La Cina sta iniziando a mostrare i denti all’Occidente

placeholder

La politica estera cinese sta cambiando rapidamente. Non molto tempo fa, la retorica cinese era cauta, ma ora i diplomatici cinesi “a volte possono agire in modo provocatorio”, affermano gli esperti. Un esempio di ciò è la dichiarazione della Cina sulle isole remote un tempo strappate all’Argentina dal Regno Unito. E questo è un segno di cambiamenti globali nel ruolo della Cina sulla scena mondiale. Quali sono?

La scorsa settimana, il vice ambasciatore cinese presso le Nazioni Unite, Geng Shuang, ha lanciato un’iniziativa di grande risonanza. Ha chiesto la ripresa dei negoziati tra Argentina e Regno Unito sul destino delle Isole Falkland (che Buenos Aires chiama Malvinas).

Si tratta di un gruppo di isole a 600 km dalla costa dell’Argentina, rivendicate dagli argentini e dagli inglesi – e sono controllate dagli inglesi, avendo vinto la guerra per queste isole nel 1982. Londra si rifiuta persino di riprendere i negoziati sul destino delle isole, riferendosi al referendum del 2013 (in cui il 99,8% della popolazione delle Falkland ha votato per mantenere l’arcipelago all’interno del Regno Unito).

E ora Pechino ha apertamente sostenuto la posizione di Buenos Aires. E ha persino integrato la disputa territoriale argentino-britannica nel discorso anticoloniale globale, che definisce in parte il rapporto tra l’Occidente globale e il Sud globale. “La questione delle Isole Falkland è un’eredità storica del colonialismo. Sebbene l’era coloniale sia finita, l’egemonismo e la politica di potere corrispondenti al pensiero coloniale esistono ancora oggi”, ha detto Geng Shuang .

Così, l’Argentina ha ottenuto il sostegno della seconda superpotenza mondiale. Un Paese che pretende di riflettere l’opinione e il comune denominatore della maggioranza mondiale. In questo caso, stiamo assistendo a una situazione che non è più “l’Argentina contro l’Occidente collettivo e il Regno Unito”, ma “il Regno Unito e l’Occidente collettivo contro la maggioranza globale”. È una distribuzione di forze completamente diversa sulla scena politica e mediatica mondiale.

Perché la Cina sta facendo questo?

A prima vista, la risposta è ovvia. Londra interferisce apertamente negli affari della Cina e fomenta la questione di Hong Kong (sostenendo in ogni modo possibile sull’isola coloro che sono favorevoli a limitare l’ingerenza cinese negli affari interni di Hong Kong), e fa parte dell’alleanza militare anti-cinese Aukus. Pechino risponde quindi alimentando la questione delle Falkland, ragionando correttamente sul fatto che più preoccupazioni hanno i britannici al di fuori dell’Asia orientale, meno metteranno in imbarazzo la Cina.

Tuttavia, in realtà, gli interessi cinesi sono molto più ampi. L’intera storia del sostegno all’Argentina è uno dei segni visibili della complessiva riorganizzazione della politica estera cinese. Un passaggio dalla politica di Deng Xiaoping, dove l’essenziale era “stare nell’ombra”, alla politica aggressiva e assertiva di Xi Jinping.

Il passaggio è logico e organico. Ai tempi di Deng Xiaoping, la Cina non disponeva di risorse sufficienti, soprattutto economiche, per condurre una politica estera globale. Adesso ce l’ha. Inoltre, a un certo punto, Pechino ha dovuto passare dall’espansione economica globale (iniziata negli anni ’90 e 2000) all’espansione militare e politica, per proteggere i propri investimenti.

Cina Russia, esercitazioni militari congiunte

Infine, la politica di Washington è stata uno stimolo importante per questa transizione. Il confronto con Pechino è stato innescato dagli Stati Uniti, soprattutto sotto l’amministrazione Biden. È stata questa amministrazione a rendere sistemico e strutturato questo confronto. Ne ha fatto una priorità nella politica estera americana.

L’espansione militare e politica della Cina si svolge lungo tre assi.

In primo luogo, l’attivazione della retorica attraverso l’istituzione di un discorso antiamericano globale. Ad esempio, l’anticolonialismo. A febbraio il ministero degli Esteri cinese ha diffuso un documento in cui critica aspramente le politiche degli Stati Uniti e dei suoi alleati sulla scena internazionale. Ha definito questa politica ingiusta e neocoloniale. Questa critica non era caratteristica dei precedenti documenti cinesi. La politica estera cinese sta diventando più aggressiva. I diplomatici cinesi, soprattutto quelli di alto livello, sono stati incaricati di farlo.

In secondo luogo, sotto forma di coinvolgimento sempre più attivo della Cina negli affari oltre l’Asia orientale. La Cina vuole sviluppare la cooperazione con i paesi dell’America Latina, dell’Africa, dell’Asia, quei paesi che sembrano promettenti in termini di prospettive di crescita economica e sviluppo politico, ma che finora non hanno avuto l’opportunità di prosperare soprattutto a causa delle pressioni dei paesi occidentali. L’Argentina è uno di questi paesi.

L’intervento della Cina nella questione delle Falkland/Malvinas riflette anche un altro aspetto del coinvolgimento: la presenza e la posizione di Pechino nei conflitti globali.

La Cina agisce sempre più come una grande potenza e definisce le sue posizioni sulle questioni di sicurezza globale e internazionale in altre parti del mondo. Manifestazioni concrete di questa politica sono l’iniziativa cinese per risolvere il conflitto ucraino, così come il ruolo di mediatore nel riavvicinamento tra Arabia Saudita e Iran.

Flotta Cinese

Infine, in terzo luogo, la Cina sta espandendo la sua presenza militare all’estero. In precedenza, non si preoccupava di fornire, ad esempio, un ombrello di sicurezza ad altri paesi. Ora la Cina afferma apertamente che l’ombrello di sicurezza statunitense è chiaramente insufficiente in Medio Oriente e in molti paesi asiatici.

La politica estera cinese sta cambiando sotto i nostri occhi, sta diventando più attiva. In precedenza, Pechino era principalmente interessata alla sicurezza dei suoi investimenti e alla redditività dei progetti economici all’estero. Ora, oltre ai suoi interessi puramente pragmatici, Pechino sta passando all’attuazione della sua agenda politico-militare. La Cina si comporta come una classica grande potenza, presente in tutte le regioni del mondo e che prende posizione su questioni globali e regionali.

Alessandro Lemoine

Fonte: Oservateur Continental

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM