La difesa aerea siriana risponde all’ennesimo attacco missilistico israeliano (un morto e vari feriti fra cui un bambino)

La difesa antiaerea della Siria è entrata in azione per affrontare un nuovo attacco missilistico israeliano contro le città di Latakia e Tartus, all’inizio di questo mercoledì .

L’attacco ha preso di mira un magazzino civile per materie plastiche nella campagna di Latakia, nel nord-ovest della Siria. I vigili del fuoco di questa città sono arrivati ​​sul luogo dell’incidente per spegnere le fiamme provocate dai missili israeliani.

Secondo un rapporto dell’agenzia di stampa ufficiale SANA , la difesa aerea siriana ha risposto contro obiettivi ostili, i missili lanciati dall’aviazione israeliana che hanno preso di mira obiettivi le aree di Al-Hifa a Latakia e Masyaf, nella provincia occidentale di Hama (ovest) .

“I nostri mezzi di difesa aerea hanno intercettato i missili israeliani e sono riusciti a intercettarne alcuni”, ha detto una fonte militare, affermando che l’attacco è avvenuto esattamente alle 2.18 di questo mercoledì (ora locale).

Danni per l’attacco israeliano

Questa offensiva israeliana ha provocato la morte di un civile e almeno sei feriti, tra cui un bambino e sua madre, riferisce la SANA .
Negli ultimi anni e con la sconfitta dei terroristi in Siria, Israele ha aumentato i bombardamenti contro obiettivi militari o civili nel Paese levantino, nel tentativo di fermare le successive vittorie di Damasco contro i gruppi radicali; tuttavia, nella maggior parte dei casi, le unità di difesa aerea della Siria hanno sventato tali offensive.

Il governo siriano, infatti, ha denunciato il sostegno del regime israeliano a gruppi terroristici come Daesh o bande legate ad Al-Qaeda. A questo proposito, ha ripetutamente confiscato spedizioni di armi e munizioni di fabbricazione israeliana a gruppi terroristici che operavano sul suo territorio nazionale.

Nota: Le fonti Israeliane ufficialmente tacciono ma non rinunciano, come loro abitudine, ad atteggiarsi sempre a “vittime” di potenziali minacce dalla Siria per giustificare i loro ripetuti attacchi contro il paese arabo.
Israele mantiene l’occupazione illegittima delle alture di Golan, un territorio siriano che era stato occupato da Israele durante la guerra del 1967 e, da allora, mai liberato,
nonostante le proteste della popolazione siriana residente.

Fonti: Hispan Tv Al Mayadeen

Traduzione e nota: Luciano Lago

2 Commenti

Inserisci un Commento