La coalizione guidata dagli Stati Uniti ha colpito il checkpoint dell’esercito siriano dopo che la pattuglia americana è stata bloccata nel nord-est della Siria


Da South Front –
Per la prima volta in circa un anno, le forze filo-governative siriane e la coalizione guidata dagli Stati Uniti si sono ritrovate impegnate in quelli che sembrano essere scontri diretti vicino al villaggio di Tal al-Dhahab, nel nord-est della Siria.

Fonti siriane hanno affermato che il 17 agosto un elicottero d’attacco AH-64 Apache ha colpito un posto di blocco dell’esercito siriano nella provincia di al-Hasakah dopo che l’esercito siriano e la gente del posto filogovernativa hanno bloccato un convoglio militare statunitense nell’area. Secondo l’agenzia di stampa statale SANA, l’attacco ha ucciso un soldato e ferito altri due.

È interessante notare che, secondo la versione degli eventi della coalizione guidata dagli Stati Uniti, il convoglio militare statunitense è stato colpito da armi da fuoco da parte di persone non identificate, quando stava passando il checkpoint dell’esercito. Quindi, le forze statunitensi hanno risposto al fuoco. Nessun attacco aereo è stato condotto secondo la dichiarazione degli Stati Uniti.

Tal al-Dhahab si trova a sud della città di Qamishli. Un gran numero di posizioni delle forze democratiche siriane guidate dai curdi e della coalizione guidata dagli Stati Uniti si trovano nelle campagne della città. Le forze statunitensi conducono regolarmente pattuglie in giro per la città. Queste pattuglie spesso cercano di bloccare il movimento dei convogli della polizia militare russa nella stessa area.


A sua volta, l’esercito siriano, i locali filo-governativi e persino la polizia militare russa bloccano anche i tentativi di bloccare i convogli militari statunitensi. Tuttavia, la situazione del 17 agosto è diventata il primo incidente quando tali sviluppi hanno portato a un vero confronto tra le parti. Tenendo conto dell’intensità delle interazioni nel triangolo Siria-USA-Russia, questa situazione sta creando un pericoloso precedente che potrebbe portare a un confronto più ampio tra le parti.

L’ISIS ha condotto con successo diversi attacchi contro le posizioni dell’esercito siriano e delle forze di difesa nazionale nelle province di Homs e Deir Ezzor. Secondo fonti pro-opposizione, nelle ultime settimane vi sarebbero stati uccisi almeno 5 soldati e diversi civili. A partire dal 18 agosto, l’esercito ei suoi alleati locali si stanno preparando a condurre un’altra serie di raid anti-ISIS nel deserto.

La minaccia dell’ISIS rimane ancora un fattore importante ma destabilizzante nel deserto siriano centrale, ma le forze governative mancano di risorse per eliminarlo completamente.

Nel frattempo, la situazione militare si è nuovamente aggravata pericolosamente nella Grande Idlib. Il 17 agosto, una pattuglia congiunta turco-russa è stata attaccata vicino al villaggio di Arihah sull’autostrada M4. L’esplosione di un presunto ordigno esplosivo improvvisato ha colpito un veicolo corazzato Turksih Kirpi. L’attacco è avvenuto nella stessa area in cui il 14 luglio la pattuglia congiunta russo-turca è stata colpita da un’autobomba.

In entrambi i casi, fonti turche hanno ipotizzato quasi immediatamente che le unità di protezione del popolo curdo (YPG) o il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) potrebbero essere stati dietro gli attacchi sostenendo che i gruppi presumibilmente attivi nell’area. Questa è una bugia. Né l’YPG né il PKK hanno alcuna presenza attiva a Idlib meridionale.

Contrariamente alle favole turche, gli unici gruppi terroristici attivi in ​​questa parte di Idlib sono terroristi sponsorizzati dalla Turchia come Hayat Tahrir al-Sham, il Partito islamico del Turkistan e altri. La riluttanza turca a sbarazzarsi dei suoi sostenitori tascabili di Al Qaeda è la principale fonte dell’instabilità in quel paese.

Pertanto, i soldati turchi a Idlib muoiono per proteggere al-Qaeda dall’inevitabile sconfitta in caso di confronto diretto con l’esercito siriano e i suoi alleati.

Fonte: South front

Traduzione : Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code