"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La coalizione a guida USA ha bombardato le forze governative in Siria

La coalizione guidata dagli Stati Uniti ha effettuato diversi attacchi aerei “difensivi” sulle forze siriane in rappresaglia per quello che hanno definito un attacco “non provocato” alle cosiddette forze democratiche siriane (SDF) e contro i “consiglieri” militari stranieri.
“In difesa della coalizione e delle forze partner, la Coalizione ha condotto attacchi contro le forze attaccanti per respingere l’atto di aggressione nei confronti dei partner impegnati nella missione di sconfitta della Coalizione globale-Daesh (Stato islamico, IS, ISIS / ISIL)”, questo il comunicato del Comando centrale USA in un comunicato stampa.

L’attacco di rappresaglia è stato effettuato dopo che “le forze filo-regime siriane hanno avviato un attacco non provocato contro quartier generali delle forze democratiche siriane ben consolidate”, ha affermato la coalizione.

Russia: “Un atto di aggressione”

Senatore russo: Il bombardamento della coalizione degli Stati Uniti in Siria è un “atto di aggressione”.

Un bombardamento della coalizione a guida Usa sulle forze filo-governative siriane è un atto di aggressione senza precedenti, ha detto il senatore russo Franz Klintsevich.
“Le azioni della coalizione statunitense non sono conformi alle norme legali. Al di là di ogni dubbio, questa è un’aggressione “, ha dichiarato alla Interfax, questo Giovedi, Klintsevich, il primo vicepresidente del Comitato per la difesa e la sicurezza del Consiglio della Federazione.

“Gli americani non hanno mai agito così apertamente in Siria – questa azione è senza precedenti.”

Mercoledì, la coalizione guidata dagli Stati Uniti ha dichiarato di aver effettuato diversi attacchi aerei “difensivi” sulle forze siriane per rappresaglia per quello che hanno descritto come un attacco ” non provocato” alle cosiddette forze democratiche siriane (SDF) e ai “consiglieri” militari stranieri.

Più di 100 combattenti in linea con il presidente siriano Bashar Assad sarebbero stati uccisi nel bombardamento, secondo quanto riferito da Reuters, citando un anonimo funzionario statunitense.

L’attacco di rappresaglia è stato effettuato dopo che “le forze filo-regime siriane hanno avviato un attacco non provocato contro quartier generale delle forze democratiche siriane ben consolidate ” , ha affermato la coalizione.

Forze siriane in azione

Sebbene non vi sia alcuna giustificazione legale per la presenza degli Stati Uniti in Siria, che ha subito un conflitto di sei anni e una parziale occupazione da parte dello Stato islamico, un portavoce del Pentagono ha detto a dicembre che le forze statunitensi rimarranno ” finché avremo bisogno, per sostenere il nostro partner e impedire il ritorno di gruppi terroristici. “Il Pentagono in precedenza ha ammesso di avere 1.720 soldati in Siria, più di tre volte di quanti ne aveva precedentemente riconosciuto.

Nel maggio dello scorso anno, le forze statunitensi in Siria hanno bombardato un gruppo di miliziani che combatteva a fianco delle forze governative siriane nel sud della Siria. La coalizione ha dichiarato in una dichiarazione che le forze siriane “hanno rappresentato una minaccia” per gli Stati Uniti e le truppe partner della base militare di Tanf vicino al confine tra Siria e Iraq e Giordania.

Il raid aereo è stato condannato da Mosca. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato che rappresenta l’ennesima violazione della sovranità della Siria da parte degli Stati Uniti.

Ministro degli Esteri russo

“Il comando americano ha spiegato il bombardamento sulle forze siriane filo-governative, affermando che queste forze rappresentano una minaccia all’opposizione che coopera con la coalizione a guida Usa ” , ha detto Lavrov a maggio. ” Qualunque sia la ragione per cui il comando americano ha preso questa decisione, questo bombardamento è illegittimo e illegale. È ancora un’altra una dura violazione della sovranità della Siria “.

All’inizio di giugno, la coalizione guidata dagli Stati Uniti ha colpito le forze filo-governative siriane vicino alla sua base di addestramento di At-Tanf, e abbattuto un drone armato fuori dalla sua zona di deconfigurazione. “Gli Stati Uniti hanno condotto attacchi contro due veicoli tecnici che sono stati valutati come una minaccia per le forze della Coalizione presso la guarnigione di At-Tanf ” , ha twittato il portavoce dell’operazione Inherent Resolve, il colonnello Ryan Dillon.

Fonte: RT News

Traduzione: L.Lago

*

code

  1. Eugenio Orso 3 mesi fa

    Spero che i siriani riescano a mettere le mani sui mercenari SDF e che li torturino bestialmente – assieme ai “consiglieri” usa – prima di eliminarli.
    Sarebbe una giusta nemesi …

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. atlas 3 mesi fa

    la Russia a questo punto NON può tirarsi indietro, ne va del suo prestigio internazionale, dei suoi interessi, della fiducia da parte dei suoi alleati, della sua credibilità e della faccia dello stesso Putin. Oltrechè della sua stessa sicurezza. Gli ameri cani sono nemici di Putin, vogliono la Russia loro serva e ciò non è possibile. I Russi sanno di essere nel mirino anche in Ukraina e in tutto il mondo e si dovranno difendere a tutti i costi pena la loro stessa sopravvivenza. Se gli usa non li hanno ancora attaccati nuclearmente è solo perchè le loro analisi non escludono danni consistenti provocati dalla loro reazione (anche se la Clinton voleva farlo preventivamente), ma lo faranno quando saranno sicuri di essere in grado di contenerli limitando al minimo i danni. Il diritto sta nella forza, solo nella forza, le chiacchere filosofiche le hanno create per i popoli, le masse amorfe non iniziate. Prepariamoci psicologicamente a non avere nemmeno l’energia elettrica per scrivere col pc è solo questione di tempo. Nel frattempo cerco di godermela con le donne

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Manente 3 mesi fa

    Usa ed Israello vogliono la guerra e stanno provocando la Russia in tutti i modi. Se la lobby della finanza sionista al potere negli Usa non viene annientata con tutti i mezzi, la guerra sarà inevitabile. Molto meglio per tutti se Russia, Cina e le stesse popolazioni europee ed americane facciano di tutto per liberarsi anche con la forza delle poche decine di criminali padroni della finanza che hanno deciso di trascinare il mondo nel baratro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Silvia 3 mesi fa

      I criminali naturalmente non sono tutto il popolo, ma ho paura che non siano solo poche decine di persone.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. lister 3 mesi fa

        Questa volta, ha detto una cosa giusta.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Woland 3 mesi fa

      Bisogna far circolare questa idea finché qualche persona di buona volontà non incominci a metterla in pratica.
      negli USA poi non è così difficle. c’è parecchia gente rovinata dai maneggi dei finanzieri criminali, che ha perso casa, lavoro, prospettive future, ma non le armi.
      La gente più colta deve iniziare a fornire nomi, indirizzi, fotografie.
      E ricordare sempre che la cupola della piovra è fatta dagli azionisti della FED.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. atlas 3 mesi fa

        non faranno UN BEL NIENTE, sono persi. Come sai in usa c’è la Guardia Nazionale che si mobilita a convenienza per intervenire con criteri militari a repressione di popolo. Guardia Nazionale composta da riservisti dello stesso popolo chiamati in emergenza sociale. Popolo che non esiste ! Perché sono stati attenti a creare UN’ACCOZZAGLIA DI POPOLI, senza alcun vincolo che non sia il denaro da cui farsi comprare. L’unica cosa da fare qui è la prevenzione. Prevenire che quel sistema democratico sia esportato. Ma mi risulta che la base qui sia MOLTO democratica, ce l’hanno nel corpo la democrazia, sono soddisfatti della democrazia, se no non andrebbero a votare invece…a te le conclusioni. Io volevo andare a vivere per sempre in Tunisia, ma mi hanno distrutto anche quella…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Eugenio Orso 3 mesi fa

    In effetti, la canaglia Usa, i ratti ebrei e i maiali turchi stanno spingendo per allargare il conflitto.
    Non so chi sia il “popolo indispensabile” sulla terra (un’opzione per quello russo?), ma so con certezza chi sono i popoli nocivi: i tre sopracitati, con l’aggiunta dei sauditi …

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kim 3 mesi fa

      Va bene tutto…
      Ma possiamo aggiungere alla lista i maledetti inglesi!?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. atlas 3 mesi fa

        puoi puoi…anche se loro sono il braccio animale di menti molto perfide, fini e diaboliche

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Eugenio Orso 3 mesi fa

        Giusto.
        Ammetto che li ho dimenticati, non essendo altro, ormai, che una stella in più nella bandiera americana …

        Cari saluti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. dolphin 3 mesi fa

    fino a quando la Siria e i suoi Alleati dovranno subire la tracotanza degli usa, non reagire li induce a essere più aggressivi e alzare la posta, appena la situazione lo consente, dovranno avere una lezione che la ricorderanno per decenni, tanto che dovrà essere incisiva, solo così abbasseranno le penne !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kim 3 mesi fa

      … Ok, ma supponi che loro giochino a chi c’è l ha più lungo…
      La posta in gioco è troppo alta.
      A sto giro o va in diplomazia, o va in merda x Tutti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Kim 3 mesi fa

        Idem in n. Korea.
        E che dio la benedica.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mardunolbo 3 mesi fa

    Tutti bei commenti a caldo, sui quali sono d’accordo nel principio.
    Dal punto di vista militare , pero’, la moralmente giusta ,ipotetica, reazione siriana, con strage di ratti e di consiglieri americani solleciterebbe il solito “sdegno” popolare americano (facilmente manovrabile, ben sappiamo dalla seconda guerra mondiale) che darebbe motivazione “morale” ai Serpneti Uniti, di scatenare guerra piu’ ampia.
    In questo caso ,l’inevitabile conflitto con la Russia…
    Quindi ? Non saprei che fare se fossi Assad, perche’ ogni mia mossa di giusta ritorsione contro gli Usa, coinvolgerebbe anche l’alleato russo.
    Quindi mi consiglierei con questo prima di ogni mossa militare di risposta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kim 3 mesi fa

      Esatto…
      Che facciamo disintegrato il mondo x 4 ratti?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. claudio 3 mesi fa

    Stanno dicendo ” noi non ce ne andiamo dalla siria” e qui capisci ancora meglio il ruolo della turchia che può essere decisivo in questo conflitto, infatti non mira ad allargarlo ma a concluderlo. Solo scacciando curdi e americancri che il conflitto in siria può terminare, dopodiche bisogna sigillare lo spazio aereo libanese ed infatti putin sta accordandosi con il libano per operazioni congiunte, scambio di informazioni.. vedrete poi vendite di s400, su35.. e accerchiamo il satanasso giudeo.. aggiungo un piccolo riflesso sulla situazione europea ed italiana: con la fine delle ostilità in siria diventerà obbligatorio cessare l’immigrazione clandestina e sarà giocoforza dare via libera a centinaia di migliaia di rimpatri.. questa chiaramente è la visione politica di un leader che facesse gli interessi del popolo, il problema è trovarlo tale leader..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 3 mesi fa

      io ti voto anche se non ho mai votato in vita mia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Silvia 3 mesi fa

      Il problema non e’ solo trovare tale leader, e’ che tale leader dovra’ agire contro le regole della democrazia europea (nonche’ contro i sentimenti di tanti Italiani cattolici osservanti, che, se si deportano o maltrattano i migranti, hanno paura di andare all’Inferno)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. lister 3 mesi fa

        Gli Italiani cattolici osservanti non sono seguaci del finto papa, quindi, non seguono le sue fisime sui migranti e non li “deportano”
        ma li rimpatriano.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. claudio 3 mesi fa

    Gli italiani cattolici osservanti li abbiamo quasi finiti, ci sono rimasti dei buonisti dal cervello decotto.. invece abbiamo in offerta cattocomunisti schizofrenici con disturbi della personalità, di quelli ne abbiamo in abbondanza, costano poco e consumano niente.. vuoi dire davvero che non si riescano a trovare le parole per far capire che la missione è stata portata a termine e che queste care creature possono finalmente tornare a casa dalle famiglie trepidanti in attesa?? Loro qui rischiano di prendersi un sacco di malattie ( kyenge ) ormai abbiamo capito il giusto stile di vita che ci hanno insegnato, non lo dimenticheremo mai, grazie.. ( boldrini ) il mediterraneo non è un ponte sicuro per quei poverini, anche le nostre navi militari non offrono un comfort sufficiente..molti italiani sono troppo razzisti per quelle anime candide, lasceranno un vuoto incolmabile ma almeno saranno al sicuro.. Come vedi basta ribaltare tutte le parole degli immigrazionisti.. le parole.. viviamo di parole del resto, o no?? Pensi davvero che sia difficile gestire una manica di rincoglioniti ?? (di battista ) no, il difficile è fare l’interesse degli altri, intesi come italiani o europei, CONTRO LA LORO STESSA VOLONTÀ… BENITO MUSSOLINI INSEGNA… ancora oggi… ( vedi le tracce del vero credo Fascista ?? )

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 3 mesi fa

      cattocomunisti…? Dov’è la Dc (la parte che faceva riferimento ad Aldo Moro non alla P2 di Berlusconi). Dov’è il PCI (Berlinguer non è stato mai un puro marxista). Dove sono questi 2 grandi partiti popolari che indussero Steve Piecznik a partire dagli usa per organizzare la fine di Aldo Moro come Henry Kissinger la organizzò per Salvador Allende che gli aveva Nazionalizzato l’industria del rame (esperimento precursore di come sabotare un’unità popolare in una Nazione latina e cattolica). Aldo Moro che negò l’attracco ai sommergibili a propulsione nucleare dei giudei all’isola della Maddalena. Aldo Moro che, ti ricordo, si formò politicamente nei G ruppi U niversitari F ascisti. Istituzioni a quel tempo ancora molto Fascistizzate negli anni ’60 ’70 per cui di fatto l’alleanza DC/PCI realizzava una sorta di Socialismo Nazionale. Visto che non sei più un ragazzino qualcosina a memoria dovresti pure ricordare no ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace