La doppiezza britannica non è molto più intensa del fatto che il primo ministro Boris Johnson acclama le virtù della diplomazia mentre accumula tensioni militari con la Russia

Questa settimana Johnson ha scritto un articolo d’opinione per il quotidiano Times in cui affermava di ritenere che “la diplomazia possa prevalere” per evitare che le crescenti tensioni sull’Ucraina degenerino in una guerra in piena regola tra il blocco militare USA-NATO e la Russia.

Questo è stato mentre Johnson ha annunciato che la Gran Bretagna stava progettando di schierare più marines, jet da combattimento e navi da guerra nell’Europa orientale. La Gran Bretagna ha già preso l’iniziativa tra i membri europei della NATO nell’invio di armi e forze speciali in Ucraina in quella che si dice sia una difesa contro “l’aggressione russa”.

Ciò che Johnson propone questa settimana è il dispiegamento di più forze britanniche in Polonia e negli stati baltici in quella che definisce una dimostrazione del sostegno “immobile” della Gran Bretagna all’Europa. Questa è una cinica pretesa per abbellire l’immagine della Gran Bretagna come una sorta di potere nobile.

Il presidente francese Emmanuel Macron è stato a Mosca questa settimana per colloqui sostanziali con il leader russo Vladimir Putin sugli sforzi per allentare le tensioni sull’Ucraina. La prossima settimana, anche il cancelliere tedesco Olaf Scholz si recherà in visita a Mosca per colloqui con Putin.

Poi vediamo Londra che sembra fare del suo meglio per assicurarsi che la diplomazia fallisca, aumentando arbitrariamente le tensioni militari con la Russia.

Johnson e il suo ministro degli Esteri Liz Truss sono stati impegnati a lanciare terribili avvertimenti alla Russia che avrebbe affrontato una sanguinosa carneficina se avesse osato invadere l’Ucraina. Mosca ha ripetutamente negato di voler invadere. Tuttavia, Truss è stata fotografata dai media britannici mentre indossava un’armatura militare mentre cavalcava su un carro armato. In questi giorni deve visitare Mosca per colloqui con il suo omologo russo Sergei Lavrov. Si preannuncia un incontro gelido. Viene da chiedersi perché il Cremlino intrattiene persino un inviato britannico così incompetente e disonesto.

Londra, come al solito, esegue gli ordini di Washington. Da quando gli Stati Uniti hanno lanciato la campagna di propaganda quasi tre mesi fa accusando la Russia di aggressione contro l’Ucraina, la Gran Bretagna è stata esplicita nell’amplificare il messaggio di Washington sulla presunta aggressione russa.

La propaganda e le operazioni psicologiche dei media sono un settore in cui il decrepito impero britannico conserva alcune abilità indubbie. Presumibilmente, la prevalenza dei mass media anglofoni offre agli inglesi un vantaggio innato.

Ciò su cui Londra sembra avvantaggiarsi è animare la pronta e volenterosa russofobia intrinseca della Polonia e degli stati baltici. I recenti schieramenti militari britannici si sono concentrati in questi stati dell’Europa orientale, nonché in Ucraina. Questa mossa è servita a gonfiare l’isteria dell’aggressione russa.

È significativo che la scorsa settimana Johnson fosse a Kiev per incontrare il presidente ucraino Vladimir Zelensky lo stesso giorno del premier polacco Mateusz Morawiecki. Morawiecki è stata tra le voci più veementemente russofobe dell’Europa orientale che chiedono sanzioni più drastiche contro Mosca.

Johnson sta rafforzando queste richieste per una posizione unificata della NATO e dell’Europa sulle sanzioni preventive contro la Russia “se invade l’Ucraina”. Johnson ha affermato che le sanzioni dovrebbero essere “pronte per l’uso” e dovrebbero includere la cessazione del gasdotto Nord Stream 2 tra la Russia e l’Unione Europea.

In particolare, Germania e Francia, le due maggiori economie dell’Unione Europea, sono riluttanti a parlare di terminare il Nord Stream 2 in caso di escalation delle tensioni. Berlino e Parigi sono chiaramente più disposte a trovare una via diplomatica per uscire dall’impasse tra il blocco NATO guidato dagli Stati Uniti e la Russia.

Ecco un’amara ironia: la Gran Bretagna ha lasciato l’Unione Europea dopo il referendum sulla Brexit nel 2016. Boris Johnson è stato un personaggio pubblico di spicco che ha spinto per la Brexit con il mantra di “riprendere il controllo” dell’Unione Europea.

Tuttavia, mentre la Gran Bretagna è ora formalmente fuori dal blocco europeo, è ancora in grado di esercitare un’enorme influenza sull’UE nelle sue relazioni con la Russia. Londra sta mobilitando un asse di ostilità verso Mosca militarizzando gli stati russofobici dell’Europa orientale, così come l’Ucraina, e spingendo sanzioni per distruggere il commercio energetico strategico con la Russia.

In effetti, probabilmente la Gran Bretagna sta deliberatamente gonfiando la sua importanza internazionale alimentando pericolose tensioni con la Russia.

Soldati Britannici

La crisi sull’Ucraina è stata artificialmente gonfiata da Washington, aiutata e favorita da Londra. Dettare l’energia e gli affari esteri dell’Europa nei confronti della Russia, e anche della Cina, è l’obiettivo tacito di Washington e del suo fedele servitore britannico. E nel portare a termine questo obiettivo, la Gran Bretagna ha cinicamente sfruttato la russofobia dell’Europa orientale per ottenere un ruolo fuori misura nell’interferire con gli affari dell’Unione Europea, un blocco che ha ufficialmente lasciato dopo la Brexit.

Le preoccupazioni della Russia in materia di sicurezza dovrebbero essere negoziate razionalmente e con calma attraverso mezzi diplomatici. Le obiezioni di Mosca sull’adesione dell’Ucraina alla NATO sono del tutto ragionevoli.

Ma ci sono poche possibilità che la diplomazia prevalga quando artisti del calibro di Boris Johnson e altri Cold Warriors a Londra stanno alimentando le tensioni belliche con forniture provocatorie di armi all’Europa orientale in mezzo a fantastiche distorsioni sull'”aggressione russa”.

Un’altra amara ironia è il nefasto ruolo storico della Gran Bretagna nell’incitare alle guerre in Europa. Contrariamente alla versione convenzionale della propaganda della seconda guerra mondiale, fu Londra a mobilitare di nascosto la Germania nazista per attaccare l’Unione Sovietica, sacrificando così il suo “alleato” nominale Polonia e altri nel processo. Oggi Londra proclama che sta difendendo l’Europa dall'”aggressione russa” mentre apre la strada alla guerra contro la Russia.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • natalino
    Inserito alle 23:14h, 10 Febbraio Rispondi

    Mi sono stancato di dire che gli inglesi sono una genia infame.
    Non avrebbero mai dovuto essere menbri dell’UE. Il loro unico scopo era quello di evitare una vera Unione Europea pena la loro nullitá e inutilitá.

  • antonio
    Inserito alle 08:55h, 11 Febbraio Rispondi

    sono attori poveracci – dei Ro tschy Ro ckfy – vedi Zelansky – Stoltoberg – Dragumetto – Renza – Mozzarella – Berlaccone – etc

  • Giorgio
    Inserito alle 18:52h, 11 Febbraio Rispondi

    Molto fotogenici i 2 clown della foto …..

  • eusebio
    Inserito alle 23:05h, 11 Febbraio Rispondi

    La Truss è un’analfabeta fenomenale, Lavrov durante il loro colloquio le ha fatto notare, alla sua critica sulle manovre militari russe vicino al confine con l’Ucraina, se lei riteneva che le province russe di confine di Voronezh e Rostov, dove erano acquartierate le truppe russe, non erano territorio russo, lei ha capito che erano città ucraine e ha risposto affermativamente.
    Qua siamo di fronte ad una classe politica occidentale, allevata come polli in batteria, assolutamente mediocre, completamente analfabeta e totalmente corrotta, messa al loro posto da una onnipotente oligarchia economica che controlla patrimoni di dimensioni di interi PIL di paesi di medie dimensioni.
    Paesi come Russia e Cina, con ancora un forte potere politico basato su economie in gran parte pubbliche, con grandi forze armate e burocrazie mediamente patriottiche, riescono a difendersi, e ad allargare lentamente la loro sfera di influenza, anche perchè le società controllate da queste potenti oligarchie economiche sono deboli, inefficienti, decadute, destinate ad un rapido collasso.
    Il tardo impero romano era una società di questo tipo, con l’economia ed il potere nelle mani di una potentissima oligarchia di proprietari terrieri, i quali pagavano milizie mercenarie germaniche per farsi difendere dai loro contadini ribelli.
    La Russia con la sua società relativamente patriottica, bene armata, e che come la Cina sa cosa vuol dire essere aggredita dall’imperialismo capitalista occidentale, la Russia negli anni Novanta del Novecento e la Cina tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, può avere ragione di questa decadente anche se ancora potente oligarchia facendola precipitare nel marasma economico tagliandole il gas.
    La ricchezza di questa oligarchia soprattutto in Europa è perlopiù finanziaria, e tagliandole le fonti di energia a basso costo si provoca l’esplosione dell’inflazione e dei debiti pubblici.

Inserisci un Commento