La Cina rifiuta la sfida di Mike Pompeo relativa alla sua rivendicazione di “nazione vicino all’ Artico”

Lunedì il segretario di Stato americano ha twittato che la dichiarazione di Pechino era una “ finzione comunista ”
Il ministero degli Esteri risponde mettendo in contrasto il coinvolgimento cinese nella regione artica con le attività americane nel Mar Cinese Meridionale

di William Langley

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha pubblicato una mappa su Twitter che mostra che la Cina si trova a 900 miglia dal Circolo Polare Artico.
Pechino ha rifiutato l’affermazione del segretario di Stato americano Mike Pompeo con l’attacco alla sua pretesa di essere uno “stato vicino all’artico”, poiché i due paesi continuano a lottare sul ruolo della Cina nella regione.
Pompeo ha twittato lunedì che era una “finzione comunista” che la Cina fosse una nazione vicino all’Artico, pubblicando una mappa che mostrava che il paese si trovava a 900 miglia (1.450 km) dal Circolo Polare Artico.

La portavoce del ministero degli esteri Hua Chunying ha respinto i commenti martedì, contrastando il coinvolgimento della Cina nell’Artico con le attività degli Stati Uniti nel Mar Cinese Meridionale.
“Il signor Pompeo non è male nel calcolare le distanze. Da quando ha scoperto che la Cina è a 900 miglia dal Circolo Polare Artico, ha forse mai misurato la distanza tra gli Stati Uniti continentali e il Mar Cinese Meridionale? ” ha detto la portavoce di Pechino.

Portavoce della Cancelleria cinese

“Il Mar Cinese Meridionale si trova a più di 8.300 miglia di distanza dagli Stati Uniti continentali, o 5.800 miglia di distanza dalle Hawaii. Nonostante tale distanza, la parte statunitense ha ripetutamente inviato navi da guerra e aerei nel Mar Cinese Meridionale per tutti i tipi di esercitazioni militari e ricognizioni ravvicinate, senza interruzioni durante tutto l’anno “.
Se il concetto sono le distanze in miglia marine, Pompeo deve spiegare la logica delle intromissioni degli USA nel Mar cinese meridionale che si trova a 8300 miglia dalle coste USA.
Le tensioni sul Mar Cinese Meridionale sono aumentate negli ultimi anni, con gli Stati Uniti che hanno registrato un numero record di pattuglie per affermare la “libertà di navigazione” nel 2019. La scorsa settimana è stato rivelato che La Cina ha volato un numero record di aerei nella zona di identificazione della difesa aerea sud-occidentale di Taiwan l’anno scorso, che secondo gli analisti avrebbe probabilmente incrementato la sua presenza nel Mar Cinese Meridionale.

Flotta russa nell’Artico


Nell’Artico, le tensioni sono aumentate rapidamente da quando Pechino si è dichiarata uno “stato vicino all’Artico” in un libro bianco nel 2018. Il documento inoltre ha rivelato i piani per una “Polar Silk Road” della Cina come parte del suo controversa Iniziativa Belt and Road.
Anche la crescente cooperazione della Cina con la Russia nella regione artica ha destato le preoccupazioni di Washington. Nel 2018, la “China Development Bank” ha firmato un accordo con la “Vnesheconombank “(VEB) controllata dallo stato russo per fornire investimenti cinesi fino a 600 miliardi di rubli (8,1 miliardi di dollari USA) nella regione artica russa.
“Le nostre relazioni con … l’Artico sono più calde di quanto non lo siano mai state. Dobbiamo mantenere lo slancio, altrimenti la Russia e Cina riempiranno il vuoto “, ha detto Pompeo in un tweet separato lunedì.
Secondo Mia Bennett, una ricercatrice artica del dipartimento di geografia dell’Università di Hong Kong, le preoccupazioni degli Stati Uniti derivano dal timore che stiano rapidamente rimanendo indietro rispetto alla Cina nella regione.
“La Cina ha aumentato le sue capacità nell’Artico in modi che potrebbero sembrare minacciosi per gli Stati Uniti, in gran parte perché potrei sostenere che questi progressi stanno avvenendo più rapidamente di quanto non siano negli Stati Uniti”, ha detto.
Secondo uno studio, la Cina “più degli altri stati” guarda alla futura rotta marittima attraverso l’Artico ricco di risorse

Bennett ha aggiunto che il lancio da parte della Cina del suo primo rompighiaccio costruito internamente, lo Xue Long 2, aveva preoccupato l’amministrazione Donald Trump. Gli Stati Uniti hanno due rompighiaccio operativi – uno che ha 44 anni e l’altro costruito nel 2000. Washington ha ordinato il rinnovo urgente della flotta lo scorso giugno.

Una nave rompighiaccio polare prodotta in Cina raggiunge l’Antartide durante il viaggio inaugurale (foro sopra).
Bennett ha detto che Washington era preoccupata per la cooperazione della Cina con la Russia, ma che l’imminente amministrazione di Joe Biden sarebbe stata meno aggressiva.
“La Cina ha costruito una solida presenza scientifica e commerciale nell’Artico che molti falchi in DC (USA) – e in particolare l’amministrazione Trump – considerano apertamente una presenza minacciosa per gli interessi nazionali e la sicurezza americana”, ha detto.
Pechino afferma che la sua presenza nell’Artico è pacifica.
“La Cina rispetta la sovranità, i diritti sovrani e la giurisdizione di cui godono gli stati artici … ed è pronta a contribuire alla pace, alla stabilità e allo sviluppo sostenibile nell’Artico”, ha detto Hua.


Nota: Pompeo dimentica che il paese a cui appartiene di diritto la maggior estensione della acque artiche è senza dubbio la Federazione Russa con il 44% dell’estensione artica, con un imponente flotta di rompighiaccio e di basi militari che rendono difficile per Washington infiltrarsi nel mar Artico russo. Di conseguenza la Cina dispone di accordi di cooperazione con la Russia per il passaggio nella rotta artica, con buona pace delle pretese americane di dominio sull’Artico.

Fonte: South China Morning post

Traduzione: Luciano Lago

Nessun commento

Inserisci un Commento