La diplomazia cinese costruisce ponti mentre l’Occidente erige barricate

di Lorenzo Michelon

Nei suoi auguri di capodanno cinese al corpo diplomatico, il nuovo ministro degli Esteri cinese Qin Gang ha affermato che ” la pace, come l’aria e il sole, non si nota quando non manca. no, ma nessuno può vivere senza di essa “. .

Ha confermato che nel 2023 la Cina rimarrà sulla via dello sviluppo pacifico, il cui obiettivo è contribuire a costruire una comunità con un futuro condiviso per l’umanità. Infine, ha insistito sul sostegno della Cina a tutti i principali paesi per promuovere uno spirito di unità, cooperazione e rifiutare la mentalità ereditata dalla guerra fredda che attualmente prevale. La fine dell’inammissibilità dell’egemone anglo-americano e dei suoi compari europei non si è fatta attendere.

Sul palco del Forum Economico di Davos, con una voce di ringardizzazione e trascurata quest’anno dalla maggior parte dei grandi statisti, l’ospite a sorpresa Christopher Wray, direttore dell’FBI, si è preso la libertà di accusare il governo cinese, senza fornire la minima prova , di essere a capo di ” un programma di hacking informatico più grande di quello di qualsiasi altra nazione al mondo “.

Molti dirigenti di società high-tech occidentali hanno affermato di essere stati avvicinati a Davos da agenti dell’intelligence Usa, che volevano conoscere i dettagli delle loro operazioni con la Cina, per stabilire “da che parte stanno ” .

Durante il suo intervento, la rappresentante dell’Unione Europea Ursula Von der Leyen, sempre pronta a dare impegni di sottomissione incondizionata al campo atlantista, ha accusato quasi istericamente la Cina di tutti i mali, in particolare di impedire l’accesso al suo mercato e di sovvenzionare alcune aziende, come se la Cina avesse il monopolio di queste pratiche.

Sempre a Davos, il vice premier cinese Liu He ha pronunciato un discorso di maturità e universalismo che si è scontrato con la turbolenta atmosfera da cortile creata dai partecipanti europei e americani. A differenza dei suoi omologhi occidentali che ormai trasformano tutti i vertici internazionali, economici, ambientali e non, in una piattaforma per l’espressione di una certa sinofobia, il vicepremier cinese è stato rispettoso del fatto che il Forum economico di Davos sia soprattutto un forum economico: ha esordito rassicurando gli investitori occidentali sulla continuità della politica di apertura della Cina, nonostante la lunga interruzione dovuta al Covid. In un clima di ansia, ha concluso sulla necessità che tutti i partecipanti siano ancora più aperti, disponibili alla cooperazione fra i paesi a prescindere dalla divisioni geopolitiche.

In netto contrasto con la politica angloamericana ormai apertamente antirussa e anticinese, dove si tratta solo di sanzioni e isolamento, anche in certi ambienti economici. Così, all’inizio di gennaio, nel corso della 41a Health Conference organizzata da JPMorgan a San Francisco, chiusa al pubblico e ufficiosa, il presidente della banca, Jamie Damon, ha spiegato davanti a una platea di investitori in particolare cinese, che la Cina deve essere isolata. Si tratta dello stesso banchiere che nel 2021 si vantava che “ la sua banca vivrà più a lungo del Partito Comunista Cinese ”.

Come per far combaciare i fatti con le parole ostili, il Segretario alla Difesa USA Lloyd Austin si è recato nella settimana successiva al Forum di Davos in Corea del Sud e nelle Filippine, mentre il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg si è recato in Corea del Sud e in Giappone, in quello che ricorda molto un richiamo coordinato all’ordine dei vassalli asiatici che potrebbero sviluppare inclinazioni alla sovranità.

Austin in Giappone

In effetti, il Ministero della Difesa della Corea del Sud ha pubblicato un rapporto nel dicembre 2022 che è curiosamente privo di dichiarazioni ostili contro la Cina. Al contrario, si conferma nel suo ruolo di partner essenziale della Corea del Sud nell ‘”Indo-Pacifico “, un nuovo raggruppamento totalmente artificioso di stati vicini alla Cina che si stanno coalizzando contro di essa sotto la tutela dell’egemone. Questo rapporto sudcoreano tace anche sulla questione di Taiwan, il che non può che dispiacere al tutor americano.

Nello stesso mese, il nuovo presidente filippino Ferdinand Romualdez Marcos Jr. si è recato in visita ufficiale a Pechino per confermare il nuovo vento di cooperazione che intende infondere nella politica estera filippina nei confronti della Cina, molto meno basata su ambiguità o confronto che gli Stati Uniti vogliono. I due capi di Stato hanno in particolare deciso di riprendere i negoziati sullo sfruttamento congiunto dei giacimenti di idrocarburi nel Mar Cinese Meridionale.

L’egemone anglo-americano, attraverso la sua politica sempre più ostile nei confronti della Cina, è impegnato in una corsa per preservare il mondo unipolare che ha istituito dal 1945, a suo esclusivo vantaggio, attraverso la coercizione finanziaria e militare. Da tempo ha cessato di esercitare la diplomazia, e l’Occidente in generale non ha più la diplomazia nel senso tradizionale del termine, cioè uno strumento di politica estera basato sul negoziato. Nel caso della Francia, la fine della diplomazia è stata appena registrata dall’attuale governo, che ha sciolto il corpo diplomatico, e con esso la sua particolarissima e riconosciuta formazione, per farne un ramo amministrativo come un altro, quindi un fedele cinghia di trasmissione per le decisioni politiche,

L’egemone, affiancato dalle sue staffette che sono la Nato e l’Ue, non conosce altra via che la coercizione per preservare il suo potere, e quindi logicamente si innesta sulla strada del confronto con la Russia prima, per indebolirla in modo che non possa venire in aiuto di Cina quando arriva il momento del confronto sino-americano.

La Cina, come prima la Russia sulla questione ucraina, farà di tutto per evitare lo scontro armato in cui l’egemone la vuole trascinare, in particolare sulla questione di Taiwan. Ma trattando la Cina come una minaccia su tutte le questioni, questa non ha altra alternativa che considerare l’Occidente come una minaccia a sua volta e prepararsi al conflitto sviluppando il suo esercito. Così, nonostante le sue numerose dichiarazioni di apertura economica al resto del mondo, la Cina si trova trascinata nella trappola dei media e dei think tank angloamericani: viene costantemente accusata di velleità imperialiste dalle ex potenze coloniali (e oggi neo- coloniale), che è l’apice dell’inversione accusatoria.

Questo processo in cui l’egemone è il padrone del passato, che affonda le sue radici nella dottrina Wolfowitz degli anni ’90, mira a impedire l’emergere di qualsiasi attore potente sulla scena internazionale che possa sfidare il suo dominio. Jens Stoltenberg lo ha detto senza mezzi termini a Davos 2023:

“ È estremamente importante che il presidente Putin non vinca questa guerra […] perché sarebbe molto pericoloso per tutti noi. […] Il messaggio ai leader autoritari, non solo a Putin, sarebbe che quando usano la forza bruta, quando violano il diritto internazionale, ottengono ciò che vogliono ”. E per aggiungere qualche giorno dopo in Corea del Sud: “ Gli oceani ci separano, ma la nostra sicurezza è intimamente connessa ”.

Quando verrà aggiornato il nome dell’alleanza in Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico e dell’Indo-Pacifico (NATOIP)?

fonte: Le Saker francofono

Traduzion: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus