La diplomazia americana ha perso vigore in Medio Oriente. Non è più possibile isolare l’Iran

di MK Bhadrakumar

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è convinto che uno dei motivi per cui Hamas ha lanciato l’attacco contro Israele sia stato l’annuncio al vertice del G20 di Nuova Delhi del corridoio economico India-Medio Oriente- Europa . Ma ha anche ammesso che questa lettura si basava esclusivamente sul suo istinto e che non aveva prove.

La motivazione di Biden risiede nel disperato bisogno degli Stati Uniti di rivendicare il proprio ruolo di leadership nel Medio Oriente musulmano. Le due realtà più convincenti che rifiutano la leadership americana sono: da un lato, una forte solidarietà regionale unita che trascende le divisioni settarie per cercare una soluzione sulla Palestina, come mai prima d’ora, e, dall’altro, il riavvicinamento saudita-iraniano.

Gli ultimi sviluppi che coinvolgono Hamas e Israele hanno compromesso gli sforzi degli Stati Uniti volti a persuadere l’Arabia Saudita a riconoscere Israele. Non c’è dubbio che la posizione saudita sul problema palestinese si sia inasprita. Martedì, Joe Biden ha contattato il principe ereditario Mohammed bin Salman nel tentativo di creare la massima convergenza possibile tra Washington e Riyadh.

Ma il resoconto della Casa Bianca mostra che una massa critica è rimasta sfuggente; Sebbene i due leader fossero d’accordo sulle generalità, non sono riusciti a mettersi d’accordo sull’importantissima questione specifica di un cessate il fuoco urgente tra Israele e Hamas.

Questo profondo disaccordo si riflette anche nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, dove gli Emirati Arabi Uniti hanno sostenuto il progetto di risoluzione russo, che chiedeva ” un cessate il fuoco umanitario immediato, duraturo e pienamente rispettato “, ma si sono opposti al progetto di risoluzione americano, che è rimasto evasivo sulla questione della fine dei combattimenti e ha invece insistito sul diritto di Israele all’autodifesa.

Nazioni Unite

Una dichiarazione congiunta firmata giovedì dai ministri degli Esteri di Egitto, Giordania, Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Oman, Qatar, Kuwait e Marocco chiede un cessate il fuoco immediato nella Striscia di Gaza. In un avvertimento agli Stati Uniti e ad Israele, la dichiarazione afferma che ” il diritto all’autodifesa previsto dalla Carta delle Nazioni Unite non giustifica flagranti violazioni del diritto umanitario e del diritto internazionale “.

Per il futuro, la grande questione che si pone è quella delle intenzioni americane. Si tratta di una manovra muscolare o di un complotto nascosto volto a creare fatti sul terreno che potrebbero servire da casus belli per lanciare un’offensiva contro l’Iran, un progetto di lunga data dei neoconservatori che dominano il discorso sulla politica estera degli Stati Uniti?

Mercoledì, in una conferenza stampa alla Casa Bianca, Joe Biden ha detto di aver avvertito il leader supremo dell’Iran, l’ayatollah Ali Khamenei, che se Teheran avesse continuato ad “attaccare” le forze americane nella regione, Washington avrebbe reagito.

Biden ha detto: “ Ho avvertito l’Ayatollah che se avesse continuato ad attaccare con queste truppe, noi avremmo risposto. E deve prepararsi per questo. Non ha niente a che fare con Israele ”. (Biden si riferiva ai crescenti attacchi alle basi statunitensi in Iraq e Siria).

Mohammad Jamshidi, assistente politico nell’ufficio del presidente iraniano, ha poi risposto all’osservazione di Biden, dicendo: ” I messaggi statunitensi non erano indirizzati al leader della rivoluzione islamica e non erano altro che richieste da parte iraniana. Se Biden pensa di aver avvertito l’Iran, dovrebbe chiedere alla sua squadra di mostrargli il testo dei messaggi ”.

Ore dopo, quando gli è stato chiesto di chiarire la situazione, il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Kirby, ha risposto: “ È stato trasmesso un messaggio diretto. Non andrò oltre .” Si potrebbe immaginare che i recenti attacchi da parte di gruppi militanti in Siria e Iraq costituiscano un grattacapo di politica interna per Biden. Secondo le informazioni disponibili, finora sono rimasti feriti circa 20 militari statunitensi e un appaltatore militare è morto. Ci sono circa 2.500 soldati americani in Iraq e circa 900 in Siria.

È possibile che Biden abbia fatto della demagogia. Ciò non è insolito negli scontri tra Stati Uniti e Iran. Ma è più probabile che gli Stati Uniti sperino di spingere l’Iran a evitare che le milizie a piede libero in Siria e Iraq esacerbano la situazione.

L’Iran è sulla stessa linea di Cina, Russia e stati arabi, che chiedono un cessate il fuoco immediato affinché si creino le condizioni affinché la diplomazia possa affrontare in modo significativo il problema palestinese. Sono favorevoli ad una soluzione a due Stati. Ironicamente, anche gli Stati Uniti affermano di sostenere la soluzione dei due Stati.

Questo è quanto ha detto ieri Biden in conferenza stampa alla Casa Bianca, leggendo un testo preparato:

“ Israele ha il diritto e, aggiungerei, la responsabilità di rispondere al massacro del suo popolo. E faremo in modo che Israele abbia ciò di cui ha bisogno per difendersi da questi terroristi. È garantito…

Truppe Israeliane

Ma ciò non toglie la necessità – di operare e allinearsi alle leggi di guerra per gli israeliani – di fare tutto ciò che è in suo potere – Israele deve fare tutto ciò che è in suo potere, non importa quanto sia difficile, per proteggere i civili innocenti…

Voglio anche prendermi un momento per guardare al futuro a cui aspiriamo. Sia gli israeliani che i palestinesi meritano di vivere fianco a fianco in sicurezza, dignità e pace. E non si tratta di ritornare allo status quo quale esisteva il 6 ottobre…

Ciò significa anche che, una volta superata la crisi, dovremo avere una visione per il futuro. E a nostro avviso deve essere una soluzione a due Stati. Ciò significa che tutte le parti – israeliani, palestinesi, partner regionali, leader mondiali – devono concentrare i loro sforzi per metterci sulla via della pace ”.

Questi commenti danno l’impressione che Biden si stia preparando alla guerra con l’Iran? Per la prima volta, forse, c’è un barlume di speranza che gli Stati Uniti non stiano più eludendo il problema palestinese. In definitiva, come dimostrano le deliberazioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, tutte le potenze responsabili comprendono che il Medio Oriente rimane il centro di gravità della politica mondiale e che un incendio nella regione potrebbe facilmente trasformarsi in una guerra mondiale. E nessuna delle grandi potenze vuole un risultato così apocalittico.

Detto questo, sebbene gli Stati Uniti godano ancora di un potere senza precedenti in Medio Oriente, la loro influenza è diminuita man mano che sono emerse nuove realtà:

Israele è diventato più potente militarmente ed economicamente contro i palestinesi, ma non gode più di una posizione dominante nella regione.
L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, due potenze dominanti in Medio Oriente, stanno affermando sempre più i propri interessi.
La Cina, pur essendo un attore relativamente nuovo, non si limita più alla diplomazia economica.
Gli Stati Uniti hanno perso la capacità di influenzare il mercato petrolifero globale poiché la Russia lavora a stretto contatto con l’Arabia Saudita nell’ambito dell’OPEC+ per calibrare il livello di produzione e i prezzi del petrolio.
Di conseguenza, il petrodollaro si sta indebolendo.
Gli accordi di Abraham sono stati quasi abbandonati.
Il conflitto arabo-israeliano ha assunto una nuova dimensione negli ultimi anni, grazie all’ascesa dell’asse della resistenza, che richiede nuovi atteggiamenti e un nuovo pensiero operativo da parte degli Stati Uniti.

Hezbollah Forze sul fronte nord

La politica israeliana si è spostata bruscamente verso l’estrema destra.

L’ambiente globale è molto complicato; il processo di pace non può più essere posto sotto la supervisione degli Stati Uniti. Giovedì la Russia ha tenuto un incontro trilaterale a Mosca con il viceministro degli Esteri iraniano e una delegazione di Hamas. Successivamente, il viceministro degli Esteri russo Mikhail Bogdanov, che è anche inviato speciale del presidente per il Medio Oriente e l’Africa, ha annunciato che il leader palestinese Mahmoud Abbas “arriverà presto in visita ufficiale” a Mosca per incontrare il presidente russo Vladimir Putin .
In caso di guerra totale con l’Iran, gli Stati Uniti subirebbero pesanti perdite e lo Stato di Israele correrebbe il rischio di essere distrutto. In effetti, l’Iran potrebbe optare per una capacità deterrente nucleare. È quasi certo che una guerra tra Stati Uniti e Iran si trasformerà in una guerra mondiale. È chiaro che la guerra non è un’opzione.

Un’invasione terrestre israeliana della Striscia di Gaza rappresenta quindi un rischio elevato. Se Israele dovesse impantanarsi nella Striscia di Gaza, cosa che non è assolutamente da escludersi, è molto probabile che Hezbollah apra un secondo fronte. Il che, a sua volta, può innescare una reazione a catena che può andare fuori controllo. Qui sta il pericolo se un cessate il fuoco non viene concordato abbastanza presto nel conflitto.

MK Bhadrakumar

Fonte: Indian Punchline

Traduzione: Luciano Lago

2 commenti su “La diplomazia americana ha perso vigore in Medio Oriente. Non è più possibile isolare l’Iran

  1. Sono sordi e stupidi lo abbiamo detto il pericolo di sempre è la Germania è Israele che gli stati uniti devono ridurre ai minimi termini per sempre gli altri popoli non creano guerre e saccheggi economici alla cia ci sono persone che lo capiscono questo.

  2. che c’entra la Germania ? il problema è la finanza GB USA … Israele è un possedimento creato a controllo del Dio Cristiano Gasolio … una base militare in Medioriente per tenere in vita il Dollaro Zombie
    la Germania era alleata con l’ impero Turco e così pure l’ Italia finchè i Rotshi Rockfi non eliminarono Umberto I Guglielmo II Carlo I Mehemed V Nicola II e condussero alla distruzione dell’ Europa
    ora arriaviamo alla resa dei contri di 2 guerre mondiali … se Germania e Italia tornano con la Russia e la Turchia l’ Europa Rinascerà come era fino al 1914 … altrimenti l’ Occidente diventerà una Babele di Lobbies Coloniali di Rapina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM