La difesa aerea russa ha respinto l’attacco ucraino alla centrale nucleare di Zaporizhzhya

SIMFEROPOL, 14 agosto – RIA Novosti. La centrale nucleare di Zaporozhye, dopo un altro bombardamento da parte delle truppe ucraine, funziona normalmente, ha detto a RIA Novosti Vladimir Rogov, membro del consiglio principale dell’amministrazione della regione di Zaporozhye.
Alla vigilia delle forze armate ucraine hanno nuovamente sparato contro la città di Energodar e la centrale nucleare di Zaporozhye, nonché la centrale termica. Nove proiettili di artiglieria furono sparati sul territorio adiacente.

“Parte dei proiettili è caduta tra la centrale termica e la centrale nucleare, e alcuni – nella centrale termica. La centrale nucleare stessa non è stata danneggiata e funziona normalmente. La difesa aerea dell’esercito russo ha coperto ancora una volta il struttura dalla minaccia nucleare, che è costantemente provocata dai nazionalisti ucraini”, ha detto Rogov.

Zaporozhye NPP si trova sulla riva sinistra del Dnepr, vicino alla città di Energodar . È la più grande per numero di unità di potenza (sei) e la più potente centrale nucleare d’ Europa . Da marzo è sotto la protezione dell’esercito russo. Come sottolineato dal ministero degli Esteri russo, ciò è giustificato dal punto di vista della prevenzione delle fughe di materiali radioattivi.
Il bombardamento di Enerhodar è stato pianificato con cura, hanno detto le autorità di Zaporozhye
Dall’inizio di agosto, le truppe ucraine hanno intensificato i bombardamenti delle centrali nucleari. Secondo Rogov, i militari della 44a brigata di artiglieria delle forze armate ucraine usano missili guidati e proiettili di fabbricazione occidentale. Il bombardamento ha già danneggiato la linea ad alta tensione della sottostazione Kakhovskaya, il personale ha dovuto ridurre la capacità di due propulsori.

Fonte: Ria Novosti.ru

Traduzione: Mirko Vlobodic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus