell’11 settembre e il governo dell’Arabia Saudita nel suo insieme, convalida gli argomenti in quella direzione e, insieme alle prove pubbliche raccolte fino ad oggi, fornisce un modello di come al-Qaeda operava all’interno degli Stati Uniti con il sostegno attivo e consapevole del governo saudita. Per saperne di più

È interessante notare che sezioni molto influenti dei media iraniani hanno anche riferito che gli Stati Uniti hanno evacuato tre delle 13 basi militari statunitensi in Siria nelle ultime settimane.

Certo, questi sono i primi giorni, ma se il ritiro delle truppe continua, i principali perdenti saranno i curdi siriani, ma anche gli stati regionali saranno chiamati ad adeguarsi alle nuove realtà in Siria.
Teheran seguirà da vicino gli sviluppi a valle. In poche parole, in questo complesso scenario regionale, il nuovo governo del presidente Ebrahim Raisi ha mostrato una notevole flessibilità nel risolvere la discordia sulla manutenzione in ritardo delle apparecchiature di monitoraggio nel sito nucleare di Natanz da parte dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica [AIEA].

La dichiarazione congiunta rilasciata domenica a Teheran a seguito di una visita del direttore generale dell’AIEA Rafael Grossi afferma:
“Gli ispettori dell’AIEA sono autorizzati a riparare le apparecchiature identificate e a sostituire i loro supporti di memorizzazione che saranno tenuti sotto i sigilli congiunti dell’AIEA e dell’AEOI nella Repubblica islamica dell’Iran. Il modo e i tempi sono concordati dalle due parti”.

Questo può sembrare un primo passo, ma questa settimana la discordia ha minacciato di sfociare in una resa dei conti presso il Consiglio dei governatori di 35 nazioni dell’AIEA, durante la quale le potenze occidentali stavano minacciando di cercare una risoluzione che criticasse l’Iran per aver ostacolato il cane da guardia delle Nazioni Unite. (Il tono ottimista delle dichiarazioni pubbliche di Grossi a Teheran era evidente.)

Anzi, ha anche un significato più profondo, non solo essendo la prima grande decisione di politica nucleare presa da Raisi, ma trasmettendo un atteggiamento costruttivo. Teheran si sta infatti preparando per il ritardato settimo round dei negoziati sul nucleare di Vienna.

Ciò che rende questo ancora più significativo è che la Russia si sta coordinando con gli Stati Uniti per sollecitare l’Iran a muoversi in questa direzione. Il viceministro degli Esteri Sergey Ryabkov ha dichiarato giovedì a Mosca che i modi per riprendere i negoziati a Vienna sono stati discussi durante i colloqui con l’inviato speciale degli Stati Uniti per l’Iran Robert Malley l’8-9 settembre. Egli ha detto:

È importante sottolineare che condividiamo con gli americani un’intesa sulla necessità di compiere ulteriori progressi nei negoziati, che devono riprendere dal punto in cui le parti si sono fermate a giugno, quando i negoziati sono stati interrotti”.

La Russia sta ovviamente andando in una lega in più per navigare nei colloqui sul nucleare. In un gesto significativo nei confronti del governo Raisi, la Russia ha stanziato un prestito di 5 miliardi di dollari all’Iran per lo sviluppo della centrale nucleare di Bushehr e alcuni altri progetti.

È interessante notare che questi progetti includono l’implementazione della ferrovia Incheboron-Zahedan, che dovrebbe collegare la rete ferroviaria russa con i porti iraniani di Bandar Abbas e Chabahar.

Senza dubbio, la Russia sta aiutando i piani dell’Iran a emergere come hub nella connettività regionale tra il Golfo Persico, l’Africa e l’Asia meridionale con l’Afghanistan e l’Asia centrale e l’Eurasia in generale.

È una stima realistica che Mosca stia migliorando la traiettoria della cooperazione economica russo-iraniana in attesa della revoca delle sanzioni contro l’Iran. Il presidente Putin non aspirerà né a diventare il nuovo sceriffo in Asia occidentale né a concedersi un po’ di gloria, ma Mosca non mancherà di notare che il ridimensionamento degli Stati Uniti dall’Arabia Saudita e un accordo nucleare tra Stati Uniti e Iran potrebbero potenzialmente aprire nuove strade per far avanzare gli interessi russi .

Quindi, mentre un modo di guardare al nuovo accordo di cooperazione militare russo-saudita firmato a Mosca il 24 agosto potrebbe essere che Riyadh stia segnalando la volontà di diversificare le sue relazioni di difesa oltre il suo focus di lunga data sugli Stati Uniti, senza dubbio serve anche come un segno di crescita tra il Cremlino e il regno.

L’accordo è stato firmato dal vice ministro della Difesa saudita, il principe Khalid Bin Salman , che è anche il fratello minore del potente principe ereditario Mohammed bin Salman.

Tutti questi eventi successivi delle ultime due settimane ‘post-Afghanistan’, presi insieme, fanno presagire venti di cambiamento che soffiano attraverso la regione del Golfo.

Iran Missile

Sembra che la Dottrina Biden sia fuori dal tavolo da disegno, una caratteristica chiave è l’attenzione agli interessi nazionali vitali degli Stati Uniti.

Fondamentalmente, il modello che sta emergendo nel cosiddetto Grande Medio Oriente è che gli Stati Uniti stanno cercando un nuovo posto nel mondo e non saranno impantanati in conflitti aperti in nessuna regione.

In altre parole, a parte le prospettive per la conclusione di un accordo Usa-Iran sul nucleare che guardano decisamente in alto, si profila all’orizzonte un intero spettro di scelte strategiche.

Rapporti da Teheran suggeriscono che il nuovo ministro degli Esteri Hossein Amir-Abdollahian prevede di visitare New York alla fine di questo mese per partecipare all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Tradizionalmente, è un’occasione in cui la diplomazia iraniana fa di tutto.

Amir-Abdollahian non è estraneo ai funzionari americani. È un diplomatico esperto che ha lavorato per il Ministero degli Esteri dal 2005 al 2016. Aveva partecipato ai colloqui con gli Stati Uniti nel 2007 a Baghdad, che hanno portato a uno di quei rari momenti in cui le due parti hanno potuto sviluppare un terreno comune e un pragmatico rapporto di lavoro in Iraq basato sulla convergenza di interessi.

*Fonte:Global Research

Traduzione:Luciano Lago

13 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 23:42h, 13 Settembre Rispondi

    l’ 11-9 è un piano delle massime Lobby americane, gli esecutorii materiali sono secondari
    i relitti dei 2 aerei che hanno colpito le torr dove sono finiti ? e il relitto dii quello che avrebbe colpito il Pentagono ? i tasselli del puzzle parlavano di vendiita delle 2 torri ad un certo …, di assicurazione miliardaria per attacco terroristico, di putrelle d’ accaio fuse come cera, di une terzo edificio afflosciato come in un film di Hollywood, ma tutto ciò ha avviato i 4 cavalieri dell’ Apocalisse contro le forze del male deviate giudaicocristiane e la credibilità del sistema che domina gli USA, 20 anni dopo ha inventato l’ attacco coi Virus ? non glii servirà un ulteriore patto col demonio

  • Mario
    Inserito alle 08:26h, 14 Settembre Rispondi

    DEEP STATE = EBREI SIONISTI
    F E D = EBREI SIONISTI
    COMPLESSO INDUSTRIALE MILITARE = EBREI SIONISTI

    BANCHE = EBREI SIONISTI
    MULTINAZIONALI = EBREI SIONISTI
    LOBBY = EBREI SIONISTI
    SETTE SEGRETE = EBREI SIONISTI
    ECC…. ECC….

  • stefano
    Inserito alle 13:59h, 14 Settembre Rispondi

    Dipende dai cammelli o meglio dromedari che hai e che puoi dare alla famiglia della sposa

    • atlas
      Inserito alle 07:09h, 15 Settembre Rispondi

      vai a trollare democraticamente da un’altra parte sterco di suino. Tu ti devi accontentare di vedere tua madre fare la prostituta per darti da mangiare. Ma non ti vergogni ? Impiccati. Se ti vedo ancora dalle mie parti ti faccio passare io la voglia di avvicinarti alle Donne Arabe

      • Giorgio
        Inserito alle 09:46h, 15 Settembre Rispondi

        Liquidato come merita Atlas …..
        perchè se pensa di scherzare in quel modo è proprio un deficiente ……
        se invece parla seriamente è 2 volte deficiente ……

      • atlas
        Inserito alle 14:36h, 15 Settembre Rispondi

        crepa troll democratico di merda, te ne devi andare da quì lurido verme

      • atlas
        Inserito alle 01:43h, 16 Settembre Rispondi

        troll democratico, e giudeo, vattene, crepa da un’altra parte, non m’interessa tua sorella, non m’interessa tua moglie, non m’interessa la tua razza

  • eusebio
    Inserito alle 18:57h, 14 Settembre Rispondi

    Non è improbabile che i sauditi acquistino a breve il primo lotto di S-400 russi, mentre la Turchia dovrebbe comprare il secondo.
    L’amministrazione Biden in politica estera è un pò confusa, da un lato ha mandato John Kerry in Cina a discutere di clima, e dall’altro starebbero per dare alla loro rappresentanza a Taipei non più il nome appunto di Taipei ma quello di Taiwan, scatenando la brutale aggressione cinese contro la povera isola.

  • atlas
    Inserito alle 14:35h, 15 Settembre Rispondi

    crepa troll democratico di merda

    • Giorgio
      Inserito alle 18:58h, 15 Settembre Rispondi

      Ciao Atlas ………
      ricordo un film horror dal titolo ……….. “A volte ritornano” …..
      mi riferisco ai provocatori troll liberal democratici ……
      ma ci pensiamo noi a “rimandarceli” ………. in su cunnu de sa mamma …….

  • atlas
    Inserito alle 01:46h, 16 Settembre Rispondi

    vai a sukareminkie da un’altra parte

  • Giorgio
    Inserito alle 09:13h, 16 Settembre Rispondi

    Certo che “questi 2” sono in tema con l’articolo e argomentano molto razionalmente ……
    i democratici sono alla continua ricerca di un nemico non allineato con il pensiero unico ……
    per scaricare le frustrazioni di cui il loro amato sistema li ha riempiti …..
    le cure psichiatriche non servono ……
    nemmeno un campo di rieducazione ……
    bisogna eliminarli proprio …..

Inserisci un Commento