La diplomazia americana deve affrontare problemi su tutti i fronti

di Alexandre Lemoine

La diplomazia americana sta incontrando problemi su più fronti contemporaneamente, mettendo in luce le difficoltà dell’amministrazione Joe Biden. A causa di questi fallimenti diplomatici, Biden rischia di non essere rieletto nel 2024. Il tour in Medio Oriente del Segretario di Stato americano Antony Blinken non ha portato progressi significativi nella promozione dell’agenda filo-israeliana.

Washington mantiene una posizione unilaterale nel conflitto israelo-palestinese, si oppone ad un cessate il fuoco a lungo termine e chiede solo una cessazione temporanea delle ostilità. Tale posizione suscita incomprensioni tra i paesi del Medio Oriente.
Inoltre, nota Bloomberg, la posizione del segretario di Stato Blinken con i suoi appelli solo per un cessate il fuoco temporaneo ha irritato sia gli Stati musulmani che Israele, che si oppone a qualsiasi cessate il fuoco.
Il risultato è un evidente disinteresse da entrambe le parti per la posizione americana.

Dopo un breve tour in Medio Oriente, conclusosi con una visita in Turchia, Blinken si dirigerà in Giappone, Corea del Sud e India, dove potrà aspettarsi un pubblico più ricettivo, nota l’agenzia di stampa. Secondo quest’ultimo, il Segretario di Stato cercherà di riportare l’attenzione sul problema chiave degli Stati Uniti, ovvero il contenimento della Cina.

Ma l’obiettivo più ampio per Washington diventa più chiaro ad ogni nuova crisi: come mantenere il dominio in un ordine mondiale in crisi, dove i paesi mettono sempre più in discussione la posizione degli Stati Uniti. Ciò è diventato particolarmente evidente nell’attuale guerra tra Israele e Palestina.

L’ultima volta che Blinken è stato in India per il vertice del G20 a settembre, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno tentato di riprendere l’iniziativa nel cosiddetto Sud del mondo. In particolare, Washington ha proposto di includere l’Unione Africana nel G20 come membro a pieno titolo.
Gli Stati Uniti sono intervenuti anche su questioni quali il cambiamento climatico e il debito dei mercati emergenti.

Tuttavia, gli sforzi degli Stati Uniti per avvicinarsi al Sud del mondo sono stati completamente vani dopo l’attacco di Israele a Gaza. Il re Abdullah II di Giordania, uno dei principali alleati degli Stati Uniti in Medio Oriente, ha accusato direttamente Washington di ipocrisia e ha affermato che l’Occidente applica selettivamente i diritti umani e il diritto internazionale.

US Secretary of State Antony Blinken protetto da giubbotto antiproiettile per paura di essere oggetto di attentato

Ignorando tali accuse, gli Stati Uniti rischiano di perdere la propria autorità nella regione e di subire l’influenza di Russia e Cina, osserva Bloomberg . Pechino e Mosca non hanno perso tempo nel rafforzare la loro presenza in Medio Oriente e in Africa.
La diplomazia americana e il modo in cui gli Stati Uniti risponderanno alle crisi in Ucraina, Palestina e Taiwan avranno un’importanza esistenziale non solo per i successi elettorali del presidente Joe Biden, ma anche per il mondo intero, sottolinea l’agenzia.

Un anno prima del voto, le elezioni presidenziali negli Stati Uniti che si terranno nel novembre 2024, una quota record di americani ha un’opinione sfavorevole di entrambi i partiti ed è scettica nei confronti dei leader. La maggioranza degli americani non vuole che Joe Biden o Donald Trump tornino a guidare il Paese. Tuttavia, di fatto, non esiste alcuna alternativa.

Fonte: Observateur Continental

Traduzione: Gerard Trousson

Un commento su “La diplomazia americana deve affrontare problemi su tutti i fronti

  1. hanno tutti il giumbotto anti proiettile… sono dei criminali e lo sanno ma non basterà il giubbotto a salvare la pellaccia. senza dignità ameri kani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM