La Corsa al Vaccino: L’ennesima arma americana per il dominio del mondo

di Valery Kulikov

Dall’inizio della pandemia di coronavirus, la corsa al vaccino SARS-CoV-2 è stata trasformata da Washington in una delle imprese scientifiche più costose e politicizzate del 21 ° secolo appena iniziato. Più di $ 10 miliardi sono già stati spesi per il vaccino attraverso il solo programma “Warp Speed” e, durante l’estate i repubblicani del Senato degli Stati Uniti hanno proposto di gettare nell’impresa altri $ 3 miliardi.

Questa corsa al vaccino si è trasformata molto rapidamente da una competizione scientifica apparentemente sana in una corsa per il denaro, per il dominio del mondo, originariamente come risultato della politica degli Stati Uniti. Sullo sfondo di migliaia di cittadini che muoiono ogni giorno a causa del coronavirus in tutto il mondo, Washington ha persino trascinato l’Organizzazione mondiale della sanità in questa oscena attività, prima ricattandoli per lasciare l’organizzazione internazionale, e poi aumentando la spinta attraverso l’OMS e altre leve internazionali per l’uso universale del vaccino americano.

Questa impresa è stata notevolmente facilitata dal fatto che i produttori di farmaci sono principalmente uomini d’affari, “imprenditori amministrativi”, i capi delle agenzie di regolamentazione e delle istituzioni scientifiche statali. E in questo senso, il medico scienziato, immunologo e specialista in malattie infettive americano Anthony Fauci è molto più un magnate farmaceutico che il membro medio del consiglio di Amministrazione della Novartis, che ha “venduto” la corsa ai vaccini alle élite come una ripetizione della corsa allo spazio della metà -20 ° secolo, promuovendo il motto: “il vincitore prende tutto, non possiamo risparmiare sul prestigio della nazione”.

Per spingere il vaccino americano nel mondo, Washington ha creato numerose fondazioni, tra cui una con la partecipazione di Bill Gates, che acquista vaccini per il 60% dei bambini del mondo. Un primo esempio di ciò è stato il progetto Global Alliance for Vaccines (COVAX), emerso nel 2020 come un modo per dare ai paesi un accesso equo ai vaccini contro il coronavirus, indipendentemente dalla loro ricchezza. È guidato dall’Organizzazione mondiale della sanità con la partecipazione attiva di Gavi, un’alleanza di vaccini pubblico-privato finanziata in parte dalla Fondazione Bill & Melinda Gates, e dalla “Coalition for Epidemic Preparedness Innovation” (CEPI), un’altra collaborazione pubblico-privata supportata da lo stesso Gates.

Bill Gates il “missionario” dei vaccini

A questo proposito, sono piuttosto notevoli i recenti contatti tra COVAX e il Kirghizistan, uno dei paesi più poveri, dove l’alleanza ha manifestato la volontà di fornire gratuitamente il vaccino SARS-CoV-2 in un momento in cui il paese non dispone di fondi sufficienti per acquistalo su larga scala. Tuttavia, al Kirghizistan è stato offerto solo il vaccino americano Pfizer, il cui trasporto e stoccaggio, secondo il capo del Ministero della Salute del Kirghizistan, Alymkadyr Beishenaliyev, sarebbe costato allo stato $ 2 milioni, per non parlare della necessità aggiuntiva di acquistare e installare frigoriferi con camere di raffreddamento a -70Cº, che il paese non ha ancora. Inoltre, rappresentanti di Washington, nell’ambito di questo progetto COVAX, hanno persino avviato una discussione da parte delle autorità kirghise sulla possibilità del ritorno degli Stati Uniti, sotto forma di una presunta “struttura medica”, trasformando la base aerea di Manas in quel paese, dalla quale i soldati americani, dopo 13 anni di permanenza lì, erano stati espulsi nel 2014 dalle autorità della repubblica. Allo stesso tempo, i funzionari di Bishkek hanno espresso sorpresa per l’assenza di vaccini russi, in particolare Sputnik V, tra quelli offerti, sebbene non fosse il vaccino americano, ma il vaccino russo che è stato annunciato per la prima volta come vaccino pronto contro la SARS-CoV -2 ei suoi innegabili vantaggi sono già stati dichiarati anche dal Financial Times , Le Monde Diplomatique , La Nación argentina , Bloomberg , The New York Times e molti altri media ed esperti internazionali.

A dimostrazione della loro innegabile fiducia in questo vaccino Sputnik V russo, è stato utilizzato a Mosca nei giorni scorsi dagli ambasciatori di Italia, Turchia, Svizzera e molti leader politici di vari paesi che si sono recati a Mosca appositamente per il vaccino Sputnik V o chi lo ha richiesto per uso personale prima dell’approvazione ufficiale dei loro paesi.

Purtroppo il vaccino americano Pfizer, spinto alacremente da Washington, si è rivelato molto meno favorito in tutto il mondo, con morti o gravi conseguenze già notate in molti paesi: in Norvegia 29 persone sono morte nella prima metà di gennaio a causa del vaccino Pfizer, 13 israeliani aveva una paralisi del nervo facciale, in Germania sono sotto inchiesta le circostanze di 10 decessi di persone vaccinate, in Finlandia, Portogallo e Francia sono state rivelate gravi conseguenze dopo la vaccinazione. Secondo il “Vaccine Adverse Event Reporting System” federale degli Stati Uniti, al 16 gennaio 55 persone nel paese in cui la vaccinazione è appena iniziata erano già morte dopo aver ricevuto la loro prima dose di vaccino Pfizer.

Proteste anti vaccino

In Germania, il personale medico rifiuta di essere vaccinato con un farmaco della Pfizer / Biontech, riferisce Frankfurter Allgemeine Zeitung.

E proprio di recente, è stato rivelato che i soci di Washington avevano esercitato una forte pressione sull’Agenzia europea per i medicinali per l’accettazione urgente per l’uso di massa del vaccino americano, anche se i problemi con il farmaco erano già noti.

In queste circostanze, ci sono state crescenti richieste all’OMS e alle autorità nazionali di diversi paesi di rispondere ai problemi con il vaccino Pfizer e di vietarlo fino a quando non saranno disponibili informazioni esaustive sulla sua sicurezza, o di consentire l’uso di vaccini alternativi, come il Vaccino russo Sputnik V. Più di 50 paesi l’hanno già fatto domanda, nonostante gli sforzi senza precedenti di Washington e dei suoi singoli alleati occidentali per bloccare il processo.

Vaccini presentazione

Numerosi media in diversi paesi stanno ora riportando gli attacchi russofobici palesi e infondati al vaccino russo SARS-CoV-2. In Argentina, in particolare, è stata pubblicata una lettera aperta a sostegno dell’uso del vaccino russo Sputnik V, e migliaia di personaggi pubblici sono rimasti indignati per la sordida campagna di diffamazione nel Paese. Si sottolinea che i falsi sono usati per intimidire la popolazione, come la notizia che il medicinale russo è presumibilmente in grado di “provocare il comunismo”.

Anche se non dovrebbe sorprendere quando anche l’ambasciatore britannico negli Stati Uniti, Karen Pearce, ha detto a Bloomberg che Russia e Cina non dovrebbero uscire vittoriose dalla battaglia con il coronavirus pandemico.

Tuttavia, nonostante tutti questi sforzi russofobici di Washington, è già oggi riconosciuto che è il vaccino russo, in particolare lo Sputnik V, ad avere un ruolo importante da svolgere nella lotta al coronavirus. Business Insider riferisce che questo accadrà anche se all’inizio molte persone erano scettiche sul vaccino russo. Tuttavia, data la logistica relativamente semplice e il prezzo basso del vaccino russo, il suo successo mondiale non è sorprendente.

Per quanto riguarda la corsa ai vaccini senza scrupoli iniziata da Washington, è probabile che l’unico vincitore siano gli avvocati pagati per perseguire un’azione legale per gli inevitabili effetti collaterali dei vaccini che portano il segno di questa campagna di propaganda, della sua politicizzazione e della sua fretta. In particolare per quanto riguarda il vaccino statunitense Pfizer, le cui critiche crescono solo in molti paesi.

Valery Kulikov, esperto di politica, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook ” (Fonte)

Traduzione: Luciano Lago

1 Commento

Inserisci un Commento