La disperazione delle élite spinge l’Unione Europea a schierarsi ufficialmente nella guerra in Ucraina

I leader degli Stati Uniti e dell’Europa vogliono iniziare una guerra contro la Russia prima che il loro stesso popolo inizi una guerra civile contro di loro.

Questa settimana, il vertice dei ministri degli Esteri dell’Unione europea ha formalmente impegnato il blocco ad addestrare le forze militari ucraine sul territorio dell’UE per combattere contro la Russia. Ciò rende inevitabilmente i 27 paesi dell’UE partecipanti alla guerra in Ucraina.

Quasi due mesi fa, in un precedente editoriale settimanale su Strategic Culture, pubblicato il 19 agosto, abbiamo ipotizzato che il conflitto in Ucraina fosse già metastatizzato nella terza guerra mondiale. Questo avvertimento è stato confermato dalla drammatica escalation dell’impegno militare da parte dell’alleanza NATO guidata dagli Stati Uniti e dell’Unione Europea in Ucraina.

Questa settimana, il Consiglio Affari esteri dell’Unione europea ha annunciato una missione di assistenza militare (EUMAM) in Ucraina che comporterà l’addestramento di 15.000 soldati ucraini nei prossimi due anni. Germania e Polonia saranno i principali centri di formazione. La sede dell’EUMAM sarà a Bruxelles. Questo indica una pianificazione di guerra a lungo termine e, sfortunatamente, il rifiuto di qualsiasi forma di soluzione diplomatica.

Il programma di formazione a livello dell’UE è solo l’adozione formale e globale di incarichi che fino a quel momento erano stati svolti più tranquillamente a livello nazionale e bilaterale. Gli Stati Uniti, il Canada e la Gran Bretagna hanno consiglieri militari in Ucraina dal 2014, dove hanno fatto da mentore a formazioni neonaziste come il Battaglione Azov. L’addestramento delle truppe ucraine è stato condotto anche in Francia, Germania, Spagna, Portogallo, Danimarca, Norvegia, Svezia, Estonia e altri stati baltici.

Ma quello che i ministri degli esteri dell’UE hanno dichiarato questa settimana è una partecipazione sistematica alla guerra in Ucraina contro la Russia su scala globale. Dal punto di vista giuridico, l’addestramento ufficiale delle truppe sul suolo europeo per il dispiegamento attivo in guerra rende l’UE una parte in guerra. Ciò ha serie implicazioni sul modo in cui la Russia può condurre legittimamente le sue forze militari. Gli stati europei sono potenzialmente diventati il ​​bersaglio degli attacchi militari russi.

Probabilmente, questo era già il caso in una fase molto precedente, quando i membri europei della NATO si unirono agli Stati Uniti per inondare l’Ucraina con armi sempre più letali.

La Russia ha ripetutamente avvertito che le armi della NATO fornite all’Ucraina rendono l’asse guidato dagli Stati Uniti parte di questa guerra. Pertanto, il conflitto non è più una guerra per procura, ma diventa un confronto a sé stante.

Ogni settimana, gli Stati Uniti ei loro alleati della NATO annunciano la consegna di armi più pesanti all’Ucraina. Si stima che un totale di 42 miliardi di dollari in armi sia stato inviato o promesso in Ucraina dalle potenze occidentali, di cui quasi due terzi (28 miliardi di dollari) dagli Stati Uniti.

Oltre a intensificare l’addestramento dei soldati ucraini sul suolo europeo, questa settimana l’UE ha anche stanziato ulteriori 500 milioni di euro per aiutare a fornire armi al regime di Kiev. Il meccanismo di finanziamento porta il titolo orwelliano di “European Peace Facility”.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha promesso nuove forniture di obici semoventi, sistemi di difesa aerea e sistemi lanciarazzi multipli. La scorsa settimana, il presidente francese Emmanuel Macron ha anche promesso più obici, sistemi di difesa aerea e missili.

I vertici dell’Unione Europea, come quelli degli Stati Uniti e della NATO, sembrano presi in una follia criminale. Un’ulteriore escalation in questa guerra tra Ucraina e Russia è arrivata questa settimana quando il blocco della NATO ha condotto esercitazioni di guerra nucleare in Europa contro la Russia. Gli avvertimenti di Mosca secondo cui il sentiero di guerra potrebbe portare a una catastrofe planetaria sono stati sconsideratamente distorti dalle potenze occidentali che hanno affermato che la Russia stava ricorrendo al “ricatto nucleare”.

Il doppio linguaggio degli Stati Uniti e dei suoi vassalli europei è sconcertante. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato del pericolo di un “Armageddon nucleare”. Leader europei come Scholz e Macron avrebbero messo in guardia contro uno scontro diretto con la Russia. Eppure questi stessi politici occidentali e i loro simili continuano ad alimentare la guerra in Ucraina in proporzioni catastrofiche.

bombardamenti ucraini nel centro di Donetsk (ignorati dai media della UE)

Nessun leader occidentale ha offerto una soluzione diplomatica alla guerra in Ucraina o affrontato le profonde questioni di sicurezza strategica che hanno scatenato il conflitto.

Il caos politico ed economico che attanaglia la Gran Bretagna – con le dimissioni forzate della sfortunata Primo Ministro Liz Truss questa settimana dopo appena sei settimane a Downing Street – è un segno rivelatore del più ampio malessere che affligge gli stati occidentali a causa dell’implosione delle loro economie. Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e l’Unione Europea stanno subendo un vero e proprio collasso economico a causa del fallimento dei loro sistemi economici.

Le cifre mostrano livelli di povertà e disgregazione sociale senza precedenti. Le proteste pubbliche e gli scioperi industriali contro le politiche di guerra e le emergenze legate al costo della vita sono in aumento nelle città europee e americane. Il collasso sistemico è in corso da decenni, ma viene accelerato da politiche imperialiste fuorvianti volte ad affrontare la Russia (e la Cina). Lo spegnimento autoinflitto del gas russo all’Europa è l’ultimo drone kamikaze, sparato dalle élite europee contro la propria gente!

In realtà, la guerra in Ucraina è una resa dei conti geopolitica contro la Russia per sostenere un vecchio e moribondo ordine occidentale guidato dagli Stati Uniti, in cui Washington è il presunto egemone servito dai sicofanti satelliti europei. I giorni di questo ordine imperialista sono contati.

Nel secolo scorso sono scoppiate due guerre mondiali per salvare il capitalismo occidentale in bancarotta. In misura orribile, queste guerre sono riuscite in parte a rigenerare il sistema, o almeno a ritardarne la nemesi.

Oggi, ancora una volta, il sistema occidentale sta affrontando una crisi esistenziale. Le istituzioni al potere stanno cercando disperatamente di sopravvivere tra le legittime paure di sconvolgimenti sociali rivoluzionari. Questa situazione estrema spiega perché le élite politiche occidentali prendono decisioni criminalmente sconsiderate e rischiano perversamente una guerra catastrofica, il tutto con il pretesto della nobiltà, ovviamente.

I leader degli Stati Uniti e dell’Europa vogliono iniziare una guerra contro la Russia prima che il loro stesso popolo inizi una guerra contro di loro. Fortunatamente, la Russia è più che in grado di difendersi. Ma ciò non esclude un disastroso errore di calcolo.

I colpevoli di questa situazione infernale sono le élite occidentali, i loro padroni oligarchi e il moribondo sistema capitalista. I cittadini occidentali devono tenerne conto a tutti i livelli. [È un desiderio che, ahimè, mi sembra molto idealistico, data la portata della propaganda. NdT]

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus