La crisi energetica globale e chi l’ha provocata


di Alfredo Jalife Rahme

Per gli “incrollabili globalisti verdi” di Bloomberg (10/5/21) riconoscere che la “crisi energetica globale” è “la prima di tante nell’era dell’energia pulita” significa che qualcosa è molto marcio in Danimarca (Shakespeare dixit ) con il suo volgare propaganda multimediale globalista neoliberista.

Quattro reporter di Bloomberg sostengono che nei “prossimi decenni (megasici!) potrebbero esserci più periodi di inflazione legata all’energia, carenza di carburante (megasic!) e perdita di crescita economica poiché la fornitura di elettricità è diventata vulnerabile agli shock ”.

In modo drammaticamente cupo, i giornalisti di Bloomberg – di proprietà del miliardario israelo-americano Mike Bloomberg – affermano che “il mondo sta vivendo la prima grande crisi energetica della transizione verso l’energia pulita. E non sarà l’ultima”. Affermano correttamente che l’energia eolica e solare “sono notoriamente volubili” (sic), e quando falliscono, il ” backup stabile è fornito dagli impianti di gas naturale”.

Secondo Sputnik, i prezzi del gas naturale in Europa sono saliti a 1.427 dollari per mille metri cubi a causa di lunghe ondate di freddo, speculazioni finanziarie e “lo scarso rendimento delle fonti alternative (sic) di energia, nonostante migliaia di milioni investiti nell’ultimo decennio”( https://bit.ly/2Yl1Gwr ).

Lo zar Vlady Putin ha commentato che “l’isteria e la confusione” nel mercato energetico europeo sono il risultato di una cattiva politica: “Nessuno affronta seriamente (sic) questo problema, alcuni sono liberi di speculare sui problemi del cambiamento climatico, altri ne sottovalutano l’importanza di uno dei fattori, altri hanno iniziato a ridurre gli investimenti nelle industrie estrattive”.

Putin ha ritenuto che la transizione verso l’energia verde dovrebbe essere agevole (sic) . Per quanto riguarda la decarbonizzazione dell’economia, ritiene che il suo bilancio energetico abbia reso la Russia un leader mondiale per la “maggiore quota di energia ottenuta da centrali nucleari ed idroelettriche”, all’unisono con i nascenti progetti eolici e solari che costituiscono oltre il 37 per cento di tutta l’energia elettrica prodotta.

Putin ha affermato che la Russia ha la capacità di diventare il leader mondiale nel mercato emergente dell’idrogeno (sic) , senza trascurare lo “sviluppo sostenibile del petrolio, del gas e del complesso del carbone”.

L’economista israelo-americano David Paul Goldman (DPG), molto apprezzato dall’Asia Times , giudica correttamente che “le bolle verdi minacciano di far esplodere i mercati azionari” quando il “pensiero magico (sic) degli Stati Uniti di un’agenda verde finanziata dalle quantità quantità infinite di denaro stampato finiranno solo in lacrime ”( https://bit.ly/3FdgcGW ).

Indipendentemente dai suoi presunti benefici, l'”energia verde” fino ad oggi è stata un miraggio della propaganda multimediale israelo-anglosassone. Ora si scopre che c’è carenza di carbone (sic) , gas e petrolio, quando i loro prezzi sono saliti alle stelle nella stratosfera.

Secondo DPG, che scopre i felici conti della “green economy”, “gli investimenti negli idrocarburi sono crollati sotto la pressione dell’agenda verde adottata dal consenso internazionale” quando “negli USA grandi investitori istituzionali boicottano gli investimenti in combustibili fossili”. combustibili ”, mentre “le carenze critiche di elettricità sono il risultato di una drastica regolamentazione dell’estrazione nelle miniere di carbone, esacerbata dal divieto punitivo di Pechino sulle importazioni di carbone dall’Australia ” (nota: il principale esportatore mondiale, con il 32 percento, di quello che i loro partner nell’Aukus girano un occhio cieco, che ovunque proclamano i benefici della “green economy”). Va notato che gli Stati Uniti sono il terzo produttore di carbone al mondo ( https://bit.ly/3uKGlba ).

Nessuno sfuggirà alla grave crisi energetica globale.La riforma energetica del quarto trimestre arriva al momento giusto e chi la valuterà dovrà soppesare le gravi crisi energetiche a venire, se vogliono che continuino ad esistere paesi indipendenti.

Home

Trduzione: Luciano Lago

7 Commenti
  • Arditi, a difesa del confine
    Inserito alle 17:16h, 09 Ottobre Rispondi

    leggendo l’articolo dopo aver letto il titolo non sono riuscito a capire di chi sia la colpa di questa crisi, ma una cosa l’ho capita :
    (sic)

    • atlas
      Inserito alle 17:58h, 09 Ottobre Rispondi

      quì te l’appoggio

    • atlas
      Inserito alle 17:59h, 09 Ottobre Rispondi

      cmq la colpa sappiamo di chi è (i comunisti cattivi)

      • Giorgio
        Inserito alle 19:31h, 09 Ottobre Rispondi

        I liberal democratici atlantisti diranno che è colpa dei nemici della ……. liberal democrazia ….. Kim, Xi, Maduro, Iran, Russia, Cuba ….

        • atlas
          Inserito alle 11:43h, 10 Ottobre Rispondi

          li voglio vedere: democratici, marxisti, liberisti, antifascisti, atlantisti. Ora che i vs. governanti vi toglieranno pure la luce elettrica …

          • Giorgio
            Inserito alle 17:16h, 10 Ottobre

            Già Atlas …… la voglio vedere anche io la gentaglia che hai citato ……. senza benzina, corrente, stipendio …….
            perderanno la fede cieca nel progresso e nella democrazia ?

  • antonio
    Inserito alle 19:49h, 10 Ottobre Rispondi

    i cornuti atlantici volevano pure fermare il Northstream
    i giornali e i governi europei fan pena -venduti e bugiardi
    i cittadini sapranno capirlo, non ostante le prediche e i lavaggi del cervello ?

Inserisci un Commento