La doppia faccia del Liberalismo Occidentale

di Luciano Lago

Gli avvenimenti che si susseguono sulla scena internazionale con la minaccia di conflitti allargati in regioni afflitte da turbolenze sistemiche come il Medio Oriente, l’ Asia Centrale e l’America Latina, inducono a pensare che si sia aperta una fase nuova nell’atttuale epoca storica caratterizzata da una tenace resistenza della potenza egemone, gli Stati Uniti d’America, ad accettare l’insorgere di un nuovo equilibrio internazionale non più basato sul mondo unipolare basato su regole dettate da Washington.
Come ha osservato di recente il massimo responsabile della diplomazia russa, Sergei Lavrov, ” il mondo sta abbandonando l’ordinamento unipolare e naturalmente all’Occidente questa trasformazione non piace e sta facendo tutto il possibile per recuperare la sua influenza nel mondo”. Chiaramente questo avviene con il pretesto di “diffondere la democrazia”. Quale migliore pretesto avrebbe mai potuto trovare l’elite di potere USA per coprire la sua strategia di dominio e di reazione ai cambiamenti in corso?
La reazione dell’Occidente nel suo complesso, (inclusa la UE) a quanto sta accadendo permette di giudicare quali siano i veri principi della sua visione ideologica professata. La retorica sulle tematiche del “liberalismo”, della “democrazia” e sui “diritti umani” vengono accompagnate da una impostazione che di fatto si basa sulla disuguaglianza, sulla ingiustizia e sull’egoismo, nella convinzione di un proprio preteso “eccezionalismo”.

Trump: gli USA paese eccezionale


Il liberalismo, che è l’ideologia predominante ed assolutista, che l’Occidente afferma di voler difendere, attribuisce un posto centrale all’individuo, ai suoi diritti ed alla sua libertà. Questo tuttavia fa balenare la domanda su come si concilia questa idealizzazione astratta con la politica delle sanzioni ? Le sanzioni pregiudicano direttamente la vita della gente comune, incidono sul loro benessere e danneggiano non soltanto i loro diritti sociali ed economici ma anche il diritto alla salute ed alla alimentazione. Le sanzioni creano anche vere e proprie tragedie umanitarie, vedi quanto sta accadendo alla popolazione dello Yemen, stretta tra bombardamenti e sanzioni.
Come potrebbe coniugarsi con i diritti umani il bombardamento di stati sovrani e il tentativo deliberato di distruggere la loro condizione di paesi sovrani quando questo comporta la morte di centinaia di migliaia di persone innocenti?
Si è visto quello che hanno provocato le guerre americane in Medio Oriente basate, come quella in Iraq o in Libia, su menzogne e pretesti per mezzo dei quali è stata praticata una campagna di distruzione e di uccisioni di massa che ha sconvolto e destabilizzato quei paesi.
Per quello che riguarda l’Europa, sempre orgogliosa delle sue tradizioni di democrazia e diritti umani, gli stessi fanatici dell’idea liberale hanno favorito e praticato le violazioni massicce dei diritti della popolazione di lingua russa dell’Unione Europea, non soltanto in Ucraina ma anche negli stati baltici. Non si comprende quale caratteristica “liberale” contengano la proibizione dei visti e le sanzioni imposte dall’Occidente contro coloro che vivono in Crimea, regione che oggi fa parte della Russia grazie ad un referendum democratico in cui i residenti della Crimea hanno espresso la loro volontà di ritornare ad integrarsi con la madrepatria russa.
L’Occidente ha sviluppato nella sua Storia recente un concetto di Ordinamento Internazionale basato su diritto internazionale e sulle regole universamente riconosciute, quali la carta fondante delle Nazioni Unite. Il mondo ha assistito negli ultimi decenni ad un flagrante tentativo ,da parte degli Anglo USA, di affossare tali regole e imporre una propria giurisdizione estesa a livello planetario che è una palese violazione delle regole e del diritto internazionale.
In particolare Stati Uniti e Regno Unito hanno cercato di imporre la propria giurisdizione ad altre nazioni per sanzionare i paesi ritenuti ostili al dominio USA e occidentale, dall’Iran alla Siria, al Venezuela, alla Corea del Nord. La lista oltretutto si allunga di continuo poichè include anche la Russia, Cuba e società cinesi che rifiutano di adeguarsi alle direttive di Washington.
Non si vede quanto potrebbe essere più palese e smascherata la violazione delle norme internazionali. L’ipocrisia della ideologia e comportamento dei paesi occidentali potrebbe essere stigmatizzata ancora di più nel caso dei diritti umani quando le sanzioni e l’embargo occidentale colpiscono paesi poveri e abbandonati ai loro aggressori ricchi e foraggiati dall’Occidente come nel caso dello Yemen.

Massacro di bambini nello Yemen da parte dell’Arabia Saudita e suoi alleati occidentali


In realtà questa doppia faccia dell’Occidente contribuisce alla perdita di prestigio degli USA e dei loro alleati in tutto il mondo. Non può sfuggire lo status di totale subordinazione dell’Europa alle politiche egemoniche di Washington e questo incide nella capacità dei paesi europei a far valere una propria politica di accordi nei confronti dei paesi africani e mediorientali da cui proviene la grande parte dell’immigrazione di massa che si riversa sull’Europa. Le responsabilità dei governi che hanno avallato le campagne belliche americane che hanno destabilizzato quei paesi sono troppo evidenti per essere sottaciute o dimenticate.


Il liberalismo come ideologia, nelle sue contraddizioni e nella sua ipocrisia, è ormai considerato obsoleto e fuori della cultura e delle aspirazioni di una buona parte dei paesi emergenti, gli stessi che oggi sono alla ricerca di un modello diverso da quello che l’Occidente per secoli ha cercato di imporre loro. Questa sarà la peculiarità della nuova epoca che si affaccia nella Storia, un ritorno di molti paesi alle proprie tradizioni e culture, una fase in cui il mondo si andrà assestando su un ordine multipolare e non sarà più l’Occidente a dettare le sue regole agli altri, che piaccia o no.

8 Commenti

  • Max Dewa
    2 Ottobre 2019

    Ma vah si vede in Italia come ormai state collassando sotto un diluvio di cioccolatini che non rispettano Niente tra un po regnera’ l’anarchia piu assoluta e LA sharia , si vede poi come le vostre Figure politiche come LA boldrini che va a trovare I’ll Papa in ciabatte doveva andarci con gli zoccoli sta zocc…pero’ per andare a trovare I musulmani si mette il velo LA strega , Chissa’ se va in sinagoga non oso pensare sta megera e’ capace di tutto magari di ricordare e commuoversi per l’olotruffa LA piu grossa menzogna che gli ebrei da degni eredi di Giuda si potessero inventare Robert faurisson docet

    • atlas
      2 Ottobre 2019

      buonanima di Robert Faurisson a parte mi piacerebbe mi spiegassi come coniughi la prospettata anarchia che vuol dire assenza di leggi con le Leggi Islamiche …

      • Sed Vaste
        2 Ottobre 2019

        Anarchia e’ quando tutte le tradizioni e I valori vengono capovolti proprio come vogliono fare I musulmani e I Negri Adesso sgozzando cani e gatti nella sua amata Terra di Sicilia pare che sti nuovi Italiani facciano sparire dai cortiili dei siciliani tutte le bestiole se li fanno fuori con la macellazione halal , andare in Tunisia in vacanza come ha fatto lei atlas e’ da dementi che piu demente di lei ci sta solo Tango quel personaggio del Film Di Bud Spencer che in Brasile invece che samba si fa chiamare Tango ah ah ah str…uguale !

        • atlas
          2 Ottobre 2019

          a furia di stare lì dove pretendi di essere, circondato non solo da ladyboy, ma anche da ladymen, confondi i tunisini con i mongolidi che veramente le fanno quelle cose

  • Eugenio Orso
    2 Ottobre 2019

    Ovviamente Luciano Lago ha ragione e c’è poco da aggiungere.
    Si può solo precisare che anche il liberismo economico, di cui il liberalismo è l’altra faccia sul piano politico, è pura ideologia e non assolutamente una scienza, come ancora qualche idiota di retroguardia crede,
    Liberalismo e liberismo devo essere visti come un “unicum” ideologico del modo di produzione neocapitalista a vocazione finanziaria.
    Gli aspetti ideologici liberal-liberisti si completano con quelli altrettanto ideologici, usciti in tempi recenti dal cappello a cilindro della propaganda. mediatica, come l'”accoglienza” dei migranti.
    E’ persino ovvio che i “diritti umani” sono l’opposto di ciò che viene narrato (o meglio, propinato dalle puttane mediatiche alle ,masse istupidite) e,l'”accoglienza” dei migranti vuol dire sotituzione di popolazioni, afflusso di nuovi schiavi, meticciato imposto, eccetera.
    Non ci stupiamo più di nulla, ormai, perché il cosiddetto occidente, che si sente minacciato, potrà ricorrere ancor più diffusamente alla menzogna mediatica e propagandistica, alla repressione delle voci libere al suo interno, e …. oltre a nuove forme di guerra e destabilizzazione dei paesi resistenti, alla guerra “non convenzionale” …
    Teniamoci pronti a ogni evenienza.

    Cari saluti

    • atlas
      2 Ottobre 2019

      e teniamoci pronti :

      a fronteggiare i mongoloidi come i sed vaste o come i max dewa … ?

      Che ancora li lasciano liberi di circolare liberamente; ma forse perchè sono in fondo dei gran liberisti ? O liberi di essere diventati dei gran mongoloidi. O forse ci sono nati così …

      certo la situazione interna nostra non è delle più rosee

      però caro Eugenio, da ottimista qual sono, credo, essendomi documentato un pò sul ventennio, che se questi popoli uniti a forza un giorno rigetteranno l’italia e si costituiranno ognuno per suo conto le stesse loro strade intraprese potrebbero convergere. Il Fascismo in realtà fu accettato da tutti con animo sincero, questo vuol dire che i valori creativi razziali degli uni e degli altri atti a consolidare un nuovo Socialismo Nazionale tanto ribrezzo non fanno … si vedrà

      se son fiori fioriranno, se son sed marciranno

  • Max Dewa
    2 Ottobre 2019

    Lei atlas si qualifica da solo solo vedendo dove va in un momento come questo dove siamo invasi da tutte le razze piu cenciose del pianeta marocchini tunisini algerini ecc e lei solo per delle smanie da Succio di prolunghe ambrate si sposta LA’ da loro ma almeno ci rimanga vizioso che non e’ altro come il Suo president di Regione Crocetta che si e’ fatto fare lo sbiancamento ana… Addebitando tuttie le spese dell’intervento alla regions Sicilia

    • atlas
      2 Ottobre 2019

      e hai ragione anche te

      e beato te che non conosci un cazzo (ma una moltitudine)

      tu la Tunisia prima della democrazia non la conosci: era un piccolo paradiso in terra

      e cmq sai che ti dico ? Meglio algerini, marocchini e tunisini a T’orino, Milano e Genova di romeni, georgiani, polacchi…visto che ci hanno sempre considerato ‘terroni’. Capiranno ancora di più cos’è la minchia mediterranea che li sfonda. Tanto da noi nelle Due Sicilie non si fermano; e quelli che lo fanno stanno tranquilli in armonia con noi. Viceversa non c’è comandiamo noi. Sai quante ne ho possedute tunisine, marocchine, sud americane, cinesi, QUI’ ? Altro che bionde, bianche come scrofe

      https://www.youtube.com/watch?v=M-0TIX6IKZU

Inserisci un Commento

*

code