La Cina offre aiuto al Venezuela di fronte al sabotaggio elettrico fatto dagli USA


La Cina ha manifestato la sua disposizione a fornire “aiuto tecnico” al Venezuela per ristabilire il sistema elettrico dopo le interruzioni del servizio che ha sofferto il paese sudamericano.
“Se il Governo del Venezuela ha qualsisi necessità di aiuto, la Cina offrirà il suo supporto secondo le sue possibilità”, ha dichiarato questo mercoledì il portavoce del Ministero degli Estri della Cina, Lu Kang.
Dopo aver manifestato la preoccupazione di Pechino per le grosse interruzioni registrate negli ultimi giorni, che hanno reso difficile la vita quotidiana della gente, Lu ha espresso la speranza che Caracas possa verificare la causa del problema e ripristinare il servizio elettrico e l’ordine sociale.
Il gigante asiatico ha confermato di essere disponibile per fornire il suo aiuto e assistenza tecnica al Venezuela, come ha confermato l’alto funzionario nel corso di una conferenza stampa a Pechino.
La Cina ha manifestato in più occasioni il suo appoggio al Governo legittimo del Venezuela, presidiato da Nicolas Maduro, in special modo in presenza del tentativo di colpo di stato dei Juan Guaido, presidente dell’Assemblea nazionale venezolana, – controllata dall’opposizione- che in gennaio si è autoproclamato presidente con il sostegno degli USA.
Anche i paesi dell’Alba attraverso gli ambasciatori e varie altre nazioni hanno espresso il loro appoggio al Venezuela e hanno ripudiato il sabotaggio di cui è stato oggetto il paese latino americano.
Nell’ultimo capitolo delle pressioni esercitate da Washington sul Venezuela, le autorità di Caracas hanno denunciato che gli USA hanno lanciato una “guerra elettrica”contro il paese che negli ultimi giorni ha causato grandi black out del servizio in vari stati causando falle nel servizio di telecomunicazioni, oltre alle interruzioni nella distribuzione della rete idrica, nei trasporti, nei servizi bancari e negli ospedali.
Il servizio è stato poi ripristinato e l’autorità giudiziaria sta mettendo sotto accusa i responsabili fra cui lo stesso Juan Guaidò, per la sua partecipazione all’operazione di sabotaggio.

Ministro Lavrov


Nella giornata di oggi si è registrata anche la dichiarazione del ministro degli esteri russo Lavrov, il quale ha respinto con durezza la dichiarazione del Dipartimento di Stato USA che aveva invitato la Russia a uniformarsi alle direttive dei Washington di non acquistare il petrolio e venezolano.
“Questa richiesta fatta dagli USA è contraria al diritto internazionale ed alla carta delle Nazioni Unite. La Russia manterrà i suoi impegni presi con il governo del Venezuela”, questa la risposta del cancelliere Lavrov.
Lo stesso atteggiamento di Mosca viene mantenuto anche dal governo di Pechino e di Nuova Delhi, paesi che non sono disposti ad uniformarsi all’embargo decretato dagli USA contro il Venezuela.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Lisandro Alvarado

7 Commenti

  • eusebio
    14 Marzo 2019

    Ormai gli USA sono diventati completamente succubi di Israele e invece del diritto internazionale applicano quello talmudico.
    Lo scontro finale è imminente, prima economico e poi militare.

  • Mardunolbo
    14 Marzo 2019

    Il disastro, annunciato, del Venezuela è costituito da Chavez prima che ha preparato i posti di comando ai suoi politici incapaci. Maduro ha destitutito i tecnici ancora capaci di provvedere alle necessità tecniche del paese e Guaidò , il burattino Usa si è intromesso nel disastro per dichiarare la svendita dei servizi, data l’incapacità gestionale del governo Maduro ! Ovvero si trova ,il Venezuela, tra l’incudine ed il martello…la incapacità corrotta di ex comunisti “antimperialisti” e la corruzione pronta del servo degli stranieri che usando la leva anticomunista prepara a svendere la nazione. Possibile che nessuno si renda conto che sono le due facce della stessa vecchia medaglia che ci propinano da decenni ? Ovvio che Russia e Cina si inseriscano per usare, anche loro le ricchezze della nazione sudamericana , per dar fastidio ad Usa. Ma chi ci guadagna e chi ci rimette ? Il popolo venezuelano ci rimette certamente, in un senso o nell’altro.

    • atlas
      14 Marzo 2019

      insomma ne con lo stato ne con le br

      e w ponzio pilato

      e solo tu potevi scrivere un commento del genere. Inutile controargomentare, solo perdita di tempo

  • atlas
    14 Marzo 2019

    e c’è anche questo … bugie su bugie

    Nella ripresa del sistema elettrico nazionale dopo il sabotaggio del 7 e 8 marzo, questo messaggio di Mike Pompeo cercava di generare tensione presupponendo violenze e caos, che metterebbero a repentaglio la sicurezza dei diplomatici statunitensi, che sarebbero pianificati contro il Venezuela. Tuttavia, la decisione di Mike Pompeo non era tale. Nel pomeriggio, il Ministro degli Esteri Jorge Arreaza informava personalmente l’incaricato d’affari americano James Story della decisione di non estendere la permanenza dello staff diplomatico nel Paese, dando una scadenza di 72 ore per lasciare, a causa dei rischi che rappresentavano la pace nazionale. Mike Pompeo rese pubblico il fatto che ritirava il suo staff, quando in realtà, alla luce di quanto affermato dal Ministro degli Esteri venezuelano, eseguiva una decisione del governo di Nicolás Maduro. Conoscendo i costi politici implicati nell’accettare ciò pubblicamente, comprendendo che Washington aveva riconosciuto il vicepresidente provvisorio Juan Guaidó, Pompeo omise la decisione del ministro degli Esteri, affermando che si trattava du una sua decisione.

    http://aurorasito.altervista.org/?p=5962&fbclid=IwAR2z9scpUOpEIAZBMU4UlOAnae_PJi3HzemM8uwriGkHTIlZ6bVT2X3SFYo

  • Mardunolbo
    15 Marzo 2019

    Elogiare Maduro come povera vittima ei perfidi imperialisti, significa perdere di vista la posta in gioco che non è quella a due facce che viene descritta. Con permesso, ricevo dettagliate informazioni direttamente da persone del Venezuela che raccontano senza inganni la situazione reale. E’ quella che descrivo sopra. E basta di idealizzare personaggi che non hanno alcun ideale e sfruttano soltanto la variabilità umorale delle masse.

    • atlas
      15 Marzo 2019

      e chi ha provocato ‘la situazione reale’ ? Chavez buonanima dall’oltretomba a cui loro stessi ce l’hanno mandato ?

      Redazione rispondete voi: una volta anche voi criticavate Maduro no ? Io sono solo un (sto bene grazie non mi faccio mancare nulla) (sono ancora giovanile) rincoglionito, ma con buona memoria

      CON MADURO, SEMPRE. (Mai fatto la bandieruola in vita mia)

Inserisci un Commento

*

code