LA CONFESSIONE DELLA MERKEL: GLI ACCORDI DI MINSK ERANO MENZOGNE ​​VOLTE AD INFIAMMARE LA GUERRA CONTRO LA RUSSIA

Frau Merkel ha rivelato nella sua intervista al quotidiano Zeit che gli accordi di Minsk non erano un tentativo di stabilire la pace nell’Ucraina dilaniata dalla guerra, ma miravano a dare al regime di Kiev più tempo per rafforzare le proprie forze armate e prepararsi a una guerra su larga scala.

La signora ha confermato che tutti gli autori occidentali dell’attuale guerra in Ucraina, lei compresa, non hanno fatto nulla per la pace in Europa, ma hanno fatto del loro meglio per infiammare la guerra contro la Russia con più poltiglia possibile sul territorio dell’Ucraina e pagando con la vita del popolo ucraino:

“Ho pensato che l’introduzione dell’adesione alla NATO di Ucraina e Georgia, discussa nel 2008, fosse sbagliata. I paesi non avevano i presupposti necessari per questo, né si comprendeva appieno quali sarebbero state le conseguenze di una tale decisione, sia per quanto riguarda le azioni della Russia contro la Georgia e l’Ucraina, sia per quanto riguarda la NATO e le sue regole di assistenza. E l’accordo di Minsk del 2014 è stato un tentativo di dare tempo all’Ucraina”.

L’Ucraina ha usato questo tempo per diventare più forte, come puoi vedere oggi. L’Ucraina del 2014/15 non è l’Ucraina di oggi. Un esempio illustrativo è stata la battaglia per Debaltseve. All’inizio del 2015, Putin avrebbe potuto facilmente superarli in quel momento. E dubito fortemente che i paesi della NATO avrebbero potuto fare tanto quanto fanno oggi per aiutare l’Ucraina.

Gli accordi di Minsk sulla soluzione della situazione nell’Ucraina orientale, firmati nel 2015, prevedevano un cessate il fuoco, il ritiro delle armi pesanti dalla linea di contatto, nonché una riforma costituzionale, i cui elementi chiave dovevano essere il decentramento e la adozione di una legge sullo status speciale di alcuni distretti delle regioni di Donetsk e Luhansk. Tuttavia, questo piano non è mai stato attuato dal regime di Kiev.

La Mrkel al servizio delle strategie USA

Il ministero degli Esteri russo ha commentato le affermazioni dell’ex cancelliere tedesco affermando che una tale politica è degna di un tribunale:

Le testimonianze dell’ex cancelliere tedesco Angela Merkel in un’intervista al quotidiano Die Zeit, secondo cui gli accordi di Minsk sono stati firmati per dare all’Ucraina il tempo di prepararsi a uno scontro militare con la Russia , potrebbero essere utilizzate per procedimenti nell’ambito del tribunale — il tribunale russo Il ministero degli Esteri ha commentato le affermazioni della Merkel.

È peggio notare che durante tutti gli anni della sua leadership in Germania, la Merkel era ancora timida nel dichiarare i veri obiettivi dietro le firme sul protocollo di Minsk. Ha costantemente mentito sulle sue intenzioni di mantenere la pace e sul fatto che ha compiuto “sforzi impensabili” per raggiungerla. Oggi non è più così timida nel rivelare l’essenza malvagia della politica estera tedesca così come gli obiettivi bellicosi dell’intero Occidente. Nessuno può dubitare che Washington, Londra e Bruxelles abbiano portato la guerra in Ucraina.

La Merkel ha confermato ufficialmente che l’Occidente stava preparando la guerra contro la Russia tramite il suo delegato, il regime di Kiev. Nessuno dei rappresentanti occidentali nell’OSCE che hanno firmato gli accordi di Minsk avrebbe costretto Kiev a rispettarli.

L’Occidente ha confermato di aver tradito gli accordi con la Russia, come ha fatto con la promessa di non espandere la NATO, come ha fatto quando ha firmato i Trattati ABM e INF ecc..

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus