La Dittatrice del Mondo (The World’s Dictatress)


di Jacob G. Hornberger

Nel suo 4 di luglio rivolto al Congresso nel 1821, l’allora Segretario di Stato americano John Quincy Adams dichiarò che, se l’America dovesse mai abbandonare la sua politica estera di non interventismo, sarebbe inevitabilmente diventata la “dittatrix” del mondo e avrebbe iniziato a comportarsi di conseguenza.

Nessuno può negare che la predizione di Adams si sia avverata. L’America è diventata veramente la dittatrice del mondo – una dittatrice arrogante, spietata, brutale che non tollera il dissenso di alcuno al mondo.

Ora, uso il termine “America” ​​perché è il termine usato da Adams. In realtà, tuttavia, non è l’America che è diventata la dittatura del mondo. È il governo degli Stati Uniti che è diventato il dittatore del mondo.

Un buon esempio di questo fenomeno riguarda Meng Wanzhou, una cittadina cinese che funge da chief financial officer della gigantesca società tecnologica cinese Huawei. Essendo stata arrestata dalle autorità canadesi e posta agli arresti domiciliari, Meng sta subendo l’ira della dittatura mondiale.

Qual è il suo presunto crimine? Che lei ha violato le sanzioni statunitensi contro l’Iran.

Cosa hanno a che fare le sanzioni statunitensi contro l’Iran con lei? Esattamente! È una cittadina cinese, non un cittadino americano. Quindi, perché viene perseguitata dal governo degli Stati Uniti?

Arresto di Meng Wanzhou, ceo manager di Huawei

Le sanzioni sono diventate uno strumento standard della politica estera degli Stati Uniti. Ad eccezione dei libertari, quasi nessuno alza le sopracciglia per la loro imposizione e applicazione. Il loro obiettivo è indirizzare i cittadini stranieri alla morte, alla sofferenza e alle privazioni economiche come un modo per piegare il loro regime alla volontà della dittatura americana e dei suoi agenti brutali e spietati.

Dopotutto, cosa potrebbe essere più brutale e spietato che colpire persone innocenti con la morte e l’impoverimento come un modo per arrivare al loro governo? (Questo sta avvenendo in Venezuela, in Siria, in Iran e in altri paesi). La maggior parte dei cittadini stranieri non ha il minimo controllo sulle azioni del loro governo, come singoli cittadini americani hanno sulle azioni del loro governo. Dov’è la moralità nel prendere di mira persone innocenti, soprattutto come un modo per raggiungere un obiettivo politico? Non è per questo che la gente condanna il terrorismo?

È già abbastanza grave colpire cittadini stranieri innocenti con la morte e l’impoverimento per raggiungere un obiettivo politico. Ma è anche importante tenere a mente che le sanzioni sono un attacco alla libertà economica del popolo americano. Le sanzioni impongono sanzioni penali anche ai cittadini statunitensi che commerciano con gli iraniani. Se un americano commercia con gli iraniani, il dittatore lo insegue con vendetta, con procedimenti penali o multe civili o con entrambi.

Un buon esempio di questo fenomeno ha avuto luogo quando la dittatura ha imposto il suo sistema di sanzioni contro l’Iraq negli anni ’90. Le sanzioni stavano uccidendo centinaia di migliaia di bambini iracheni. Questo non ha infastidito la dittatura, almeno non abbastanza per porre fine alle sanzioni. L’idea era che se un numero sufficientemente grande di bambini potesse essere ucciso, il dittatore iracheno Saddam Hussein avrebbe abdicato in favore di un dittatore approvato dagli Stati Uniti, o che ci sarebbe stato un colpo di stato o una rivoluzione violenta che avrebbe portato a termine la stessa cosa. L’ambasciatrice degli Stati Uniti all’ONU Madeleine Albright ha espresso il punto di vista ufficiale della dittatrice quando ha annunciato che la morte di mezzo milione di bambini iracheni dalle sanzioni è stata giustificata “ne è valsa la pena”, ha detto cinicamente la Albright.

American Power

Un cittadino americano di nome Bert Sacks, che è stato colpito da una crisi di coscienza, si è recato in Iraq con medicine per aiutare il popolo iracheno. La dittatrice lo seguì con una vendetta, colpendolo con una multa e perseguendo il suo patrimonio per circa un decennio.

È già abbastanza brutto Ma qui è dove entra in gioco il punto di Adams. Il governo federale non si accontenta di chiedere semplicemente ai propri cittadini di conformarsi al suo sistema malvagio. Nel suo ruolo di dittatrix mondiale, il governo federale impone a tutti i paesi nel mondo di conformarsi al suo sistema malvagio. La dittatura rivendica la giurisdizione mondiale per il suo malvagio sistema di sanzioni.

Ecco perché Meng Wanzhou è stata arrestata e posta agli arresti domiciliari in Canada. Sì, in Canada! Non era nemmeno negli Stati Uniti quando è stata arrestata. La dittatrice ha annunciato di aver violato le sanzioni iraniane in alcuni rapporti che avrebbe avuto con qualche banca situata a migliaia di chilometri dalle coste americane. La dittatura ha poi prevalso sul Canada per arrestarla mentre era in quel paese in modo che potesse essere estradata agli Stati Uniti per essere processata per la sua presunta violazione delle sanzioni statunitensi contro l’Iran.

Perché i cittadini stranieri innocenti sono presi di mira per portarli alla morte e per alla sofferenza economica semplicemente perché ai funzionari statunitensi non piace il loro governo? Perché i cittadini americani hanno le loro libertà distrutte per lo stesso motivo? E perché i cittadini stranieri di tutto il mondo sono presi di mira con procedimenti penali per aver violato il malvagio sistema di sanzioni del governo federale?

È tutto questo a causa di quanto John Quincy Adams osservò quasi 200 anni fa: se gli Stati Uniti dovessero mai abbandonare la sua politica estera di non interventismo, il governo federale diventerebbe inevitabilmente il dittatrix del mondo e uno brutale e spietato.
La profezia si è avverata.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da ” FFF ” –

Traduzione: Luciano Lago

1 commento

  • amadeus
    15 Maggio 2019

    Che Dio li incenerisca, non meritano di vivere su questo pianeta!

Inserisci un Commento

*

code