La Crimea ha definito stupide dichiarazioni dell’UE sullo status della penisola

placeholder

SIMFEROPOL, 26 febbraio – RIA Novosti. La leader della comunità ucraina di Crimea, Anastasia Gridchina, ha definito stupida la dichiarazione dell’Unione europea sul rifiuto di riconoscere lo status russo della penisola.
In precedenza, il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, aveva affermato che l’Unione europea non riconosce l’annessione della Crimea e di Sebastopoli alla Russia e ritiene che questa sia una violazione del diritto internazionale.

“Le prossime stupide dichiarazioni dell’Unione Europea, i cui rappresentanti non sono mai stati in Crimea e non hanno mai comunicato con la gente di Crimea, se le possono risparmiare. Nell’Unione Europea, l’unica cosa che possono fare è che per sette anni dicano e ripetano a pappagallo la stessa cosa appresa negli anni. Come dice il proverbio, vedi una macchiolina negli occhi di qualcun altro, ma non registri la trave nei tuoi occhi “, ha dichiarato Gridchina alla RIA Novosti.

Secondo la Gridchina, l’UE , prima di salire in cattedra e fare le sue prediche sui diritti umani, dovrebbe prestare attenzione alle infinite violazioni dei diritti umani che si verificano nei paesi occidentali.

Anastasia Gridchina Leader Crimea

La Crimea è diventata una regione russa dopo un referendum tenutosi lì nel marzo 2014, in cui il 96,77% degli elettori della Crimea e il 95,6% dei residenti di Sebastopoli si sono espressi a favore dell’adesione alla Russia . Le autorità della Crimea hanno tenuto un referendum a seguito di un colpo di stato (pilotato dai servizi anglo USA) in Ucraina nel febbraio 2014.L’Ucraina considera ancora la Crimea come territorio suo, ma temporaneamente occupato.

La leadership russa ha più volte affermato che gli abitanti della Crimea democraticamente, nel pieno rispetto del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite, hanno votato a favore della riunificazione con la Russia. Secondo il presidente russo, la questione Crimea è “completamente chiusa”.

Nella foto in alto: il ponte che collega la penisola di Crimea alla Russia

Fonte: Ria.ru

Traduzione e sintesi: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM