APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

La corte di Giustizia dell’Aja ordina a Washington di revocare le sanzioni contro l’Iran

La Corte internazionale di giustizia (ICJ) ha ordinato agli Stati Uniti di revocare le sanzioni contro l’Iran che sono collegate ai beni umanitari e all’aviazione civile.
Secondo L’Aia, le misure adottate dagli Stati Uniti potrebbero mettere a rischio la sicurezza dell’aviazione civile in Iran e la vita dei suoi utenti. Queste sanzioni impediscono alle compagnie aeree iraniane “dall’acquisizione di pezzi di ricambio” e attrezzature, e impediscono l’accesso a “manutenzione, servizi di riparazione e ispezioni relative alla sicurezza” che sono necessari per gli aerei civili, afferma la nota .


Inoltre, restrizioni sull’importazione e l’acquisto di beni “per esigenze umanitarie” , come alimenti e medicine salvavita, così come trattamenti per malattie croniche o cure preventive e attrezzature mediche, possono avere un grave impatto sulla salute e sulla vita degli iraniani, ha concluso la corte. Gli Stati Uniti “devono rimuovere ogni ostacolo” alla libera esportazione di prodotti alimentari e medicinali verso l’Iran e alla sicurezza dell’aviazione civile, aggiunge la dichiarazione.

Il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif ha definito la sentenza della corte “un altro fallimento per [le] sanzioni-decretate dagli USA” e una “vittoria per lo stato di diritto”.
Teheran aveva presentato una denuncia contro Washington a luglio di quest’anno, affermando che, ritirandosi l’accordo sul nucleare iraniano, gli Stati Uniti hanno violato il Trattato di amicizia, le relazioni economiche e i diritti consolari firmato nel 1955.

Allora, più di 60 anni fa, le parti hanno convenuto di incoraggiare “scambi e investimenti reciprocamente vantaggiosi” e di mantenere “un più stretto rapporto economico in generale tra i loro popoli”.

Sono trascorsi quasi cinque mesi da quando Donald Trump, da lungo tempo critico nei confronti dell’Iran e dell’accordo nucleare, ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo. La decisione ha incontrato la resistenza dei principali alleati degli Stati Uniti, tra cui Francia e Germania. Il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo è arrivato nonostante l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) abbia confermato l’adesione di Teheran all’accordo in numerose occasioni.

Le rinnovate sanzioni statunitensi a Teheran hanno già costretto le maggiori compagnie europee, tra cui la francese Total, Peugeot e Renault, nonché la tedesca Siemens e Daimler, a sospendere le operazioni in Iran. Ulteriori sanzioni, previste per novembre, riguarderanno il settore petrolifero e marittimo del paese.

Gli Stati Uniti hanno anche minacciato restrizioni secondarie a qualsiasi paese o azienda che continua a condurre transazioni con l’Iran. Le misure e le minacce sono state etichettate come “guerra psicologica” contro la nazione e i suoi partner internazionali dal ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif.

L’UE, tuttavia, sta cercando di mantenere i legami con Teheran a livello economico. Alla fine di agosto, la stessa UE ha concordato un pacchetto di aiuti allo sviluppo iraniano di 18 milioni di euro (20,9 milioni di dollari). Successivamente, il primo ministro belga Charles Michel è stato uno dei primi politici europei a dire che Washington non aveva il diritto di dire alle società europee con chi potevano commerciare e sviluppare relazioni economiche.

Alla fine di settembre, Federica Mogherini, capo degli affari esteri dell’Unione europea, che ha ripetutamente criticato il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo, ha annunciato che i firmatari dell’UE rimangono fedeli all’accordo. Il gruppo sta lavorando per creare canali di pagamento speciali per fare affari con l’Iran.

Fonte: RT News

Traduzione : Sergei Leonov

*

code

  1. Mardunolbo 2 settimane fa

    Cosa diranno ora gli ameri-cojons, servetti di Sion ? Una strana pedata nel culo dalla corte di “giustizia” dell’Aja…
    Aj,aj, che pedata !
    Cosa dirà il Pompeo ? E Crasso cosa dirà ? Ed il baffuto Bolton ? Mi sa che dovrà andare ancora una volta, come già fece in passato, dal presidente della corte a minacciarlo personalmente anche per i figli (se ne ha).
    Aspettiamo il viaggio del Bolton arrogante, ancora una volta ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Max 2 settimane fa

    Certamente il sistema mafioso di minacciare i familiari,
    funziona quasi sempre. Più che arroganza che questi esseri sono
    talmente avidi di potere da sentirsi ‘onnipotenti. Ma a mio modesto
    parere i tempi sono maturi per il Ritorno. I segnali sono sempre più evidenti.
    Confidiamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace