La Cisgiordania è una bomba a orologeria

Con gli estremisti ebrei protetti dall’esercito che scatenano rivolte nelle città palestinesi, e l’Autorità Palestinese, profondamente impopolare e sostenuta dagli Stati Uniti, che riesce a malapena a tenere le redini, la Cisgiordania è pronta per un’esplosione sismica che si trasformerà nel prossimo fronte di guerra di Israele.
Oltre all’assalto militare a Gaza, i partiti religiosi estremisti della coalizione di governo israeliana hanno colto un’opportunità strategica dopo l’operazione Al-Aqsa Flood per lanciare un programma di sfollamento sistematico nella Cisgiordania occupata.

Questa politica furtiva è stata facilitata da diversi fattori, in particolare l’escalation della violenza dei coloni dopo il 7 ottobre, l’aumento della pressione politica sul primo ministro Benjamin Netanyahu e l’influenza simile a una morsa di cui godono i coloni estremisti sulla coalizione di governo israeliana e sulle principali istituzioni governative. in particolare il Ministero delle Finanze

Ad esempio, quasi 250 milioni di dollari del bilancio nazionale stanziato per le spese di guerra nel dicembre 2023 sono stati destinati dal ministro delle finanze radicale israeliano Bezalel Smotrich verso progetti di insediamento in Cisgiordania.

Immediatamente dopo il suo annuncio, l’UE ha criticato le disposizioni sul finanziamento degli insediamenti del bilancio rivisto, sostenendo giustamente che l’espansione degli insediamenti illegali israeliani e lo sfollamento forzato dei palestinesi minano la sicurezza nella Cisgiordania occupata e non renderanno Israele più sicuro.

La guerra silenziosa in Cisgiordania

In risposta, Tel Aviv ha rafforzato significativamente la sua presa sui palestinesi della Cisgiordania. Ciò ha comportato l’impedimento ai lavoratori palestinesi di lavorare in Israele e il rifiuto del ministro delle Finanze di trasferire i fondi palestinesi all’Autorità Palestinese (AP) per pagare gli stipendi dei lavoratori di Gaza.

Sul fronte militare, dal 7 ottobre, Israele ha lanciato una campagna frenetica in Cisgiordania, provocando la morte di centinaia di persone e l’arresto di oltre 6.000 palestinesi. Atti di violenza, sfollamenti forzati di civili e attacchi armati di coloni – resi possibili dai trasferimenti di armi da parte dell’estremista ministro israeliano per la Sicurezza Nazionale Itamar Ben Gvir – si sono intensificati drammaticamente in tutto il territorio occupato.

Ben Gvir, che guida l’agenda nascosta dei partiti nazionalisti e religiosi nella coalizione di governo, ha sfruttato gli eventi della tempesta di Al-Aqsa per sfollare 25 comunità beduine palestinesi, tra cui 266 famiglie, sulle colline orientali vicino a Ramallah e alla Valle del Giordano.

Già quest’anno, sotto la pressione dei suoi alleati estremisti, Netanyahu ha fermato le demolizioni degli avamposti ebraici illegali in Cisgiordania, andando contro la raccomandazione del ministro della Difesa Yoav Galant che sta cercando di allentare le tensioni in Cisgiordania mentre il conflitto infuria nel nord e nel nord di Israele. fronti meridionali.

Insediamento ebraico in Cisgiordania

All’inizio di gennaio, Smotrich e Ben Gvir hanno pubblicamente chiesto lo sfollamento degli abitanti di Gaza per far posto al ritorno dei coloni sionisti nella Striscia di Gaza per la prima volta dalla loro espulsione nel 2005. I loro commenti bellicosi hanno innescato una nuova spaccatura con l’amministrazione statunitense di Joe Biden, che ha aspramente criticato la retorica “infiammatoria e irresponsabile” di Tel Aviv.

La missione di Blinken a Ramallah

La recente visita del Segretario di Stato americano Antony Blinken con il presidente dell’Autorità Palestinese (AP) Mahmoud Abbas non si è concentrata principalmente sulle discussioni del dopoguerra su Gaza, come Washington ha ampiamente suggerito, ma sul contenimento della conflagrazione in Cisgiordania.

Il territorio palestinese occupato è oggi una bomba a orologeria che potrebbe esplodere in qualsiasi momento, per qualsiasi incidente, piccolo o grande, e che potrebbe mettere a repentaglio i frenetici tentativi degli Stati Uniti di disinnescare e gestire l’escalation militare ai confini del Libano.

L’obiettivo principale di Blinken era quello di esercitare pressioni sull’Autorità Palestinese, che governa la Cisgiordania, per prevenire e reprimere qualsiasi rivolta popolare palestinese che potesse portare all’apertura di un terzo fronte di guerra contro Tel Aviv.

La settimana scorsa, le autorità militari e di sicurezza israeliane hanno intensificato i loro avvertimenti ai membri del gabinetto, esortando Netanyahu ad allentare le tensioni per scongiurare una terza intifada, che l’esercito israeliano potrebbe avere difficoltà a contenere essendo fortemente distratto da Gaza, dal Libano e dal significativo impatto economico derivante dall’intifada. Il blocco delle spedizioni in Yemen.

Stati Uniti e Israele non sono sulla stessa lunghezza d’onda

Gli Stati Uniti si trovano ad affrontare tempi molto pressanti mentre si preparano alle imminenti elezioni presidenziali. Nonostante i suoi sforzi per trovare soluzioni temporanee e provvisorie per i disordini regionali scatenati dalla guerra di Tel Aviv a Gaza, Washington si trova sempre più intrappolata in un pantano dell’Asia occidentale, grazie ai suoi recenti attacchi aerei sullo Yemen.

Ciò che preoccupa molto la Casa Bianca è che il suo alleato israeliano sembra essere frustrantemente indifferente al dilemma americano, con Netanyahu molto più concentrato sul suo futuro politico personale e sull’agenda radicale dei suoi partner di coalizione – un’agenda non allineata con gli interessi generali degli Stati Uniti.

Soldati israeliani in Cisgiordania

Nonostante i continui avvertimenti sulla instabile situazione in Cisgiordania, il primo ministro israeliano rifiuta di fare pressione sui suoi alleati, temendo le loro ripetute minacce di abbandonare il governo di coalizione.

Gli Stati Uniti non possono permettersi un’escalation militare in Cisgiordania a causa delle gravi ripercussioni che ciò potrebbe avere sulle loro proposte postbelliche per Gaza e sulla scena politica interna. L’Autorità Palestinese, ora profondamente impopolare tra i suoi stessi elettori palestinesi, è anche una componente cruciale dei progetti statunitensi nell’Asia occidentale, molti dei quali si sovrappongono a varie agende regionali.

Dall’inizio dell’attuale guerra, gli Stati Uniti hanno cercato di coinvolgere l’Autorità Palestinese nella riabilitazione politica postbellica di Gaza, in linea con diversi paesi arabi e occidentali, come passo preliminare verso la ripresa dei negoziati per una soluzione a due Stati tra Israele e Palestina.

Il percorso verso una “pace giusta” è diventato un elemento chiave nelle discussioni tra Washington e Riyadh, in cui quest’ultima insiste su passi tangibili da parte di Israele verso una soluzione a due Stati prima di considerare una piena normalizzazione con Tel Aviv.

Mentre la sempre sfuggente opzione dei due Stati era inizialmente una considerazione secondaria nei colloqui di normalizzazione, il brutale e senza precedenti attacco militare di Israele a Gaza, in cui sono stati uccisi oltre 22.000, per lo più donne e bambini, è ora diventato una componente centrale per l’Arabia Saudita.

Riyadh ha le sue motivazioni, sia interne che esterne, e aderisce fermamente al percorso dei due Stati. Con il crescente malcontento negli Stati Uniti per la gestione della crisi della regione da parte di Biden, la Casa Bianca ha bisogno di una svolta diplomatica nell’Asia occidentale per assicurarsi alcuni guadagni elettorali. I recenti sondaggi, tuttavia, che saranno quasi certamente esacerbati dagli attacchi non provocati della scorsa settimana allo Yemen, continuano a indicare l’insoddisfazione degli elettori statunitensi (57%) per la gestione della politica dell’Asia occidentale da parte di Biden .

Il futuro incerto dell’Autorità Palestinese

Per confondere ulteriormente le cose, l’establishment militare israeliano sostenuto dagli Stati Uniti ha calcoli diversi rispetto al governo guidato da Netanyahu di cui è al servizio. L’obiettivo militare è quello di smobilitare i riservisti e passare a un livello di aggressione meno grave e più mirato a Gaza, in linea con il consiglio degli Stati Uniti, mentre contemporaneamente vengono fatti i preparativi per una potenziale escalation israeliana con il Libano.

Non si sa molto sul coordinamento in corso tra l’esercito israeliano e il Pentagono – in termini di se siano disposti a indebolire gli obiettivi e le tattiche di Tel Aviv – a parte la loro preoccupazione comune che il governo di destra israeliano persegua interessi personali piuttosto che considerazioni strategiche.

Ma evitare un incendio in Cisgiordania è una delle principali preoccupazioni per entrambi, ecco perché questo è stato un punto focale della visita di Blinken con Abbas e della sua diplomazia di spola con i sauditi. La minaccia di un’escalation in Cisgiordania è stata utilizzata anche come leva da parte degli Stati Uniti per strappare i fondi di sgombero palestinesi al governo Netanyahu. La chiave degli sforzi della Casa Bianca è garantire che la debole e inefficace Autorità Palestinese diventi il ​​suo principale partner palestinese per andare avanti e rinominarla come un’alternativa sicura a Hamas e alle altre fazioni della resistenza a Gaza.

Dal 7 ottobre, l’Autorità Palestinese ha cercato copertura politica allineandosi strettamente alle posizioni di Egitto e Giordania, che mettono in guardia Israele e i suoi alleati contro gli spostamenti di popolazione a Gaza e in Cisgiordania. Ciò ha portato a maggiori impegni tra Ramallah, Il Cairo e Amman, il che si adatta bene all’agenda di Washington.

Nessuna di queste cose, tuttavia, nasconde il fatto che un’Autorità Palestinese impopolare, appoggiandosi sugli ora completamente disprezzati facilitatori americani del collasso di Gaza, sta cercando di spodestare una resistenza popolare palestinese, mentre gestisce male molteplici fronti di guerra, con un governo israeliano immune alle richieste o suppliche degli Stati Uniti.

Washington non è riuscita a trovare una soluzione palestinese nei decenni trascorsi da quando è stata raggiunta la pace a Oslo – quindi cosa può fare adesso? I ricchi stati arabi non sono interessati a farsi carico del peso dell’Autorità Palestinese quando perfino gli Stati Uniti riescono a malapena a mantenerla in vita. Perfino il leader degli Emirati Arabi Uniti Mohammad bin Zayed , il punto di riferimento arabo per gli accordi di Abraham con Israele, ha risposto a Netanyahu di “andare a chiedere a Zelenskyj” quando il primo ministro israeliano era venuto a chiedere soldi per sostenere l’Autorità Palestinese.

Le soluzioni provvisorie sono sempre e solo temporanee. Bastano poche gocce d’acqua per distruggere la loro efficacia. Mentre i coloni religiosi si scatenano in tutta la Cisgiordania, per gentile concessione del governo Netanyahu, gli Stati Uniti faranno da balia a tempo pieno da soli, nel vano sforzo di prendersi cura di ogni singolo taglio. Potremmo essere ad un passo dall’implosione dell’intera impresa.

N.B. Le opinioni espresse in questo articolo non riflettono necessariamente quelle della Redazione.

Fonte: The Cradle

Traduzione: Luciano Lago

Un commento su “La Cisgiordania è una bomba a orologeria

  1. Tutto va in malora…………… per le forze del male.
    E’ vero che la Cisgiordania si sta organizzando per la Rivolta. Il Trend !
    Insomma, anglosassoni e sionisti, fissati con la bibbia – un libro che non è sacro – , fissati di essere gli eletti (i WASP sono GLI ELETTI !) hanno sbagliato tutto nella vita. Vatti a fidare di un libro con storielle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM