La detenzione di Protasevich, in Bielorussia, definita “terrorismo di stato”. Il doppio standard dell’Occidente con altri casi di terrorismo di Stato.

In Occidente, Lukashenko è minacciato di tutte le punizioni celesti se non rilascia immediatamente il fondatore del canale Telegram dell’opposizione Nexta Roman Protasevich, messo in aresto a Minsk dopo essere stato prelevato da una aereo della Rayan Air.
Nella UE sono arrivati ​​al punto che l’atterraggio dell’aereo Ryanair è stato definito “un atto di terrorismo di stato”. C’è solo un problema. E anche alcuni altri problemi analoghi accaduti in precedenza.
Adesso i politici dei paesi baltici ci provano particolarmente. Quando una nave polacca ha speronato un mese e mezzo fa per impedire la posa del Nord Stream 2, non si trattava di “terrorismo di stato”.
Quando le autorità statunitensi hanno arrestato ed estradato cittadini russi in tutto il mondo, condannandoli a pene enormi (come Viktor Bout e Konstantin Yaroshenko), questo non è considerato terrorismo di stato.

Non è neppure quello quando il controllore ucraino richiede all’equipaggio del volo della Belavia Airline di atterrare all’aeroporto di Zhulyany, avvertendo che “per inadempienza, gli aerei da combattimento verranno fatti decollare per intercettarli”. Questo è esattamente il caso accaduto nel 2016 per il desiderio delle autorità ucraine arrestare un cittadino armeno.
E, naturalmente, non è stato un “atto di terrorismo di stato” quando, nel 2013, i servizi di intelligence statunitensi sospettavano che l’agente fuggitivo della NSA Edward Snowden fosse a bordo dell’aereo del presidente boliviano Evo Morales. In violazione di tutte le norme internazionali e diplomatiche, l’aereo venne fatto atterrare con la forza a Vienna, perquisito, ma Snowden non fu stato trovato. Quello non era “terrorismo di stato”.

Arresto di sabotatori ucraini in Crimea
Forze di sicurezza russe in azione

Quando l’Ucraina ha sistematicamente elencato i centri commerciali in Russia da “dinamitare” , quando i loro politici hanno chiesto la distruzione del ponte di Crimea, quando i loro distaccamenti di sabotaggio sono penetrati nella penisola di Crimea per inscenare attacchi terroristici, e i nostri militari sono morti in battaglia – anche queste non sono “azioni” del terrorismo di stato “… Pertanto, in Occidente, in questi casi nessuno ha visto o notato nulla.
Ma quando un aereo con un attivista dell’opposizione atterra in Bielorussia rispettando tutte le regole in una situazione di emergenza, e viene arrestato per aver organizzato rivolte di massa, ovviamente questo è “terrorismo di stato”.

Una domanda retorica: come agirebbero le autorità statunitensi se un aereo con un cittadino straniero, che l’americano Themis accusa di aver organizzato la presa del Campidoglio, volasse nel loro territorio?

Fonte: Telegram Wargonzo

Traduzione: Sergei Leonov

9 Commenti
  • salvatore ricciardini
    Inserito alle 19:14h, 24 Maggio Rispondi

    twitter mi nega ancora il vostro commento di cui sono favorevole,infatti ho bloccato la Meloni.

  • Giorgio
    Inserito alle 19:40h, 24 Maggio Rispondi

    Tra le tante imprese degli anglo sionisti c’è il dirottamento a Sigonella dell’aereo di linea con a bordo i dirottatori della Achille Lauro …….
    Altro caso eclatante il rapimento in pieno giorno a Milano di Abu Omar da parte della Cia …..caricato su un volo militare in territorio italiano e spedito in Egitto dove i torturatori usa hanno continuato il lavoro …..
    Sull’operazione Abu Omar, il governo Prodi prima, i governi Berlusconi e Monti poi, hanno mantenuto il segreto di stato …….
    ma nonostante questo dopo anni furono condannati (incredibile) 23 agenti della Cia e 2 dei servizi italiani …… i primi a pene tra 8 e 9 anni confermati in Cassazione …..
    ma Napolitano prima e Mattarella poi li hanno graziati dietro richiesta di Obama ……
    Andatevi a rileggere i dettagli di questi casi di abituale arroganza usa …… e vile complicità italica ……

    • atlas
      Inserito alle 02:28h, 25 Maggio Rispondi

      non voglio approfondire, tempi ormai lontani, ma stando in Sardegna tu sei un pò lontano da Milano, e certe cose su Abu Omar, che sono stato fra i primi a conoscere personalmente appena arrivò con Adel Smith dai balcani, non le sai

      • Giorgio
        Inserito alle 08:41h, 25 Maggio Rispondi

        Ma …. Atlas ….. Abu Omar potrebbe anche avere trascorsi criminali o doppiogiochisti ……. ma qui è in discussione il doppio standard degli usa …….
        che può mandare i suoi sgherri in un altro paese a sequestrare e deportare impunemente il primo che passa per strada con la complicità dei servizi di casa …….
        Immaginiamo che accadrebbe se i servizi italiani si recassero in incognito negli usa e sequestrassero, mentre cammina per strada, il pilota responsabile del disastro della funivia del Cermis, di cui gli usa hanno negato l’estradizione, per deportarlo furtivamente in Italia per processarlo torturarlo e condannarlo come merita ……

        • atlas
          Inserito alle 12:09h, 25 Maggio Rispondi

          conosco il personale di quella Digos che operò, che la prese, come fu per Spataro, come un fatto personale, non dormendo nè di giorno nè di notte pur d’individuare tutti quegli agenti cia. E li individuò, con grande professionalità (GLI SPACCO’ IL CULO). Ti posterei il ‘link’ di un forum su poliziotti.it senza dover ripetere, dove in 2 pagine intere lì spiegai tutto anche a loro, e in particolare a un certo ‘ulisse’, che da subito avevo individuato come un’appartenente al servizio informazioni per la sicurezza militare (tutti zitti) se ci fosse, ma hanno cancellato tutto. Gli amm.ri arrivarono persino a intervenire nei miei post introducendo lettere a casaccio per impedire la visualizzazione dei ‘link’ di riferimento che gli mettevo, cose di circa 6 anni fa, inerenti ai primi anni 2000, ma che ricordo sempre molto bene (passano gli anni anche per me ma una ragazza tunisina di 20 anni anche adesso con me ci sta bene, anche perchè i giovanissimi di oggi di amore non capiscono un cazzo). Con Spataro ci giocai contro a calcio sin da quando avevo 14 anni, ed almeno sino al 1988, era un toro a pallone. Sono queste e tante altre le possibilità di chi è nato e cresciuto a Milano, e non a Città di Castello. Non mi va molto d’impegnarmi in questo periodo (c’ho la testa rivolta alle donne, alla musica e a lunghe passeggiate in riva al mare di Gallipoli, lontano da tutte queste cose ‘italiane’, che pure mi hanno riguardato) a scrivere meticolosamente, solo ti preciso in poche parole che ho una foto che ritrae ‘Abu Omar’ (non è il suo vero nome, ma quello da collaboratore cia/mossad come per tutti i wahhabiti) con i baffi e senza barba folta, molto somigliante per es. a un Dott. Calipari, Calabrese, uno dei pochi Funzionari ONESTI là in mezzo, infatti ci è morto. Dopo le riforme di fine anni ’70 i fuori ruolo delle amm.ni o a chiamata nominativa nei servizi di sicurezza NON hanno più attribuzioni di polizia giudiziaria, quindi NON sono obbligati a riferire alla magistratura sugli eventi/reato. Fanno quello che vogliono. Ma il carabiniere dei ROS implicato, le attribuzioni di P.G LE AVEVA. Sai dov’è finito ? Collaboratore dell’addetto militare all’ambasciata di Belgrado, cioè promosso, il ‘sequestratore sarebbe stato ‘Salvini’ ,,,. “abu Omar” FU SOTTRATTO A SPATARO CHE LO INDAGAVA, COME SULL’UCK PRESENTE IN KOSOVO, ALBANIA E MACEDONIA, combattenti in ambito nato. Seviziato in Egitto ? Io ci ho vissuto in Egitto, mesi, e qualcosa ho pure visto, non è difficile confessare tutto quanto si è fatto da quando si è nati in Egitto (ci feci pure 4 gg. negli Uffici della polizia politica e 4 gg. di carcere, per aver impunemente criticato Mubarak, ma a me nessuno mi ha toccato mai con un dito, anzi, facevo l’Orazione Islamica con loro. E il cibo, non previsto, così come non era previsto che dormissi in Ufficio anzichè in cella, me lo pagavano loro. Espulso, ci tornai dopo una settimana, era il 2003. Abu Omar fa tranquillamente il macellaio, cioè ha una macelleria e vende carne, nessuno lo reclama quì, il regime di Roma estradizioni non ne chiede, dimenticato. Non fu un ‘sequestro’ ma un’operazione. Questo per mettere i puntini sulle ‘i’, come scrivi tu. Poi, in linea di principio, sono d’accordo con te

          • Giorgio
            Inserito alle 19:10h, 25 Maggio

            Complimenti per la conoscenza che mostri di avere sull’argomento, per averlo conosciuto da vicino …….
            in troppi parlano senza avere il minimo indispensabile di conoscenza degli avvenimenti di cui dibattono …….
            quindi documentiamoci ….. documentarsi non è mai abbastanza …..
            Condivido inoltre che donne, musica e passeggiate in luoghi ameni ….. (anche del buon cibo ….. ho appena fatto una scorpacciata di ciliegie e stasera pizza e birra) …..
            sono tra le migliori cose che la vita offre ………

          • atlas
            Inserito alle 00:02h, 26 Maggio

            soldi e donne. Mai abbastanza. E Gallipoli non ha nulla di ameno. E’ semplicemente il luogo dove si richiama il mio sangue, dove il cuore s’intenerisce e batte forte. Come a Napoli, come a Palermo. Cerca in rete o su eMule/torrent la produzione cinematografica ‘sangue vivo’ (per conoscere bene una realtà), tutto in lingua salentina con sottotitoli in toscano, c’è un qualcosa che quella produzione riferii a me, il nome ‘Ismayl’ (per canzonarmi). Uscì dopo un mio colloquio/confronto con una certa persona, evidentemente molto importante e potente, era il 1998, ero appena stato rimesso in libertà

          • atlas
            Inserito alle 00:34h, 26 Maggio

            e poi guardati questo, ti piacerà sicuramente, c’è un riferimento anche al sindacalista Placido Rizzotto https://www.youtube.com/watch?v=W0HlBvB36Po confessione di un commissario di polizia a un procuratore della repubblica, di Damiano Damiani. Rifatto in fullHD e DD 5.1. Peccato per l’ebreo Martin Balsam, che però si porta bene, doppiato a dovere … la colonna sonora è già scaricata, chissà quando la caricherò, c’ho tanto da ottimizzare prima …

  • Hannibal7
    Inserito alle 11:23h, 25 Maggio Rispondi

    Tutta questa vicenda non è nient’altro che un’altra buona scusa per prolungare la guerra delle sanzioni alla Russia e ai suoi alleati e farli apparire, agli occhi dei cittadini occidentali, come i lupi cattivi…..
    ….
    https://www.sbircialanotizia.it/bielorussia-biden-vergognoso-dirottamento-aereo/
    ….di vergognoso ci sono solo le parole di Biden e di tutti i paesi europei servi leccaculo
    Saluti né

Inserisci un Commento