La crisi israelo-russa e le minacce di guerra in Medio Oriente

di Abdel Bari Atwan .

La rabbia della Russia verso Israele potrebbe avere gravi conseguenze, spiega Abdel Bari Atwan.

La conclusione a cui sono giunto dopo una breve visita a Beirut la scorsa settimana, durante la quale ho incontrato vari contatti di tutti i ceti politici, è che la regione si sta rapidamente dirigendo verso la guerra.

È quasi inevitabile. La Siria è assediata, il Libano è in bancarotta, la Giordania è sull’orlo della bancarotta, l’Iraq è nel caos, l’Unione del Maghreb è in conflitto e il Golfo ha perso l’orientamento.

L’Iran, che gli piaccia o no, è il giocatore più potente e dovrebbe emergere in testa.

Una svolta nella resistenza
La miccia che farà esplodere la regione potrebbe essere molto probabilmente uno dei seguenti tre possibili sviluppi.

In primo luogo, un’invasione del complesso della moschea di al-Aqsa a Gerusalemme occupata dagli estremisti israeliani nell’anniversario della Nakba e dell’istituzione di Israele, o nel suo “Giorno di Gerusalemme”, alla fine di questo mese.

In secondo luogo, la preparazione di una nave in un porto del Mediterraneo per rompere il blocco della Striscia di Gaza, come la Mavi Marmara nel 2010.

Il leader di Hamas a Gaza, Yahya al-Sinwar , ha affermato in un discorso la scorsa settimana che sono in corso i preparativi per aprire una linea marittima permanente dentro e fuori Gaza, e ha avvertito che qualsiasi attacco contro la nave scatenerebbe una massiccia rappresaglia missilistica.

Terzo, rappresaglia congiunta iraniana, siriana e libanese per qualsiasi attacco israeliano a obiettivi iraniani all’interno della Siria.

Il leader di Hezbollah Hassan Nasrallah ha affermato nel suo discorso in occasione della Giornata internazionale di Gerusalemme che riservare ritorsioni per il momento e il luogo giusti era un ricordo del passato e qualsiasi aggressione futura avrebbe richiesto una risposta rapida e immediata.

Nasrallah parla ai militanti di Hezbollah

La doppiezza israeliana si scontra con i suoi limiti
Un fattore cruciale a questo proposito è il rapido deterioramento delle relazioni tra Russia e Israele.

Il presidente Putin è furioso per quello che vede come un accoltellamento alle spalle da parte di Israele alla Russia, e contro se stesso personalmente e i suoi “amici” nel tradimento di Tel Aviv inviando segretamente armi, equipaggiamento militare e mercenari in Ucraina.

Il ministero degli Esteri russo ha sfacciatamente accusato Israele di sostenere i neonazisti ucraini. Il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha annullato una telefonata con il suo omologo israeliano per protestare contro la sua doppiezza.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso, secondo un esperto arabo russo con sede a Mosca, è stata quando Israele ha votato a favore di una mozione degli Stati Uniti per espellere il paese dal Consiglio per i diritti umani.

L’ Iran ha tutto da guadagnare da questo deterioramento, non solo perché si è schierato con la Russia dall’inizio della crisi, ma anche perché la Russia ne ha più bisogno come partner nella regione.

Ha bisogno dell’esperienza iraniana, sviluppata in più di quattro decenni, per resistere agli embarghi statunitensi – specialmente nei settori petrolifero, delle attrezzature e della tecnologia – e per contrastare le pressioni statunitensi e i tentativi di destabilizzazione sul fronte interno.

Putin ha un dito sul pulsante nucleare mentre le sue agenzie di sicurezza monitorano e osservano da vicino il comportamento di tutti i paesi europei, in particolare la Germania e le macchinazioni dei suoi attuali leader.

Il governo “di sinistra” tedesco sta ora spingendo affinché l’Europa boicotti il ​​petrolio e il gas russi e rifiuti la richiesta di Putin che la Russia venga pagata in rubli.

Va notato che i russi non potranno mai dimenticare che 27 milioni di loro compatrioti furono uccisi per mano dei tedeschi durante la seconda guerra mondiale.

La Russia è anche, secondo fonti attendibili, molto turbata dallo sfruttamento dei media europei e soprattutto tedeschi in una campagna di incitamento contro di essa.

È anche furiosa per l’ ingratitudine e il tradimento israeliani dopo che Putin per anni ha rispettato tutte le loro richieste in Siria e altrove in Medio Oriente.

Secondo quanto riferito, la Russia sta valutando la possibilità di revocare la doppia cittadinanza al milione di russi che sono emigrati nella Palestina occupata e hanno acquisito la cittadinanza israeliana pur mantenendo la cittadinanza russa.

La storia ci insegna che nella maggior parte delle guerre, coloro che rimangono neutrali o fingono di essere neutrali spesso se la passano male. Questa guerra non farà eccezione.

fonte: Cronaca della Palestina

Illustrazione: Carcassa di un carro armato israeliano distrutto dalla resistenza, ed esposto il cannone annodato al memoriale libanese a Mleeta, 80 chilometri a sud est di Beirut – Foto: Pierre Filiu.

Fonte: Cronique Palestine

Traduzuone: Gerard Trousson

2 Commenti
  • mondo falso
    Inserito alle 18:08h, 06 Maggio Rispondi

    Ma allora sono cretini i russi , dormono , , negli ultimi anni Israele ha sparato ai Russi in Siria ,ricordo l’abbattimento del sofisticato aereo militare russo con 15 militari specializzati morti

    • Gianni Bellotto
      Inserito alle 10:57h, 07 Maggio Rispondi

      Cretini ….sono gli italiani che credono che le leggi internazionali siano uguali per tutti oppure che fanno finta che siano uguali per tutti !!
      Se i Russi avvesserò bombardato Israele per una rappresaglia giusta è saggia automaticamente l” ONU di merda avrebbe creato problemi alla Russia , gli USA di merda avrebberò SANZIONATO OPPURE MINACCIATO APERTAMENTE LA RUSSIA aiutati dai paesi di merda sottomessi della UE o della NATO .
      Sui giornali di merda italiani e sulle Televisioni Italiane avrebberò parlato di INVASIONE RUSSA DI ISRAELE OPPURE DI BARBARIE RUSSA IMMOTIVATA .
      Israele di merda oggi aiuta l” Ucraina fornendo attrezzature militari se domani di mattina Israele abbatte volontariamente o involontariamente un aereo militare Russo sicuramente è certamente ci sarebbè una risposta militare Russa poichè Israele è una nazione OSTILE .
      La Russia perciò se apparentemente NON ha reagito e solo per una questione di interesse .
      La situazione mondiale dal 1970 è questa : USA-UE-NATO -ISRAELE possono FINANZIARE ED ARMARE IL TERRORISMO INTERNAZIONALE POSSONO PROVOCARE RIVOLTE E RIBELLIONI IN ALTRE NAZIONI POSSONO BOMBARDARE INVADERE E OCCUPARE MILITARMENTE TUTTE LE NAZIONI LIBERE CHE CI SONO AL MONDO POSSONO MASSACRARE MILIONI DI INERMI CIVILI IN TUTTO IL MONDO E SONO PURE PROTETTI DAL ONU !!!
      P.S.
      La Russia può restituire pan per focaccia a Israele solo per vie traverse in incognito .

Inserisci un Commento