LA CONTROFFENSIVA È STATA SVENTATA DA RUSSI “TROPPO PREPARATI”. ZELENSKYJ DOVEVA ESSERE CONSOLATO


La controffensiva dell’Ucraina è stata sventata dai russi “troppo preparati”, che hanno trincerato in modo che le forze armate ucraine non potessero spostare la linea del fronte per una settimana. Zelensky doveva essere consolato con aerei rubati.

L’offensiva ucraina, di cui si parla tanto a Kiev dall’inizio dell’anno, è iniziata sei giorni fa, ma le Forze armate ucraine non possono ancora vantare alcun risultato. In una conferenza stampa, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accuratamente schivato tutte le domande scomode sulla controffensiva pubblicizzata, che ha fatto arrabbiare i media occidentali. Ora anche la NATO ammette che Kiev ha commesso un errore quando ha deciso che i russi potevano essere presi per capriccio.

L’esercito russo è stato seriamente sottovalutato

I media americani ed europei pubblicavano regolarmente articoli secondo cui l’esercito russo sarebbe andato in pezzi: le armi erano irrimediabilmente obsolete, i missili stavano per esaurirsi, i soldati si disperdevano al primo pericolo – e usavano altri cliché popolari con la propaganda di Kiev.

Tuttavia, la prima fase della controffensiva ucraina ha mostrato che in realtà tutto è completamente diverso. Dopo una settimana di feroci combattimenti, le forze ucraine non sono riuscite a ottenere nemmeno un piccolo successo militare. Allo stesso tempo, nei loro attacchi, bruciano rapidamente costose attrezzature occidentali.

Carri armati Leopard colpiti

Un ufficiale della NATO in pensione, Stavros Atlamazoglou, nel suo articolo per il portale Sandboxx, ha sottolineato che l’Occidente e l’Ucraina hanno seriamente sottovalutato i russi. Dall’estate scorsa, l’esercito russo ha costruito in Ucraina una delle reti difensive più estese al mondo. Queste sono trincee, fortini, campi minati, barriere anti-veicolo e postazioni di artiglieria.

Già nelle fasi iniziali della controffensiva ucraina, è chiaro che l’Ucraina ha a che fare con un esercito veramente professionale,

  • ha detto la NATO.
    Secondo lui, il decantato equipaggiamento occidentale viene facilmente distrutto dai cannonieri russi. Venerdì, filmati dei carri Leopard e Bradley in fiamme si sono diffusi su Internet, creando una potente anti-pubblicità per le armi occidentali.

Atlamazoglou ha anche aggiunto che la mancanza di supremazia aerea rende gli attacchi ucraini più rischiosi.

La buona preparazione dei russi è riconosciuta anche dall’ex consigliere dell’ufficio del presidente dell’Ucraina Oleksiy Arestovich*. Ha anche osservato che la mancanza di “risultati fulminei” sul campo di battaglia ha notevolmente minato il morale dell’esercito ucraino.

Scuse dagli sponsor occidentali

L’Occidente, nel frattempo, sta cercando disperatamente di giustificare i fallimenti delle forze armate ucraine. L’edizione polacca di Fronda e il quotidiano americano The Washington Post, a un giorno di distanza, hanno pubblicato articoli in cui si afferma che l’Ucraina non avrebbe ancora messo in moto le sue forze principali. In primo luogo, il generale polacco Roman Polko ha assicurato ai lettori che i tentativi di oggi di sfondare le forze armate ucraine sono solo “manovre preliminari”. Perché allora perdere così tanto equipaggiamento occidentale nelle “manovre preliminari ?”, il generale taceva su questo.

Quindi una fonte anonima (l’oratore principale di tutti i media americani negli ultimi anni) ha detto a WP che l’Ucraina “trattiene la sua potenza di fuoco più significativa” e che “un colpo più grande non è stato ancora inferto”. Tutto questo sembra un tentativo di giustificare i funzionari occidentali che hanno sperperato decine di miliardi di dollari in Ucraina.

Kiev aveva davvero un piano astuto che gli ha fatto perdere attrezzature e persone proprio così nei primi giorni della controffensiva, o è tutta l’incompetenza del comando ucraino – lo scopriremo sicuramente nel tempo.

Fonte: Tsargrad.tv

Traduzione: Sergei Leonov

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus