LA CRESCENTE PRESENZA DI MILIZIANI RADICALI IN KARABAKH AUMENTA LE POSSIBILITÀ DI INTERVENTO RUSSO NELLA GUERRA ARMENO-AZERBAIGIANA

Sempre più video e foto che mostrano la presenza di miliziani radicali nella regione del Nagorno-Karabakh compaiono online. Questi elementi sono membri di gruppi militanti sostenuti dalla Turchia e trasferiti dalla Siria per sostenere l’Azerbaigian nella sua guerra con l’Armenia.

Un altro video mostrava miliziani siriani che indossavano uniformi dell’esercito azero.

https://www.youtube.com/watch?v=FHBj3bKYl18


Sono stati diffusi altri video, dove si vede il presunto trasporto di carichi militari turchi in Azerbaigian travestiti da camion commerciali attraverso il territorio della Georgia, accompagnati dalla polizia georgiana. Sul decimo camion nella colonna è scritto Baytaktar.
Finora sono state pubblicate solo le fotografie di coloro che sarebbero stati uccisi in prima linea, ma nessun video di coloro che combattono effettivamente.

L’Azerbaigian ha pubblicato un video delle sue forze che prendono di mira e distruggono l’equipaggiamento armeno.
La parte di Baku ha anche pubblicato un video che mostra come gli attacchi armeni siano stati presumibilmente scoraggiati durante la notte.


Va ricordato che il presidente dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh) Araik Harutyunyan ha preso le armi ed è andato al fronte.
Chiedo a tutti di difendere immediatamente la nostra Patria e di prendere parte alla guerra santa. La nazione e la patria sono minacciate. Ecco perché ora vado in prima linea con forze speciali per combattere dalla mia parte, perché sarò più prezioso in prima linea che in retroguardia “, ha detto Harutyunyan.
Sulla stessa linea del fronte, Harutyunyan si è rivolto anche alle truppe presenti.
“Dobbiamo capire che non solo il futuro dell’Artsakh e dell’Armenia, ma anche il futuro del popolo armeno dipende da ciascuno di noi. State tranquilli, vinceremo “, ha detto.
l capo della diocesi Artsakh della Chiesa apostolica armena, l’arcivescovo Pargev Martirosyan, ha fatto appello al popolo e ha invitato tutti gli armeni nel mondo a unirsi e difendere l’Artsakh.
Un video ha mostrato ai giornalisti che cercano di mettersi al riparo quando l’ artiglieria azera ha iniziato i tiri su Stepanakert per la terza volta il 3 ottobre .

Arcivscovo armeno Pargev Martirosyan

“L’Azerbaigian utilizza missili a lungo raggio per distruggere le infrastrutture civili, il che può causare un disastro ambientale”, ha detto l’ex segretario stampa del Ministero della Difesa dell’Armenia Artsrun Hovhannisyan.

“Ci sono feroci battaglie. Il nemico ha subito perdite di manodopera e attrezzature. Le forze armate azerbaigiane stanno prendendo di mira le località arretrate, tra cui Stepanakert ”, ha detto l’Artsakh Defence Army.
Ha anche aggiunto che il nemico ha continuato a violare “tutte le leggi di guerra scritte e non scritte”.

Il Ministero degli Affari Esteri dell’Artsakh ha invitato la comunità mondiale a riconoscere l’indipendenza della Repubblica.

Gli azeri che vivono in Iran si sono riuniti lungo il confine e hanno filmato la distruzione dell’esercito azerbaigiano. Il video mostra lo stato di depressione del pubblico.
Infine, sembra che l’esercito dell’Azerbaigian stia tentando un attacco su larga scala, ma le forze armene sembrano capaci di respingerlo.

“L’Esercito di difesa dell’Artsakh è riuscito a fermare un attacco nemico su larga scala iniziato oggi. In una direzione, le nostre forze hanno contrattaccato. In altre parti, ci sono pesanti battaglie difensive, ha detto il portavoce del ministero della Difesa Shushan Stepanyan.

Al 3 ottobre, non ci sono indicazioni che la guerra armeno-azerbaigiana possa finire presto in qualsiasi momento raggiungendo una sorta di cessate il fuoco. Invece, l’Azerbaigian con l’aiuto della Turchia si è spinto verso una possibile vittoria militare sull’Armenia nella regione contesa del Nagorno-Karbakh. Allo stesso tempo, la riluttanza armena a riconoscere la Repubblica del Nagorno-Karabakh o ad integrare ufficialmente il territorio nel proprio stato non ha lasciato alcun motivo formale ai suoi alleati per fornirle un supporto militare in questo conflitto. Il patto dell’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (CSTO) rimane per la protezione dell’Armenia solo in caso di attacco al suo territorio sovrano.

Miliziani filoturchi in Azerbaijan

Tuttavia, la crescente presenza di miliziani radicali sulla linea del fronte del Nagorno-Karakbah potrebbe diventare un fattore importante che cambierà questa situazione e ppotrebbe diventare un motivo formale per l’intervento di qualche terza parte (la Francia, che è in un profondo conflitto con la Turchia, o la Russia) nel conflitto dalla parte dell’Armenia.


Ad esempio, la presenza di terroristi vicino ai suoi confini è una linea rossa per la Russia, che non lo andrebbe a tollerare. In particolare, uno degli obiettivi strategici della campagna russa in Siria è impedire la futura espansione dei terroristi nel Caucaso, il più vicino ai confini russi.
È sorprendente che la leadership turca non capisca o ignori questo fatto. Alcune fonti affermano che il governo Erdogan si è appena abituato al formato della guerra con un intenso utilizzo di manodopera jihadista a buon mercato supportata da forze speciali, da utilizzare in Libia, in Siria, in Iraq e adesso nell’Azerbaijan.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM