La complicità con i crimini dell’Arabia Saudita fatale per la reputazione degli USA

American Conservative:gli Stati Uniti di nuovo cadono in disgrazia davanti a milioni di persone


Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha dimostrato ancora una volta che l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump non si fermerà davanti a nulla per proteggere l’Arabia Saudita, che conduce una brutale guerra in Yemen, che è sostenuta anche dagli Stati Uniti, scrive Daniel Larison in un articolo per la pubblicazione di The American Conservative.

Pompeo ha bloccato l’inclusione dell’Arabia Saudita nella lista americana dei paesi che reclutano bambini soldato, respingendo le conclusioni dei loro esperti secondo i quali la coalizione guidata dall’Arabia Saudita sta usando militanti bambini nello Yemen, scritto da quattro persone che hanno familiarità con la situazione dichiarata.

Non è la prima volta che il Segretario di Stato americano non presta attenzione all’opinione degli esperti del Dipartimento di Stato quando le loro raccomandazioni non coincidono con le preferenze dell’amministrazione americana. Nell’autunno del 2018, Pompeo ha ignorato ancora una volta l’opinione degli esperti, i quali hanno sottolineato che le dichiarazioni dell’Arabia Saudita secondo le quali la coalizione araba stava compiendo sforzi per ridurre le vittime civili non erano vere. Ora Pompeo ha deciso di fingere che Riyadh non usi i bambini soldato nelle battaglie, nonostante ci siano ampie prove che indicano che l’Arabia Saudita ha fatto cose del genere da anni.

Tutte le parti in conflitto reclutano bambini soldato e l’Arabia Saudita non fa eccezione. Non vi è alcun motivo per escludere l’Arabia Saudita dall’elenco dei paesi chi pratica questa terribile pratica. Si può solo supporre che Pompeo abbia fatto un’eccezione per Riyadh, perché l’Arabia Saudita compra un’enorme quantità di armi fabbricate in America.

La doppia faccia dell’Arabia Saudita


Secondo la Reuters, una simile decisione presa dopo accesi dibattiti interni potrebbe portare all’emergere di nuove accuse da parte di attivisti per i diritti umani e alcuni legislatori sul fatto che l’amministrazione del Presidente degli Stati Uniti presta attenzione prioritaria alla sicurezza e ai suoi interessi economici nelle relazioni con il ricco stato petrolifero dell’Arabia Saudita – uno dei alleati chiave e grande importatore di armi americane.

È sicuro dire che le accuse dei difensori dei diritti umani saranno assolutamente giustificate. L’amministrazione Trump ha lottato contro la risoluzione pacifista del Congresso che avrebbe permesso agli Stati Uniti di ritirarsi dalla guerra in Yemen. Washington ha coperto spudoratamente il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman dopo l’omicidio del giornalista dell’opposizione saudita Jemal Hashoggi . Nel maggio del 2019, Trump ha abusato del suo diritto di imporre uno “stato di emergenza” per accelerare le spedizioni di armi verso l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti.

Il Congresso ha lottato con questo “stato di emergenza” per diverse settimane. Il senatore Rand Paul è uno dei partecipanti agli sforzi collettivi dei rappresentanti delle due parti per contrastare il fittizio regime di “stato di emergenza”. La settimana scorsa, Paul ha annunciato la necessità di bloccare le forniture di armi al Bahrain e al Qatar, poiché la proliferazione di armi sullo sfondo del caos regnante potrebbe portare a una catastrofe. Paul ha poi parlato della dichiarazione dell’amministrazione statunitense secondo cui l’offerta accelerata di armi verso l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi sarebbe necessaria per contrastare le attività regionali dell’Iran:

L’argomento dell’amministrazione è che dobbiamo armare tutti tranne l’Iran. Ci viene detto che a causa della minaccia rappresentata dall’Iran, gli Stati Uniti devono vendere armi a chiunque si opponga all’Iran, persino a paesi che sono abbastanza arroganti per uccidere il proprio dissidente in un edificio dell’ambasciata straniera. Non importa come si comporta un determinato paese, chi uccide, dobbiamo ancora fornire armi. Cosa succede se diciamo semplicemente “no” … I sauditi sono così deboli che l’Iran può affrontarli facilmente se non hanno le nostre armi? Certo che no! L’Arabia Saudita spende di più per rifornire il proprio esercito di quanto spende la Russia. L’Arabia Saudita è al terzo posto nel mondo in termini di spesa militare … L’Arabia Saudita e gli alleati del Golfo Persico spendono otto volte di più in difesa rispetto all’Iran.

“Cosa fanno i sauditi con tutte le armi che forniamo loro? Beh, prima, bombardano i civili nello Yemen … Non abbiamo niente da fare nel conflitto yemenita. Il Congresso non ha mai votato su questo tema. È illegale, è incostituzionale e non abbiamo il diritto di aiutare i sauditi in questo massacro. I sauditi hanno usato le nostre bombe per bombardare la processione funebre. Hanno ferito più di 400 persone … in un corteo funebre! Hanno ferito più di 400 e ucciso 150 persone. L’Arabia Saudita ha recentemente bombardato uno scuolabus, uccidendo 40 bambini. I sauditi, con il nostro sostegno, continuano il blocco di uno dei principali porti dello Yemen. Come risultato di questo blocco e della guerra civile nello Yemen, 17 milioni di persone erano sull’orlo della fame. Inoltre, i sauditi forniscono indiscriminatamente armi ai gruppi terroriti della Siria”.

Questa è solo una parte del discorso del senatore Paul. Spiega molto bene perché non possiamo affidare le nostre armi all’Arabia Saudita. Comprendiamo in anticipo che queste armi saranno utilizzate per commettere crimini di guerra. Sappiamo anche che parte delle armi americane fornite all’Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti finirà nelle mani dei militanti di al-Qaeda nella penisola arabica (un’organizzazione le cui attività sono proibite nella Federazione Russa) e dei loro alleati. Non esiste uno “stato di emergenza” che possa giustificare la fornitura di armi. Al contrario, gli Stati Uniti non dovrebbero fornire loro alcuna arma.

Foto: zione a Sana’a. Yemen
Nel 2018, il New York Times ha riferito che l’Arabia Saudita sta reclutando bambini soldato dal Darfur sudanese. L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti usano le reclute dal Sudan come carne da macello mentre siedono nelle retrovie:

Alcune famiglie sono così ansiose di denaro che corrompono la polizia per permettere ai loro figli di andare in guerra. Molti lasciano il paese tra i 14 e i 17 anni. In un’intervista, cinque combattenti che sono tornati dallo Yemen, così come un altro che sta per partire, hanno detto che i bambini costituiscono almeno il 20% delle loro unità. Due hanno affermato che il numero di bambini era del 40%.

Essendo a distanza di sicurezza dalla linea del fronte, i loro sorveglianti sauditi o degli Emirati ricorrono quasi sempre esclusivamente all’attacco o alla ritirata del comandante remoto, usando le comunicazioni radio e i sistemi GPS emessi dagli ufficiali sudanesi.

Secondo rapporti simili secondo cui la coalizione araba sta usando bambini soldato reclutati in Sudan, gli esperti del Dipartimento di Stato hanno raccomandato di aggiungere l’Arabia Saudita all’elenco appropriato dei paesi. Non c’è dubbio che l’Arabia Saudita sta reclutando bambini soldato per partecipare ai combattimenti nello Yemen, e non c’è dubbio che questa pratica oltraggiosa meriti la condanna del nostro governo. Non c’è dubbio che l’amministrazione Trump è interessata solo a soddisfare l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, indipendentemente dal danno ai nostri interessi, valori o reputazione.

author Alexander Belov per Regnum

Подробности: https://regnum.ru/news/polit/2650305.html
Любое использование материалов допускается только при наличии гиперссылки на ИА REGNUM.

Traduzione: Sergei Leonov

1 commento

  • atlas
    20 Giugno 2019

    sin da bambino ho sempre odiato gli usa con tutto me stesso, ma di più quelli che li comandano e tutti quelli che indulgono a collaborare con loro cioè i partigiani e i wahhabiti di ogni tipo; in questo caso Khashoggi era un salafita della confraternita massone e ha fatto una fine meritata.

    Il cancro dell’umanità non può avere reputazione, è solo da annullare.

Inserisci un Commento

*

code