La Danimarca blocca il vaccino della Johnson &Johnson

La Danimarca aveva già interrotto la vaccinazione contro il Covid-19 con AstraZeneca durante il mese di aprile.

Primo paese in Europa ad abbandonare il vaccino Covid-19 di AstraZeneca ad aprile, la Danimarca annunciato questo lunedì 3 maggio di farla finita anche con quello della Johnson & Johnson a causa di possibili gravi effetti collaterali, nonostante il via libera del regolatore europeo, la Ema, per utilizzarlo.

“L’Autorità Sanitaria Nazionale Danese ha concluso che i vantaggi dell’utilizzo del vaccino Johnson & Johnson Covid-19 non superano il rischio di causare un possibile effetto collaterale, VITT (una trombosi da iniezione di siero di tipo molto raro), nelle persone che ricevono il vaccino. Pertanto, (l’autorità) continuerà il programma di vaccinazione di massa danese per il Covid-19, senza il vaccino Johnson & Johnson “, ha detto in una dichiarazione.

La Danimarca, che appare con questa decisione tra le prime a rinunciarvi al mondo, non aveva mai autorizzato il vaccino, commercializzato in Europa da Janssen, una controllata di J&J. La sua efficacia o meno era stata valutata da metà aprile.

Questa decisione rallenterà di quattro settimane l’attuale campagna di immunizzazione nel Paese nordico, dove l’epidemia è considerata “sotto controllo” e dove è stata vaccinata la maggior parte delle persone a rischio e degli operatori sanitari.
Secondo l’ultimo conteggio, l’11,5% dei 5,8 milioni di danesi è completamente vaccinato e il 23,4% ha ricevuto una prima iniezione.

Attualmente quattro vaccini sono autorizzati nell’UE: Pfizer-BioNTech, Moderna, AstraZeneca e Johnson & Johnson – gli ultimi due in determinate condizioni di età nella maggior parte dei paesi europei.

“Va anche tenuto presente che in futuro vaccineremo prima di tutto le persone più giovani e sane”, ha detto il vicedirettore generale dell’Autorità sanitaria danese, Helene Probst, citata nel rapporto.

Ad aprile, il regolatore statunitense ha sospeso temporaneamente l’uso del vaccino Johnson & Johnson dopo rari casi di trombosi.

Vaccinazione obbligatoria

In Europa, l’EMA ha stimato di aver beneficiato di un rapporto rischio / beneficio favorevole nonostante un rischio “molto raro” di coaguli di sangue.
La Danimarca ha ordinato 8,2 milioni di dosi del vaccino, la prima delle quali è stata ricevuta a metà aprile.
fonte: https://www.huffingtonpost.fr
Nota: Del vaccino russo Sputnik V non si sa ancora nulla: l’ Ente europeo non lo ha ancora autorizzato, nonostante che la documentazione del vaccino sia stata inviata il 22 Dicembre. Il vaccino Sputnik è stato autorizzato in oltre 60 paesi ma in Europa si ritarda ad autorizzarlo anche se alcuni paesi lo hanno già richiesto ed utilizzato, fra questi l’Ungheria e la Serbia. Risulta evidente che è arrivato un veto da Washington che inibisce l’utilizzo del vaccino russo in Europa, così come lo stesso veto è stato inviato ad altri paesi che sono nell’orbita degli Stati Uniti.

Fonte: https://www.huffingtonpost.fr/entry/covid-danemark-abandonne-vaccin-johnson-johnson_fr_60900d9ce4b05af50dc5edb5

Traduzione: Gerard Trousson

11 Commenti

Inserisci un Commento