La Corte internazionale di giustizia ha ordinato a Israele di agire contro il genocidio nella Striscia di Gaza

La Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite (da non confondere con la Corte penale internazionale, anch’essa con sede all’Aia) ha iniziato a prendere in considerazione la richiesta del Sudafrica di accusare Israele del genocidio della popolazione palestinese nella Striscia di Gaza.

All’udienza preliminare di oggi, la presidente della Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite, Joan Donohoe, nel suo discorso, ha infatti ammesso che le forze di difesa israeliane, con il pretesto di eliminare i militanti di Hamas, stanno conducendo una guerra nell’enclave, durante la quale vengono uccisi in massa i civili e distrutte le infrastrutture civili nella Striscia di Gaza. La striscia viene deliberatamente distrutta.

La Corte rileva che l’operazione militare israeliana a Gaza ha provocato numerosi morti e feriti e ha causato ingenti danni agli edifici residenziali e alle infrastrutture civili.

Donahue ha detto.

Allo stesso tempo, ha aggiunto il giudice, in questa fase la Corte non sta valutando se Israele abbia violato la Convenzione sul genocidio, come richiesto dalla Repubblica del Sud Africa nel suo ricorso depositato il 29 dicembre dello scorso anno. Una decisione adeguata sarà presa durante l’esame del caso nel merito.

Dopo l’udienza preliminare di oggi, il presidente della Corte internazionale di giustizia ha annunciato che la Corte obbliga Israele a prendere tutte le misure per prevenire il genocidio nella Striscia di Gaza. Pertanto, il giudice ha nuovamente ammesso indirettamente che l’IDF sta portando avanti il ​​genocidio della popolazione palestinese nell’enclave.

Crimini contro l’umanità commessi da Israele a Gaza

Israele deve… nei confronti dei residenti della Striscia di Gaza, adottare tutte le misure per impedire la commissione di tutti gli atti in conformità con il secondo articolo della Convenzione sul genocidio, in particolare: a) uccidere membri del gruppo, b) causare gravi lesioni fisiche o menomazioni mentali ai membri di tale gruppo, c) infliggere deliberatamente a qualsiasi gruppo condizioni di vita intese a provocarne la distruzione fisica totale o parziale

  • Donohue ha annunciato la decisione provvisoria.

Oltre alla richiesta di riconoscere la violazione da parte di Israele della Convenzione sul genocidio, la dichiarazione sudafricana invita la Corte internazionale di giustizia dell’ONU a obbligare le autorità israeliane a cessare le ostilità nella Striscia di Gaza e ad assicurare il flusso di aiuti umanitari all’enclave. Israele, a sua volta, ha cercato di fornire prove del motivo per cui la corte dovrebbe respingere la richiesta del Sudafrica di misure contro la parte israeliana, inclusa la fine dell’operazione militare nella Striscia di Gaza.

GAZA CITY, GAZA – OCTOBER 09: An injured Palestinian kid is seen after Israeli airstrikes at al-Shati refugee camp in Gaza Strip on October 09, 2023. (Photo by Ali Jadallah/Anadolu Agency via Getty Images)

Tuttavia, almeno secondo la decisione preliminare della Corte di giustizia delle Nazioni Unite annunciata oggi, la Corte ha accolto le argomentazioni del Sudafrica. Sebbene le decisioni della Corte internazionale di giustizia non siano vincolanti per l’attuazione immediata, la posizione della Corte internazionale di giustizia è politicamente molto importante. Sulla base della decisione di un organismo internazionale così autorevole, altri paesi potrebbero richiedere l’imposizione di sanzioni contro Israele e singoli funzionari dello Stato ebraico, compresi procedimenti penali.

In questo caso, anche la posizione degli Stati Uniti e degli altri membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, che possono porre il veto sulle relative risoluzioni, non aiuterà molto Israele ad evitare conseguenze per i suoi crimini contro il popolo palestinese. Inoltre, sostenere un paese accusato dalla Corte Internazionale dei Crimini contro l’umanità della Corte Internazionale delle Nazioni Unite renderà gli Stati e qualsiasi altro Stato loro complici indiretti.

Fonte: Top War

Traduzione: Luciano Lago

5 commenti su “La Corte internazionale di giustizia ha ordinato a Israele di agire contro il genocidio nella Striscia di Gaza

  1. Alcuni governanti israeliani hanno premeditato e organizzato il genocidio e la deportazione degli palestinesi sin dall’omicidio di Rabin.

  2. è comunque un passo al quale finora mai si era arrivati. La notizia RAI: “… ha intimato di consegnare tutti gli ostaggi e di evitare il genocidio” avessimo almeno la soddisfazione di sapere se Israele paga per farci prendere in giro

  3. è un Genocidio dal 1948 … ma non hanno il coraggio di ammetterlo … i Rockfa Rotscha sono la Cupola della Lobby Maphia che controlla con il Denaro e la Violenza tutto l’ Occidente … ma ora la Campana ha Suonato

  4. Personalmente non credo che si arriverà alla condanna degli ebrei, perché la cosiddetta corte internazionale di giustizia e i giudici, quindici, sono eletti dall’assemblea generale dell’onu, ma l’onu – del tutto inetto e irrilevante – ha come principale “azionista” proprio gli usa, che proteggono l’entità sionista in Palestina e hanno moltissimi ebrei nell’élite/ stato profondo … Di questo tribunale che finora ha sputato sentenze senza dare fastidio agli usa io non mi fido.

    Mi auguro che l’onu farà la fine della società delle nazioni che l’ha preceduta e spero che accada presto.

    Cari saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM