La Cina minaccia di attaccare le forze statunitensi che difendono Taiwan

placeholder



Il quotidiano cinese “Global Times” afferma che gli Stati Uniti non possono sostenere il costo della difesa di Taiwan e sottolinea che Pechino è pronta a lanciare un attacco contro qualsiasi forza americana in caso di conflitto militare nella regione.
La Cina ha minacciato di attaccare qualsiasi forza inviata dagli Stati Uniti per difendere l’isola di Taiwan.

Il quotidiano cinese, “Global Times”, ha citato una portavoce del partito di governo in Cina, un rapporto in cui ha affermato che Pechino è pronta a lanciare un attacco contro qualsiasi forza americana in caso di conflitto militare nella regione.

“Tali minacce non sono credibili, perché gli Stati Uniti non possono permettersi di difendere Taiwan”, ha affermato il quotidiano cinese.

La minaccia cinese ha fatto seguito alla promessa del consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan che “Washington non permetterà mai un’invasione cinese di Taiwan”.

Il Global Times ha esortato Sullivan a “tenere la sua boccaccia chiusa ed evitare di causare ulteriore imbarazzo al suo paese”.

La Cina ha intensificato la sua pressione militare e politica su Taiwan affinché accetti la sua sovranità, facendo arrabbiare l’isola, che ha ripetutamente affermato che non soccomberà alle intimidazioni e ha il diritto di partecipare all’arena internazionale come paese indipendente.

A sua volta, l’ex ministro della difesa taiwanese ha affermato che le tensioni con la Cina hanno ” raggiunto un livello senza precedenti ” in più di 40 anni, e ha affermato che la Cina sarebbe in grado di effettuare una “invasione totale” dell’isola entro il 2025.
È interessante notare che il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Wang Wenbin, ha avvertito che Washington “dovrebbe agire e parlare con cautela sulla questione di Taiwan “.

Premier cinese passa in rivista le trupe

In precedenza, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha confermato che gli Stati Uniti difenderanno militarmente Taiwan ” se la Cina lanciasse un attacco ” su quest’isola, che considera parte integrante del suo territorio.

Gli Stati Uniti potrebbero diventare irrazionali e costringere la Cina continentale ad agire e vendicarsi alle sue provocazioni, perché i politici falchi anti-cinesi stanno diventando più influenti a Washington, ha riferito un analista in un forum internazionale.
Gli esperti tuttavia concordano sul fatto che i pericoli estremi, inclusa una guerra, rimangono improbabili a breve termine nonostante il rischio sia ancora presente, con la maggior parte della convinzione che la Cina continentale stia controllando lo sviluppo della situazione attraverso lo stretto di Taiwan, ed è l’unico attore con la forza di lanciare un massiccio operazione per risolvere una volta per tutte la questione di Taiwan quando necessario.
Oggi Pechino ha definito la democrazia americana ” un’arma di distruzione di massa “, dopo il summit “For Democracy” organizzato dal presidente Usa Joe Biden per riunire i Paesi.

Fonte: agenzie

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus